mercoledì 31 ottobre 2018

ORIA - CENTRO DIURNO PER SOGGETTI AFFETTI DA DEMENZA: IN FUMO IL FINANZIAMENTO REGIONALE?

Nel Consiglio Comunale di ieri sera la sindaca, rispondendo all'interrogazione presentata dal consigliere di minoranza D'Ippolito, non ha escluso che il Comune di Oria possa perdere il finanziamento regionale per la realizzazione del Centro Diurno Integrato per soggetti affetti da demenza.
Cliccare per ingrandire.

giovedì 25 ottobre 2018

ORIA - RIFIUTI: VI SPIEGO PERCHE' MONTECO E COMUNE HANNO DATO UNA STERZATA.....

Preliminarmente vi informo che i rifiuti di cui al mio precedente post fino a qualche ora fa non erano ancora stati rimossi. Attraverso vari amici sono stato informato che nelle campagne l'abbandono dei rifiuti negli ultimi giorni è aumentato notevolmente.
Come molti sanno, nell'ultima settimana sono scattati i controlli ai sacchi dei rifiuti NON RICICLABILI posti sui marciapiedi, il cui contenuto in molti casi non è risultato conforme alle regole circa la raccolta differenziata. I sacchi "contestati" (ovvero sacchetti, buste e bustoni), sono stati lasciati sui marciapiedi con ipotetico successivo iter (una quota di essi sono stati riportati in casa dai rispettivi proprietari; altra quota è ancora sui marciapiedi……..ed altra quota è stata forse abbandonata nelle campagne da ignoti).
In questi giorni ho analizzato la problematica e sono arrivato alla conclusione che la "sterzata" in atto da parte della Monteco e dell'Amministrazione Comunale è stata causata da qualcosa che a noi ignari contribuenti viene tenuta nascosta. Sicuramente si tratta di meccanismi legati al tributo cosiddetto ECOTASSA REGIONE PUGLIA e quindi alla percentuale di raccolta differenziata, se si considera che la percentuale media relativa al Comune di Oria per il periodo gennaio-agosto del corrente anno è stata del 62,22 %, ovvero inferiore di circa 3 punti rispetto al minimo previsto dalla normativa vigente (65%). Per la cronaca, nella vicina Latiano l'80 %.
Ad agosto la percentuale è stata del 59,28 %, ragion per cui si è perso molto tempo nell'attivare i controlli, i quali, a mio parere, dovrebbero essere continui, periodici ed a campione.
Ritengo che uno dei principali problemi dell'errato modo di differenziare o dell'abbandono dei rifiuti è causato, per buona parte, dalla mancata conoscenza delle regole da rispettare per separare in casa i rifiuti, oppure dal "rifiuto ostinato" alla differenziata.
Ho avuto modo di parlare con molte persone che sono convinte, per esempio, che non sbagliavano mettendo i piatti e i bicchieri di plastica nel NON RICICLABILE.
 A mio parere i controlli dovevano essere fatti prima e non aspettare il mese di ottobre, quando è ormai concreto il rischio che potremo pagare l'ecotassa per essere al penultimo posto nella classifica dell'ARO/BR1. Non aver fatto prima i controlli non ha permesso a tante persone di abituarsi circa i rifiuti da conferire nell'UMIDO, nella PLASTICA, nel NON RICICLABILE, etc.-
Circa l'abbandono dei rifiuti mi chiedo a quanto ammonta il numero complessivo di evasori della TARI.  Mi riferisco in particolare agli utenti che occupano effettivamente le abitazioni ove producono i vari rifiuti e NON anche ai proprietari di seconde case di fatto non occupate.
Temo che i rifiuti abbandonati nelle campagne ed in città non saranno prelevati per un paio di mesi proprio per evitare che un conferimento in discarica renda impossibile il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla legge sull'ECOTASSA REGIONALE N.8/2018 (in particolare art. 5 ed art.22).
Ecco spiegate le probabili motivazioni della "stretta" di questi giorni da parte della Monteco e della Sindaca Maria Carone.
Cliccare per ingrandire.

lunedì 22 ottobre 2018

ORIA - UNA QUESTIONE DA PORCI.

Piazzetta di Via Marco Pacuvio: foto scattata ieri.
Mi riferiscono che la situazione stamattina è peggiorata.
Pare che quei rifiuti non vengono prelevati da circa 15 giorni.
E' normale ciò?
Monteco e sindaca così intendono risolvere i problemi creati dai PORCI???

venerdì 19 ottobre 2018

ORIA - PARCHEGGI ROSA IN ASSENZA DI DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE, SENZA ALCUN CONTRASSEGNO ROSA? E IL CODICE DELLA STRADA?


Sicuramente non sono stato l'unico ad accorgermi che da qualche giorno nei pressi delle farmacie uno dei due parcheggi riservati ai disabili, già esistenti, è stato tramutato in "parcheggio rosa", con tanto di segnaletica orizzontale e verticale.
Con questo post voglio accendere un riflettore sulla legittimità di tale iniziativa e per farlo utilizzerò dei quesiti:

- cosa prevede il Codice della Strada? Esclude che possano essere riservati parcheggi a donne in gravidanza. Evidenzio che i parcheggi rosa realizzati in Oria ricadono in zona STRISCE BLU, ragion per cui possiamo definire l'iniziativa un privilegio per una categoria di utenti (non previsto dalla legge) che fa risparmiare soldi oltre alla possibilità di trovare uno spazio libero per parcheggiare. In passato, il Ministro dei Trasporti pro tempore, ad una interrogazione parlamentare così rispose: "non risulta coerente con il dettato normativo vigente la scelta di riservare spazi di sosta alle gestanti e puerpere". Per tale motivo alcuni Comuni hanno rinunciato a istituire tali parcheggi rosa (esempio: LINK).

- occorreva una delibera di Giunta Comunale? A mio parere SI, provate a fare una ricerca in Google con le parole chiave: "delibera di giunta parcheggi rosa";

- al fine di scoraggiare atti di furbizia, sarebbe opportuno vincolare tale beneficio al possesso di apposito CONTRASSEGNO ROSA da richiedere agli uffici comunali dietro presentazione di apposita istanza e relativa certificazione? A mio parere SI. Provate a cercare in Google con la chiave di ricerca: "delibera di giunta contrassegno rosa";

- occorreva l'autorizzazione paesaggistica? A mio parere SI. Il MINISTERO DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI con DECRETO 16 marzo 1998. (G.U. 30 maggio 1998, n. 124) ha dichiarato di notevole interesse pubblico il centro storico e le aree limitrofe del comune di Oria, avendo rilevato il particolare interesse paesaggistico dell'area e la sua godibilità da numerosi punti di vista pubblici ed evidenziando come le caratteristiche geomorfologiche ed il tessuto connettivo medievale formino un unicum di eccezionale valore storico-ambientale, meritevole di tutela nel suo complesso. Il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 9 luglio 2010 , n. 139 Regolamento recante procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di lieve entità, a norma dell'articolo 146, comma 9, del decreto legislativo 22 gennaio 2004,n. 42, e successive modificazioni, all'art. 1, comma 1, prevede l'autorizzazione paesaggistica semplificata in caso di interventi di lieve entità [Sono assoggettati a procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 146, comma 9, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e successive modificazioni, recante il Codice dei beni culturali e del paesaggio, di seguito denominato «Codice», gli interventi di lieve entità, da realizzarsi su aree o immobili sottoposti alle norme di tutela della parte III del Codice, sempre che comportino un'alterazione dei luoghi o dell'aspetto esteriore degli edifici, indicati nell'elenco di cui all'allegato I che forma parte integrante del presente regolamento.] - L'Allegato 1 del predetto regolamento, agli articoli 13, 15, 17 e 21 prevede quanto segue: 13. interventi sistematici nelle aree di pertinenza di edifici esistenti, quali: pavimentazioni, accessi pedonali e carrabili di larghezza non superiore a 4 m, modellazioni del suolo, rampe o arredi fissi (la presente voce non si applica agli immobili soggetti a tutela ai sensi dell'articolo 136, comma 1, lettere a), b) e c), del Codice); 15. posa in opera di cartelli e altri mezzi pubblicitari non temporanei di cui all'art. 153, comma 1 del Codice, di dimensioni inferiori a 18 mq, ivi comprese le insegne per le attività commerciali o pubblici esercizi (la presente voce non si applica agli immobili soggetti a tutela ai sensi dell'art. 136, comma 1, lettere a), b) e c) del Codice); 17. ……………...etc;

giovedì 18 ottobre 2018

ORIA - CONSEGUENZE DELL'ASSENZA DI SPAZZAMENTO DELLE STRADE E DEL DISERBO

Piazza Ippocrate
Ufficio Postale
Preliminarmente devo precisare che le foto pubblicate nel post precedente risalgono al 07.10.2018, giorno in cui le ho pubblicate su Facebook in risposta a dei commenti del giornalista oritano Claudio Matarrelli. Aver pubblicato  dette foto forse è servito a sollecitare qualche signore del palazzo a dare il via ad una ripulita in quel sito, dopo alcuni mesi di totale abbandono. Operazione che è avvenuta 3-4 giorni addietro.
Averle pubblicate in questo blog nella giornata di ieri (pochi minuti dopo aver appreso dalla Monteco certi dettagli) è stato un modo per mettere in evidenza gli effetti, a mio parere disastrosi, derivanti dalla eventuale decisione   presa da qualche sindaco (di sesso maschile) o commissaria prefettizia, di ridimensionare il servizio di spazzamento ed azzerare il servizio di diserbo, previsti dal capitolato d'appalto e dalla proposta tecnica progettuale di detto gestore. Non mi risultano proteste da parte di politici di minoranza allorquando è stata adottata tale decisione. Ho sottolineato eventuale decisione per il semplice fatto di volermi cautelare da eventuali smentite ad opera di soggetti interessati.
Comunque, ritengo che nessuno può smentirmi se affermo che molte vie e piazze continuano ad essere sporche e ammorbate da erbacce. A comprova di ciò pubblico un po' di foto scattate stasera in Via Francavilla, Piazza Ippocrate, Ufficio Postale Via Frascata, Viale Ippocrate, Piazza della Libertà, Via Indipendenza, Via Strabone, Via dei Messapi, Via Manduria, Via Attilio Regolo, Via dei Saliconi.
Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate


Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Viale Ippocrate

Via della Costituzione

Cortile Ufficio Postale Via Frascata

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà

Via Indipendenza

Via Francavilla

Via dei Saliconi

Via Attilio Regolo

Via Manduria

Via dei Messapi

Via Strabone

mercoledì 17 ottobre 2018

ORIA - LA CITTA' E' SPORCA E PIENA DI ERBACCE LUNGO LE STRADE E NELLE PIAZZE DI PERIFERIA.

Già, proprio così! Le strade della città non vengono spazzate e lavate; le erbacce lungo le strade cittadine e nelle piazze di periferia non vengono rimosse. Sapete il motivo? Non lo sapete?
Ve lo spiego io per averlo appreso casualmente stasera a seguito di un commento scritto sul social network Facebook da un portavoce del gestore di raccolta rifiuti Monteco.
Ecco il testo del commento: "... le unità destinate allo spazzamento sono state ridotte per poter effettuare senza costi aggiuntivi per il Comune la raccolta porta a porta nell'agro, inizialmente non prevista dal capitolato d'appalto. Inoltre, né il diserbo né lo sfalcio delle erbacce sono di competenza di Monteco, ma affidate dal Comune ad altra ditta."
Possiedo copia del Capitolato Prestazionale e Disciplinare di Oneri relativo alla gara di appalto del servizio, nonché la Proposta Tecnica Progettuale dell'associazione temporanea d'impresa MONTECO - COGEIR, composta da ben 171 pagine. Alla pagina 145, dal titolo DISERBO STRADALE, è scritto quanto segue: "Si tratta del servizio effettuato con le ordinarie operazioni di spazzamento limitatamente alla asportazione dell'erba nascente negli interstizi della pavimentazione stradale, dei marciapiedi e dei muri prospicienti le vie pubbliche. Integrazione sarà effettuata istituendo un servizio specifico (come previsto dall'art.10, lett. H del capitolato d'appalto) che di seguito si inquadra e si definisce nei contorni attuativi. Le piante spontanee provocano nell'ambiente cittadino inconvenienti di immediata percezione da parte dell'opinione pubblica e problemi…….".
Per non rischiare di diventare prolisso, concludo col dire che la problematica andrebbe approfondita da noi cittadini contribuenti, sedendoci attorno ad un tavolo insieme ad amministratori comunali e dirigenti Monteco e verificare, carte alla mano, se tutti i servizi previsti dal contratto vengono regolarmente eseguiti.


Le seguenti foto risalgono al 7 ottobre 2018 (data in cui le ho pubblicate su Facebook) e sono a titolo dimostrativo. In quel sito è stata fatta pulizia 3-4 giorni addietro. I problemi segnalati permangono: http://www.arpa-oria.com/2018/10/oria-conseguenze-dellassenza-di.html  AGGIORNAMENTO POST alle ore 22,16 del 18.10.2018.




ORIA - AREA MERCATO ORTOFRUTTICOLO. (senza parole)





martedì 16 ottobre 2018

ORIA - L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE A PROPOSITO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA.

Le utenze domestiche e quelle commerciali hanno gli stessi obblighi circa gli orari e le modalità di conferimento dei rifiuti, ragion per cui sui marciapiedi non dovremmo vedere bidoni di esercizi pubblici, posizionati in modo permanente!!!!!!
CITTA' DI ORIA
ASSESSORATO ALL'AMBIENTE
  In data 12 ottobre c.a., a seguito di segnalazione della Ditta Monteco circa il mancato ritiro di sacchetti contenenti rifiuti indifferenziati, si è proceduto ad una verifica a campione del contenuto delle buste abbandonate per strada o nei pressi di abitazioni, nonché del contenuto di buste conferite nei cassonetti posti nelle vicinanze di attività commerciali, a cui ne spettava l’esclusivo uso, ciò alla presenza di funzionari della Ditta Monteco, del Sindaco e di un vigile urbano. I risultati sono stati tutt’altro che incoraggianti. In tutti i bustoni aperti sono stati trovati rifiuti di varia natura (carta, organico, plastica, vetro, metallo).
 Non si è proceduto all’applicazione di sanzioni ritenendo di dover far precedere tale adempimento da un ulteriore avviso alla popolazione, un richiamo al senso del dovere, al rispetto delle norme del vivere civile e soprattutto per ricordare a tutti che, in merito all’argomento, è stata emanata dal Commissario Prefettizio, in data 5 aprile 2018, un’ordinanza a tutt’oggi vigente, a cui tutti i cittadini devono attenersi pena l’applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie.
Si comunica, quindi, che a decorrere da lunedì 22 ottobre 2018, di concerto con i funzionari della Ditta Monteco, si procederà ad una verifica, per zone, dei rifiuti conferiti dai singoli utenti e, qualora si riscontrino irregolarità, si applicheranno le sanzioni previste nella citata Ordinanza del Commissario.
 Si raccomanda di osservare attentamente le istruzioni fornite a suo tempo dalla Società Monteco, al fine di non incorrere in sanzioni che vanno da € 100 ad € 500 a seconda della violazione.
Con l’occasione si comunica che per eventuali dubbi o richieste in merito al corretto conferimento dei rifiuti scaricare l'app Monteco e consultare la sezione “rifiutologo”, consultare il sito internet Monteco o chiamare il numero verde 800.80.10.20

domenica 14 ottobre 2018

ORIA - 12 ANNI ADDIETRO.......

sabato 13 ottobre 2018

ORIA E I GRAVI PROBLEMI DERIVANTI DAL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI.

Nella zona del mercato settimanale del mercoledì (ed in particolare Piazza Ippocrate, Via Frascata e  Via Fleming) in questi giorni si è verificato il problema della mancata raccolta di rifiuti (contenuti in dei bustoni) da parte del gestore Monteco.
Da informazioni da me raccolte è emerso che quei bustoni, contenenti rifiuti indifferenziati, erano stati depositati sulla pubblica via da ignoti, in ore antecedenti il mercato del mercoledì. Pare che la Monteco abbia impartito ordini ai propri operatori di non prelevare, come in passato, detti rifiuti indifferenziati, che di fatto sono rimasti sui marciapiedi fino alla mattinata odierna. Il prelievo è stato possibile grazie all'interessamento dell'amministrazione comunale. Infatti nella serata di ieri, venerdì, alcuni componenti della Giunta hanno effettuato un sopralluogo nella zona interessata ed hanno rassicurato alcuni residenti che nell'immediato saranno  prese importanti decisioni in merito e che "la musica cambierà". Lo spero proprio, anche se sono curioso circa la natura dei provvedimenti che saranno adottati. Una cosa è certa: non viene esercitata nessuna vigilanza, sia nei confronti degli incivili che abbandonano i rifiuti, sia nei confronti del gestore Monteco per il rispetto del capitolato d'appalto, se si considera che i residenti della zona lamentano una scarsa pulizia delle strade (in particolare nella giornata del mercoledì) dovuta anche al fatto che gli operatori ecologici non aspettano che tutti i commercianti liberino la sede stradale.
La Monteco, inoltre, pare non rispetti il capitolato d'appalto circa l'obbligo di eliminare l'erba spontanea lungo le  strade ed i marciapiedi.
Vedremo…. disse il cieco!!!









venerdì 5 ottobre 2018

ORIA - RITIRATO ARGOMENTO DA PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE.

In relazione al mio precedente post, vi informo che in data odierna ai consiglieri comunali è stata notificata una comunicazione a firma del presidente del consiglio comunale, concernente la decisione di aver ritirato dall'odg del prossimo consiglio comunale l'argomento n.8 "Approvazione bilancio consolidato esercizio 2017", con la seguente motivazione: "....gli uffici Finanziari hanno comunicato per le vie brevi che non sarà possibile acquisire il prescritto parere dei revisori dei conti in tempo utile per consentire di affrontare la discussione dell'argomento nel prossimo Consiglio Comunale".
Ciò premesso, a mio parere, la relazione dei revisori dei conti doveva essere inviata ai consiglieri comunali insieme alla convocazione ed ai documenti contabili.
Resta il dubbio se la convocazione doveva essere recapitata ai consiglieri in un termine non inferiore a 20 giorni rispetto alla data del Consiglio. Potremo verificarlo in occasione della prossima convocazione per discutere ed approvare detto argomento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...