domenica 12 gennaio 2014

ORIA - DIALETTO DA SALVARE!

Più passa il tempo e più rilevo, con rammarico, che il nostro dialetto sta subendo un continuo degrado. Non ritengo opportuno stare qui ad elencare tutte le cause.
A mò di esempio, segnalo che il termine dialettale "compà" (cumpari, compare), fra i giovani di oggi è diventato "coppà", mentre il termine "cucì" (cucinu, cugino) è diventato "cuscì".
Stesso discorso per tanti altri sostantivi, aggettivi, verbi etc.. Inoltre buona dose di scarsa conoscenza  del dialetto, dimostrano tanti oritani nello scrivere frasi in vernacolo.
Riporto un esempio di errore:  "Pi stu problema a nu fattu tanta chiacchiri." (in italiano: per questo problema hanno fatto tante chiacchiere). Ritengo che la forma corretta dovrebbe essere: "Pi shtu problema onnu fattu tanta chiacchiri."

Ricordo a me stesso che 16 anni orsono ho fondato in Oria il Gruppo Teatrale LI SARTAPINZIPPI, i cui obiettivi principali erano: “Promuovere arte e cultura attraverso la realizzazione di lavori teatrali, ovvero commedie sia in vernacolo che in lingua italiana. Rivolgere particolare attenzione al vernacolo, allo scopo di salvaguardare dalla dimenticanza e dal dissolvimento il locale patrimonio linguistico dialettale, di secolare importanza, dal sopraggiungere di nuove mode linguistiche e far si che i giovani tengano sempre presenti termini, proverbi e modi di dire dei propri antenati “.
Come ben sapete, proprio al fine di perseguire le suddette finalità, in questo mio blog è presente sia una raccolta di proverbi che una raccolta di soprannomi locali.

Ho intenzione di pubblicare periodicamente qualcosa di utile per realizzare una sorta di dizionario del dialetto oritano. Ovviamente gradirò eventuali contributi da parte vostra.

Intanto cominciamo con una poesia del compianto Attilio Mingolla, dal titolo, appunto, SARVAMU LU DIALETTU! Poesia che Attilio scrisse proprio in occasione del primo lavoro teatrale de LI SARTAPINZIPPI, in occasione del quale esordì pubblicamente nelle vesti di poeta.
 Lu dialettu sta scumpari
ti l'usanza paisana,
tu lu sienti mò parlari
ch'è surtantu gent'anziana,



ca li giuvini stutienti
l'onnu cuasi 'bbandunatu,
no lu parlunu pi nienti,
ci no è itallianizzatu.

Cce piccatu, cce iattura,
ci si perdi st'idioma,
ch'è 'nna ti cultura
ca la storria no pirdona;

lu linguaggiu e la dizzioni
differenzia 'nnu paisi
pi catenza, pi 'nflissioni
tra orriatan'e franchiddisi,

si canosci 'nnu paisanu
no pi aspett'o pi statura,
ma ci parla orriatanu
è l'identità sicura;

è lu segnu ca distingui
li paisi cunfinanti,
diffirenziunu li lingui
ma ti usanzi sumigghianti.

Vui, stutiusi e littirati
tutti ggenti ti cultura,
mancu pena vui vi tati
cu iavitati sta sciagura?

Insegnanti, educatori,
cu sulerzia pruvvititi,
impignati chies'e scoli
corsi apposta istituiti.

Genitori, operai,
parlati sempri orriatanu,
no priviliggiati mai
a llu dialettu l'itallianu.

Ci sarvamu ti l'usura
cuesta lingua benamata,
la posterità futura
a nui antenati sarà grata.

Oria, 24 gennaio 1998

Attilio Mingolla

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...