lunedì 17 marzo 2014

PER SORRIDERE UN POCO.

Caro Franco,
ti scrivo la prisente per dirti che in famiglia acquà a Cellie Mesapico no nci la passiamo morto bene, i cazzanculi no mancunu mai, come speriamo anche di te e della tua famiglia. Tanti saluti da parte di moglierima, di figlioma Rocchino e di canatoma Rocco, lo quale dice ca nata ogni giurnu nel tuo blogghisi SENZA PATRUNI E SENZA NUNNI, dove la quale è detto di riferirti ca ha rimasto morto dispiaciutu ca da quarche giurnu no stai scrivendo una mata menchia.
Appropiamente ti scrivo la prisente pecchè si hanno svegliato in me medesimo certi ricordi puerili essendomi raccontato canatoma Rocco delle cose antichi che sei scritto approposito della carrizza, dei cantri, di Cilistrinu e della neve ca quanno squagghiava assivono li stronzuri.

Tu ca sei amico mio di piccinezza sai che io sono abbitato sott'alla Chiazzedda, con i miei nonni da parte materna, pecchè como tu sai i miei poviri ggenitori honno defungiuto pi spagnola quanno io ero piccino ti la menna. I miei cari nonni, Ngiccu e Cusimecchia, abbitavano di coste casa di SSunta la Paccia, in una casa tipica di una volta, con una sala appena entravi, un'alcova dove dormivano i nonni, una stanza piccola dove dormivano i miei zii Teteo, Sufrasia, Ngalirana, Nzinuddu, Ciccillo, Nonu, Lillinu, Manueli, Premiu e Antimicchiu (quanno ngroffolavano simbrava una cassarmonica), poi nc'era un cucinino dove nci stava la cucina a legna, col tripieti, la firsola, lu burzinettu, e nci stava puru lu vacili co lo sciucamanu. 

Attaccato alla cucina nci stava un cammarino dove intro nci stava Tonpeppo e ttaccata allo parete nci stava la pezzaticantro ca tu sai bene quali funzione aveva. Ammienzo alla sala nci stava un grande tavolo dove nci assettavamo per mangiare, le seggie no abbastavano pe tutti e a volte qualcunu mangiava alla tesa. Le picca stanze e stanzini no avevano porte ma solo tende vecchie e rripizzate. Ha detto bene il tuo lettore Mino1 ca a volte si poteva ardorare il contenuto di Tonpeppo ca si stava stretti ed io ti ggiungo che dove la quale dormivo nella sala sentivo puro i romori quanno tutti andavano a fare i loro bisogni ti corpo nello sgabbozzino di Tonpeppo.

Adesso ti racconto una cosa di quelli tiempi ca mi piaceva assai. La sera agli novi e menza tutti dovevamo stare a lietto. Nonna Cusimecchia ticia l'Avi Maria e alla fini tutti arrispondevamo "Così sia", il nonno Ngiccu stutava la luci e diceva "A Gesù Cristu" e tutti noi grandi e piccinni dovevamo arrispondere accossì che signifisicava "Bonanotti". Mi piaceva morto assai quanno i nonni facevano il pane fattaccasa. La sera prima, nonna Cusimecchia criscia lu luvatu e cirnia la farina cullu sutazzu. La matina alle quattro si azava e colla camisa ti notte e la spaddera ancapo appicciava il fuoco alla cucina colli tumi e la stroma pè scarfari l'acqua pi fari il pane. Io a volte mi sbantavo col romore del fuoco che scattiriggiava e mi piaceva l'ardori ti li tumi che ardivano. Dopo della nonna si alzava il nonno e andava dritto dritto da Tonpeppo. A dire il vero passanno passanno da vicino alla nonna ca aggiostava la farina sobbr'al tavoliere, nci palpeggiava il sedere didietro e dicia "Cusimèèèèè pani frisku osci!" e la nonna ci arrispondeva "Camì camì vani addò sta vai" ovverossia .... a pisciare. Mentre ca si libbirava ti l'acqua ti la ventri scattiriggiava un paro di pipitoni ca nonna Cusimecchia scklamava, tra il serrio e il facetolo: "Uè Ngììììì!" e il nonno ridendo nci arrispondeva assenno colla potea ti li mutandoni ancora aperta "Mugghiè lu sai no? Na pisciata senza pipitu eti comu na festa senza fuechi!".... e magari ne skattiriggiava un altro.

I nonni anzieme sckanavano e timpravano il pane e il nonno tutto allegro e pimpante cantava: "A ieni ca ti tou lu paaaaani! A ieni ca facimu lu paaaaani!" e ogni tanto, (como sia ca la facia a putisio) col sedere nci toccava il sedere alla nonna. Ancora oggi penzo che i nonni si volevano un munno di bene e si sono procriati tanti figli no è solo pecché no ncera la tilivisioni, ma anche pecchè si volevano bene alla veramente .... alla follia folliazza.
Il pane lo facevano a varie forme: panetti, pagnotti e vai-e-ieni ca era quello ca a me mi piaceva di più. Approfittavano pè fare anche la puccia coll'aulive, la cipodda e la sarda intra e anche li pucciareddi ca erano como le piadine moterne. La nonna le friceva e quanno ca erano pronte chiamava a tutti noi e nce li mangiavamo con dite colla ricotta askante, o collo conzirvoni ca era puro askante..... un bucalu ti miero primatiu .... un dirruttu peruno e la giornata poteva accomenzare. Allo più tardo quanno il pane era nfattuto veniva Pietro Santorocco il fornaro e si lo portava al furno ca teneva sott'all'arco.
Ahhh Francu mia.... quiddi si ca erono tiempi belli.... altro che mò.
Beh... pè momento ti saluto manco un frate..... spirando di veterci a Paska.... e si no Francu mia appicciamu la luci.
Conchiuto questa mia lettira salutando sproloquiamente tutti i tuoi illustratissini lettori. 
Tuo defecatissimo amico 'Ntunucciu Ntramalonga.

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...