sabato 18 gennaio 2014

ORIA. LE STANZE DEL VESCOVO E I LORO AFFRESCHI.

E' un vero peccato non poter visitare questi preziosi scrigni di antica arte e cultura.
 
Un episodio della cultura manierista romana nella seconda metà del Cinquecento in Puglia, ad Oria per la precisione, nell’ episcopio fatto ricostruire dall’ arcivescovo Giovan Carlo Bovio (Brindisi, 1522-Ostuni, 1570). Si tratta in sostanza degli affreschi che decorano i tre sopravvissuti ambienti dell’edificio: la stanza delle allegorie, quella dei paesaggi e l’altra degli stemmi boviani. E’ questa la più elegante ed articolata per le diverse decorazioni a grottesche, che tanto richiamano le maestranze raffaellesche delle logge vaticane, con originali fregi affrescati sulle pareti laterali.
 Floriana Riga, autrice del libro “Oria. Le stanze del vescovo e i loro affreschi“, pubblicato nel 2003, attraverso il confronto stilistico, la tecnica e le note biografiche,  scarta l’ attribuzione degli affreschi a
Pellegrino Tibaldi e Matteo Perez da Lecce, come da altri sostenuto, preferendo, persuasivamente, concentrarsi sulle cerchia romane di Domenico Rietti detto lo Zaga e di Prospero Fontana, che lavorarono entrambi in Castel Sant’Angelo di Roma.   (Fonte notizie: QUI.)

 Per ingrandire cliccare sulle immagini.






Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...