venerdì 17 maggio 2019

ORIA - ENFITEUSI OGGI IN CONSIGLIO COMUNALE, ore 18;30.

Oggi in Consiglio Comunale si parlerà di questo argomento.
Sono curioso di sapere se nel corso della discussione si parlerà anche dei numerosi immobili di proprietà  del Comune, oggetto di enfiteusi, come riporta un odierno articolo della Gazzetta del Mezzogiorno.
Secondo un parere della Corte dei Conti Basilicata il Comune si rende responsabile di danno erariale se non richiede il canone enfiteutico ai livellari di immobili di proprietà comunale. Ritengo che il Comune (come già hanno deciso tanti altri Enti) dovrebbe invitare i livellari a chiedere quanto prima l'affrancazione proprio per evitare di rendersi responsabile di danno erariale. Alcuni fabbricati di proprietà comunale sono  ubicati  in città,  in Via Latiano e Viale Regina Margherita.

ORIA NEL 2022 POTREBBE AVERE UNA STAUFERSTEL

Stauferstele al castello Niederhaus vicino a Nördlingen.
Le stele Staufer sono monumenti  finanziati dai donatori che promuovono il comitato dello Stauferfreunde (amici dello Staufer). Scultore è Markus Wolf di Stoccarda-Plieningen, che è diventato noto attraverso i suoi oltre cento monumenti storici distribuiti in Europa.

Trentotto Stele Staufer sono state costruite dal 2000. Una tale rete di monumenti storici è unica al mondo. Trentuno sono in Germania, di cui ventiquattro nel Baden-Württemberg. Una stele è in Francia, tre in Italia, una in Austria, una nella Repubblica Ceca e una nei Paesi Bassi.
Il Comitato amici degli Staufer già dal 2007 ha programmato di donare alla città di Oria una stele.
Mario Capezzuto, cittadino di origine italiana residente a Lorch, attuale Consigliere Comunale nel 2015 aveva pensato di segnalare questa possibilità al Comune di Oria, affinché fosse predisposto un sito nell'allora ristrutturanda Piazza Lorch ove collocare una Stauferstel.

Nel 2016 il borgomastro Bühler insieme a Mario Capezzuto hanno pensato di dedicarsi alla ricerca di donatori per reperire la somma di circa 30mila euro necessaria alla realizzazione della Stauferstel da poter donare alla città di Oria nel 2022, in occasione del 50° anniversario del gemellaggio Oria-Lorch.
Fonti:

giovedì 16 maggio 2019

ORIA - ENFITEUSI: DOMANI SE NE DISCUTE IN CONSIGLIO COMUNALE

Ricevo e pubblico, essendo di interesse generale:
I sei consiglieri comunali di minoranza di Oria, sulla scia di quanto già approvato dai Consigli Comunali di San Michele Salentino, Latiano, Villa Castelli, San Vito dei Normanni e Francavilla Fontana, hanno richiesto l'inserimento nell'ordine del giorno del Consiglio Comunale di venerdì 17 maggio (ore 18;30) di un punto avente per oggetto la questione enfiteusi, affinché si discuta e si approvi un ordine del giorno col quale invitare i parlamentari locali ad intervenire celermente per richiederne l’abolizione o l’affrancazione equa e non penalizzante per i conduttori.
L’Enfiteusi è un diritto reale di godimento su un fondo di proprietà altrui riconosciuto e disciplinato nel nostro ordinamento. L’enfiteuta ha facoltà di godimento pieno sul terreno, ma con l’obbligo di migliorarlo e di pagare un canone annuo.

mercoledì 15 maggio 2019

ORIA - NOVITA' ARCHEOLOGICHE IN AREA CASTELLO?

Stamattina ho notato entrare dalla porta carraia del castello, posta di fronte alla scuola media Milizia, una decina di persone. Fra esse ho riconosciuto alcuni funzionari della Soprintendenza Archeologica e l'Arch. Maria Formosi, direttore dei lavori in atto.

Eh si, lavori, di quale tipo? Boh?

Ritengo che da quella parte di giardino del castello potrebbero venire alla luce importanti evidenze archeologiche per il semplice fatto che è attigua a Parco Sabba-Montalbano, ove sono state fatte delle scoperte interessanti, che a tutt'oggi non sono di dominio pubblico e, cosa ancora più grave, non sono sul posto evidenziate con appositi cartelli descrittivi.

Un giorno, mi è capitato personalmente di assistere ad una visita guidata e la guida di turno non era in grado di spiegare alcunché ai turisti circa le risultanze degli scavi archeologici ivi effettuati pochissimi anni fa.

La sindaca nell'ultimo Consiglio Comunale ha pontificato che sono pronte delle bozze di regolamento da sottoporre all'attenzione dei Consiglieri affinché vengano discusse ed approvate e quindi consentire la fruizione al pubblico di tutti i beni culturali della città. Sarà vero? Boh?

LORCH - INAUGURAZIONE DI PIAZZA ORIA_2 IN PIENA CAMPAGNA ELETTORALE

Image and video hosting by TinyPicRicevo e pubblico:

"Carissimo Franco,
premetto che devo ringraziarti per le notizie "controvento o controcorrente" che pubblichi sul tuo blog. Ciò che hai pubblicato negli ultimi giorni circa l'inaugurazione nella città di Lorch di una piazza ristrutturata è tutta verità.
Purtroppo la verità ad alcuni fa male e qualche SCHIFoso fazioso la scambia per fregnacce.
Per amore della verità vorrei aggiungere un qualcosa che forse tu non sai, insieme a tantissimi oritani (eccetto buona parte di quelli che sono andati a Lorch nei giorni scorsi).
Il 26 maggio nella città di Lorch si vota per l'elezione del 9° Parlamento Europeo e per l'elezione diretta del borgomastro e del Consiglio Comunale.
Il Cav. Mario Capezzuto è nuovamente candidato al Consiglio Comunale nella lista SPD (LINK). Non ti so dire al momento se è candidato anche l'attuale borgomastro Karl Buhler.
Ciò premesso, mi chiedo perché tanta fretta nell'inaugurare tale piazza, considerato che a fine maggio in quella città si terrà la tradizionale Festa del Leone, che vedrà la partecipazione di una delegazione di Oria, composta anche da sbandieratori, rappresentanti di rioni e Compagnia d'Arme Milites.
Averlo fatto in piena campagna elettorale ha forse giovato a qualcuno?
Una famosa locuzione latina: CUI PRODEST?

La domanda nasce spontanea e forse pure la risposta???"
Firmato: Faccia_di_ghisa

martedì 14 maggio 2019

ORIA - NON SPARATE SULLA CROCE ROSSA !!!


Qualcuno  di voi  ha notato la bandiera della croce rossa issata a fianco alla bandiera europea e tricolore, nel piazzale del municipio?
Sapete il detto "Non sparate sulla croce rossa"?
Bene, forse l'amministrazione comunale ha pensato a un espediente per evitare le critiche, che seppur da molti considerate sale della democrazia, a qualcuno bruciano!
P.S.: al flagman del Comune va detto che quando le bandiere sono tre quella italiana occupa la posizione centrale.

domenica 12 maggio 2019

LA VERITA' SULL'INAUGURAZIONE DI UNA NUOVA "PIAZZA ORIA" nella città di LORCH

Con riferimento a un odierno articolo de Lo Strillone intendo mettere in luce che il toponimo Oria Platz esiste in Lorch da molti anni (anno 1972), così come esiste in Oria Piazza Lorch. E questo particolare è sicuramente a conoscenza dei sindaci delle due città, ragion per cui non si può far passar il messaggio che trattasi di novità che consente "di consolidare il gemellaggio tra le due cittadine".
Chi ha passato la notizia allo Strillone non ha detto quindi la verità.... a meno che ignorava l'esistenza di un'altra piazza già intitolata ad Oria, ove su una facciata di fabbricato vi è (o vi era fino a qualche giorno fa) lo stemma della città di Oria e la stessa targa con la scritta Oria-Platz che ieri è stata fotografata su un gobbo di legno e che sarà collocata nella piazza ex Schiller-Platz.

I FATTI
Nel 1972, a conclusione della firma del gemellaggio, le due città di Oria e di Lorch decisero di intitolarsi reciprocamente una piazza. La scelta degli oritani cadde sulla piazza (Largo San Domenico) che, dopo Piazza Manfredi, era ed è la più importante, vasta e ricca di vita sociale della città. (fonte: libro di Pasquale Spina: ORIA, strade vecchie, nomi nuovi; strade nuove, nomi vecchi).
Nella città di Lorch, venne intitolata (se ho ben capito) una piazzetta adiacente al municipio, ove fu apposto lo stemma della città di Oria e una targa rettangolare color bronzo recante la scritta "ORIA - PLATZ".


Nella città tedesca, di recente è stata ristrutturata  Piazza Schiller.
Il giornale tedesco Rems-Zeitung, con un articolo dal titolo "Schillerplatz o Oriaplatz? Le opinioni in Lorch sono divergenti", riferisce che tempo addietro, in una sessione a porte chiuse del Consiglio Comunale di Lorch, al borgomastro Karl Buhler era parso di capire che tutte le forze politiche fossero d'accordo circa la proposta di rinominare in Piazza Oria la  ristrutturata Piazza Schiller, ma, nel Consiglio Comunale del 4 aprile, le cose sono andate in modo diverso. Il gruppo CDU si è mostrato decisamente contrario e ne è scaturito un "acceso dibattito".
 La proposta di rinominazione veniva motivata da tale Schultes con la necessità di mettere in risalto l'importanza del gemellaggio con la città di Oria, dando una collocazione migliore della precedente Piazza Oria.
Il Dr. Dietmar Hermann parlando a nome di tutto il CDU (democristiani) dichiarava di essere orgoglioso e grato dell'amicizia con Oria, ma essendo il gemellaggio sentito solo da un piccolo numero di persone, la rinominazione della Piazza Schiller potrebbe non essere adeguatamente condivisa dai cittadini di Lorch. In alternativa proponeva di denominare uno spazio verde dietro il municipio intitolandolo "Oria - Garden".
 I tre consiglieri del SPD con in testa Mario Capezzuto erano molto confusi su questa proposta del CDU e ricordavano che Oria ha dato il nome "Piazza Lorch" alla piazza più bella della città.
Secondo Capezzuto, Questo grande gesto di collaborazione mostra l'importante gesto di amicizia di Oria nei confronti di Lorch e tale amicizia  non può essere ricambiata con "Oria - Garden". Concludeva: "Il Consiglio deve avere il coraggio di impegnarsi nel gemellaggio con Oria!"
Questa osservazione provocava una tempesta di proteste e il Dr. Hermann  parlava di "insolenza" ed "insinuazione" che il CDU fosse contrario al gemellaggio con Oria sol perché non era d'accordo a rinominare Piazza Schiller.
In calce all'articolo del giornale Rems-Zeitung viene postato un commento a firma di tale Vorneweg il quale si dichiarava preoccupato su quanto accaduto in Consiglio Comunale, in quanto il vento del sud potrebbe far giungere fino alla Puglia e quindi alle orecchie degli oritani (e degli amministratori comunali che erano attesi per un incontro ufficiale) che solo una maggioranza risicata (13 contro 12) aveva votato a favore della rinominazione di Piazza Schiller in Piazza Oria. Ciò potrebbe essere percepito in Italia come un affronto, soprattutto se si considera che il toponimo "Schillerplatz" a Lorch  è stato introdotto nel 2005. La Germania è piena di tale toponimo, mentre Oria è solo presente a Lorch.

Il 18 aprile lo stesso giornale torna sull'argomento col titolo "Schillerplatz diventa Piazza Oria" e riporta quanto segue:
"L'intera procedura è stata un po' complicata e ha causato confusione. Ma il risultato è ora chiaro, anche se scarso: la Schillerplatz di fronte al Lorcher Bürgerhaus viene ribattezzata Oria-Platz!
Nel voto del consiglio comunale due settimane fa sono stati commessi degli errori. Hanno votato la proposta di cambiare il nome del luogo, con 13 voti a favore e 12 contrari. Tuttavia, poiché questa decisione non era valida a causa di un errore procedurale, mercoledì sera è stata votata nuovamente. Questa volta per l'ulteriore richiesta, 12 contro 12 voti senza maggioranza. Così rimane la decisione di rinominare la Schiller Platz in Oria Plaz.






sabato 11 maggio 2019

ORIA - FERVONO I PREPARATIVI PER LA FESTA DEI SANTI MEDICI

Il nuovo comitato feste patronali è impegnatissimo per l'ottima riuscita della festa dei Santi Medici, giorni 21, 22 e 23 c.m..
E' possibile contribuire acquistando biglietti della lotteria del costo di 2 euro cadauno. Primo premio: una FIAT Panda 1.2 a benzina, versione Easy. Il vincitore dovrà farsi carico di pagare l'IVA, la messa su strada e l'IPT, il cui importo complessivo potrebbe essere non alla portata di tutti, ragion per cui, a mio parere, dovrebbe essere consentito di optare per riscuotere il relativo controvalore al netto di oneri del concessionario. Ciò anche perché può verificarsi che il vincitore non ha interesse a portarsi a casa un'auto.



giovedì 9 maggio 2019

ORIA REGALA UN ALBERO DI ULIVO ALLA CITTA' DI LORCH (a caval donato .....)


In questi giorni nella gemellata città di Lorch (Germania) si trova una delegazione di Oria per presenziare alla inaugurazione (11 maggio) della ristrutturata piazza che porta il nome della nostra città. (FONTE: https://www.stadt-lorch.de/Startseite/Rathaus+_+Service/einweihung+oriaplatz_+30_04_19.html)

A rappresentare l'Amministrazione Comunale oltre alla sindaca, il vice sindaco e l'assessora Grassi.
Secondo una fonte confidenziale pare che sono accompagnati dal Segretario Generale e dalla Vice Segretaria.

In una determinazione pubblicata nell'albo pretorio online del Comune è scritto che la Giunta Comunale "ha inteso omaggiare la comunità di Lorch con un albero di ulivo, pianta simbolo della nostra terra". Ovviamente la delibera di G.C. del 3 maggio la leggeremo fra non meno di una decina di giorni (sic! .... ormai siamo abituati)
La pianta, munita di passaporto fitosanitario al fine di poter oltrepassare le Alpi, avente le seguenti misure: vaso 1 metro x 1 metro, diametro pianta piede 40 cm, al centro 20cm, altezza pianta compreso vaso 4 metri, è stata acquistata a nord della cinta di protezione dalla Xylella, presso l'Azienda Agricola Vivai Piante Fortunato, avente sede in Sammichele di Bari (Ba), al prezzo di € 800,00 più Iva al 10%. Non è dato di sapere se nel prezzo è compreso il trasporto fino a Lorch.

Qualche considerazione è d'obbligo circa l'opportunità di donare un albero di ulivo.
In tutta Europa forse sanno che Oria e buona parte della Puglia sono flagellate dal problema Xylella Fastidiosa, che è arrivata fino alla città di Monopoli, distante circa 35 km. da Sammichele di Bari ove è stato acquistato l'albero da donare alla città di Lorch.

La pianta acquistata è della varietà "frantoio", tipica della Toscana e non della nostra terra.

"Il clima perfetto per lo sviluppo corretto della pianta di olivo frantoio è senz'altro quello temperato, con delle temperature minime che non vanno sotto gli 8-10 gradi centigradi sotto il livello dello zero termico, in particolar modo in alcuni periodi, nel momento in cui la pianta attraversa la fase dell'attività vegetativa." Fonte: https://www.giardinaggio.net/frutti/ulivo/olivo-frantoio.asp

A caval donato non si guarda in bocca, ma è lecito pensare che i cittadini di Lorch potrebbero non gradire l'albero di ulivo come pianta da mettere a dimora in una loro piazza, non solo per il sospetto che possa avere attinenza col batterio Xylella, ma anche perché consapevoli che le inadeguate condizioni climatiche potrebbero causarne la morte.

 In Germania, "per aiutare gli ulivi  a sostenere le temperature sotto lo zero degli inverni tedeschi, gli alberi vengono avvolti in teli imbottiti riscaldati all’interno da macchinari a forma di spirale" (FONTE: http://www.askanews.it/video/2015/11/06/in-germania-%C3%A8-chic-avere-un-ulivo-in-giardino-ma-senza-le-olive-20151106_video_17422269/).
Inoltre, pare che una volta impiantati in Germania, gli ulivi  non sono più in grado di produrre i loro preziosi frutti.

Conclusione: vedremo….. disse il cieco!

ORIA - A BREVE SAPREMO I NOMI DEI NUOVI ASSUNTI AL COMUNE.

Sta volgendo al termine la procedura per le nuove assunzioni, delle quali vi ho parlato qualche settimana fa. Alle ore 12;00 di oggi è scaduto il termine per presentare le domande per la mobilità volontaria esterna per un'assunzione catg.B1 Esecutore Amministrativo (precedente post). RadioChianca riferisce che sono due le domande pervenute, entrambe di residenti oritani.
E' prevista una selezione a cura di un'apposita commissione, che valuterà secondo criteri prestabiliti:
CLICCARE SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE

mercoledì 1 maggio 2019

ORIA - VIDEO INAUGURAZIONE MOSTRA NONO DE PACE (20.4.2019)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...