sabato 8 marzo 2014

FESTA DELLA DONNA ...... POESIA DEL COMPIANTO ATTILIO MINGOLLA.

LA FESTA TI LA DONNA

La femmana nàsciu
già sapimu comu,
criata fo ti Diu
pi 'ffà filici l'omu,

l'angiulu tutelari
ti totta la famigghia,
custoti ti lu fuculari
e di marit'e figghia;

l'èssiri cchiù filici
pi donu sua maternu,
com'atra criatrici
toppu lu Patriternu;

tutori ti la vita
ti criaturi nati,
ti quann'è cuncipita
no ll'è mai 'ngannati;

'nna femmana virtuosa
ti 'ncielu è binitetta,
ci è fideli sposa
è cert'assa'pirfetta;

è la miscunusciuta
cranni lavuratrici,
no è sempr'assa'crituta
pi stent'e sacrifici.

Lu masculu si 'mpupa
e si nni essi fori,
e 'sta criatura muta
sta sgobba ti sutori.

Ci li po' mai 'pprizzari
li pregg'e qualitati,
pi com'à guvirnari
famigghia e casiggiati!

Pirdenni fistiggiamu
'st'eletti criaturi,
sempri cchiù amamu
'st'angili assa'sicuri.

Certu va fistiggiata
la brava criatura,
noni la scimpiata
ch'è disprizzat'e impura;

degna ti plaus'e lodi
merita 'stu campioni,
ca tanta fama goti
pi stim'e ammirazzioni!

8 marzo 1998
Attilio Mingolla

E' vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza preventiva autorizzazione.

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...