venerdì 31 maggio 2013

PER NON DIMENTICARE.... RISPOLVERO UN MIO POST DI UN ANNO FA.

A PROPOSITO DI MAIL CHE RICEVO DA CERTE PERSONE!
Già, proprio così! Sapeste quante "perle" conservo di questo "signore" che molti stimano, rispettano e gratificano con riconoscimenti vari, fino ad eleggerlo CAPO....... PRESIDENTE!

Tre gli aspetti tragicomici del contenuto di queste mail:
- il fatto che il tipo addebitava a me la paternità di un blog che invece aveva creato egli stesso un paio d'anni fa;
- s'impossessa dei "diritti d'autore" di un testo da me scritto circa 6 anni fa a conclusione di una ricerca su una certa "cosa";
- non mi autorizza a pubblicare e diffondere le sue mail.

[PRIMA MAIL:
Egregio cavaliere,

nella giornata di ieri mi sono imbattuto in un blog: ************** che non conoscevo. In detto sito c'è un mio lavoro sul *********************, nessuno mi ha chiesto autorizzazione circa la pubblicazione del mio modesto lavoro. Non ho segnalato la violazione a Google convinto di poter risolvere inter nos tale situazione, Le chiedo la cortesia di eliminare immediatamente tale scritto in quanto non le appartiene e la sua autorevole persona non ha chiesto autorizzazione al sottoscritto alla sua pubblicazione. Cordialità.
F.to: Nome Cognome
(non autorizzo la pubblicazione e la diffusione della presente mail)

--------------------------
SECONDA MAIL:
Egr. Cav. Arpa,

il tecnico al quale il mio legale ha dato incarico di studiare il blog si è reso conto dell'errore da me commesso. In realtà il blog non è stato creato da lei ma dall'ufficio ******* della mia associazione. Le chiedo scusa per questo madornale errore, certo di non averla offesa né molestata.
Scusi, cav., se le ho fatto perder tempo inutilmente.
F.to: Nome Cognome
(non autorizzo la pubblicazione e la diffusione della presente mail)]

giovedì 30 maggio 2013

MI E' STATO RIFERITO DA PERSONALE DEL LOCALE COMANDO CARABINIERI CHE GLI ORITANI SONO FRA I PIU' LITIGIOSI DELLA PROVINCIA E CHE VENGONO PRESENTATE MOLTISSIME QUERELE.....

Vi consiglio (per esperienza diretta) di fare attenzione e di ponderare bene prima di querelare una persona che ritenete responsabile di un reato di competenza del Giudice di Pace, poichè andrete incontro ad enormi fastidi dovuti a grandissime lungaggini procedurali  e conseguente esborso di denaro in favore di un legale, al quale dovete necessariamente rivolgervi all'approssimarsi della prima udienza, che potrebbe arrivare anche dopo 4-5 anni dal momento della querela.
La prima udienza avrà prettamente funzione conciliativa e in caso di mancato accordo fra le parti il giudice dispone un rinvio che può anche sfiorare una decina di mesi.


Vi consiglio di fare prima un altro tentativo di conciliazione previsto dalla legge italiana.

Infatti l’ordinamento giuridico italiano detta norme generali sulla possibilità di intervento non autoritario da parte dei sindaci (nei casi in cui come Oria sono anche Autorità di P.S.) nei conflitti tra privati:
Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, "Testo unico dell e Leggi di Pubblica Sicurezza"
- Art.1, comma 2 : l’Autorità di Pubblica Sicurezza “ per mezzo dei suoi ufficiali, ed a richiesta delle parti, provvede alla bonaria composizione dei dissidi privati”;

Regio Decreto 6 maggio 1940, n. 635,"Regolamento per l'esecuzione del Testo Unico 18 giugno 1931, n.773 delle Leggi di Pubblica Sicurezza”
-Art. 5.
Per la composizione dei privati dissidi di cui all'art. 1 della Legge, l'autorità di pubblica sicurezza invita le parti a comparire dinanzi ad essa in un termine congruo pel tentativo di conciliazione.
- Art. 6.-
L'autorità di pubblica sicurezza chiarisce alle parti la questione di fatto e i principii di diritto ad essa applicabili senza imporre il suo giudizio, e, salvi gli eventuali provvedimenti di competenza dell'autorità giudiziaria, adotta, ove sia il caso, o un provvedimento conservativo di soddisfazione delle parti in contesa o un temperamento di equità che valga a prevenire eventuali incidenti.
Del seguito procedimento si prende nota negli atti di ufficio e si stende processo verbale, ove lo si ritenga necessario.
Il processo verbale, firmato dalle parti e dal funzionario, può essere prodotto e fa fede in giudizio,avendo valore di scrittura privata riconosciuta. Se le parti non possono sottoscrivere, se ne fa menzione.
---------------------
FAC - SIMILE ISTANZA DA INOLTRARE AL SINDACO

Al signor Sindaco di Oria =AUTORITA' LOCALE DI PUBBLICA SICUREZZA=
e, per conoscenza: Al Comandante Compagnia Carabinieri di Francavilla Fontana
Al  Comandante la Stazione Carabinieri di Oria

OGGETTO: richiesta di intervento nella composizione di dissidio privato, ai sensi dell'art. 1 del R.D. 18 giugno 1931, n.773, T.U.L.P.S.

Io sottoscritto ________________, nato_________, residente ___________
 
CHIEDO:

a codesto sindaco, Autorità locale di P.S., di intervenire, a titolo di conciliazione ai sensi dell'art. 1 del R.D. 18 giugno 1931, n. 773, T.U.L.P.S., nel dissidio che intercorre con il  sig._________________il quale____________________________

Ciò premesso,  urge intervento della S.V. ai sensi dell'art. 1 del R.D. 18 giugno 1931, n. 773, T.U.L.P.S., al fine di evitare che il privato dissidio  sfoci in conseguenze ben più gravi, eventualmente anche di natura fisica.

data e firma

ORIA - SECONDO RADIO_CHIANCA LE STRISCE BLU NON SARANNO RIDIMENSIONATE COME RICHIESTO DALLA KOINE', ALLA QUALE INVECE IL COMUNE AVREBBE CONTESTATO VARIE INADEMPIENZE CONTRATTUALI.

Qui di seguito potete leggere il testo di una missiva fatta pervenire dalla Koinè al comune di Oria circa due mesi fa.
 Una vox populi riferiva di un probabile accordo fra Comune e ditta gestrice del servizio, acchè il servizio venisse ridimensionato notevolmente. Qualcosa però pare non abbia funzionato e, sempre in base a voci non ufficiali (rumors..... voci non confermate), il Comune (a mio parere .... tardivamente .... molto tardivamente) ha messo nero su bianco contestando varie inadempienze contrattuali (esempio: mancato impiego di motoveicoli e di palmari per la redazione delle contravvenzioni). 
Sarà vero? Bohhhh ?!?!?!!! Vedremo disse il cieco! Intanto alcuni parcometri della periferia da tempo sono spenti.


Oggetto: Servizio di parcheggi a pagamento " modifiche gestionali anno 2013"
La Società Cooperativa Koinè, in qualità di gestore del servizio di sosta a pagamento con parcometri elettronici nel Comune di Oria (Br), giusto contratto di servizio Rep.8876 del -17 luglio 2012-, con la presente missiva, in seguito all'incontro tenuto in data 21 febbraio 2013 presso la

mercoledì 29 maggio 2013

ORIA - I REVISORI DEI CONTI INVITANO IL SINDACO AD ACCERTARSI SE LA KOINE' E' OBBLIGATA A PAGARE LA TARSU PER LE STRISCE BLU.

Già proprio così.... leggete bene a pagina 13 la relazione del collegio dei revisori dei conti al conto consuntivo 2012 che è stato approvato nell'ultimo consiglio comunale. 

Ricordo a me stesso che nel dicembre scorso avevo pubblicato una sentenza della Corte di Cassazione, dalla quale si evince chiaramente che i gestori del servizio parcheggi a pagamento sono obbligati al pagamento della Tarsu.

ORIA - CONSIGLIERI COMUNALI DI MINORANZA INVIERANNO ALLA CORTE DEI CONTI LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AL DEBITO FUORI BILANCIO RELATIVO ALLA VICENDA "RISARCIMENTO A GEOM. ANTONINI".

Quanto appresso è stato oggetto di intervento nell'ultimo consiglio comunale da parte del consigliere Mimino Ferretti, in non e per conto del suo gruppo consiliare (Io amo Oria, cui fa parte anche il dr. Angelo Mazza).



RICONOSCIMENTO DEL DEBITO FUORI BILANCIO
Con riferimento al riconoscimento del debito fuori bilancio relativo alla vertenza Antonini/Comune, si ricorda al Consiglio che la sentenza n. 6010 del 28/11/2012, esecutiva ai sensi di legge, è datata 13/07/2012 ed è stata depositata presso la Segreteria del Consiglio di Stato in data 28/11/2012. Copia del provvedimento è stata trasmessa alle parti in causa lo stesso giorno 28/11/2012, come attesta il timbro posto in calce, pertanto è certo che il Comune di Oria sia venuto a conoscenza  della stessa sentenza già nel corso del 2012, ciò a prescindere dalla notifica formale ai fini esecutivi avvenuta ad opera del legale di controparte, perfezionatasi il giorno 29/01/2013 con la ricezione al protocollo dell’Ente.
Come affermato da autorevole dottrina, prima della pubblicazione della sentenza il debito è futuro e soprattutto incerto, e si è nell'impossibilità di adottare alcun provvedimento di impegno; in sostanza il debito sorge nel momento in cui viene adottata la decisione da parte del giudice: solo in quel momento si concretizzano tutti i requisiti generali che il debito deve avere ai fini del riconoscimento.

martedì 28 maggio 2013

ORIA - IL PARERE DEL N.A.S.O. SULLE VARIE ESTERNAZIONI DEL DR. ALESSANDRO PERRUCCI.

Nei giorni scorsi ho comunicato al Dr. Perrucci che avevo richiesto un parere sulla vicenda che lo riguarda sia al N.A.S.O. che a Benny La Vespa, uno dei suoi AMICI Facebook col quale ha scambiato nei mesi scorsi dei commenti che ritengo interessanti (cliccare QUI).
 Orbene, non mi è stato possibile contattare La Vespa in quanto pare sia tornato nella fogna, sua abituale dimora.
Il parere del N.A.S.O. è invece il seguente:

Alessandrino ..... l'anarcorpiddino.

In data 25.5.2012 sull'ESPRESSO veniva pubblicato un articolo a firma di  Michele Serra dal titolo "Ci sono anche gli anarcopiddini". Sottotitolo: "In Italia sono tornati alla ribalta gli anarchici, in tutto cento persone divise in sessanta gruppi. Oltre agli informali e agli individualisti, notevoli quelli che hanno preso la tessera democratica, trovando nel caos di quel partito la piena realizzazione dei loro ideali."

Orbene abbiamo motivo di ritenere che l'oritano Alessandro Perrucci è da collocare in quegli anarchici che secondo Michele Serra hanno preso la tessera democratica.
Infatti detto articolo concludeva così: [Anarchici riformisti. Pur sapendo di incarnare un ossimoro, gli anarcoriformisti sono una piccolissima cellula che ha deciso di entrare nel Pd a causa dell'impareggiabile caos che regna in quel partito. "In nessuna epoca e in nessun partito", si legge in un loro volantino, "l'assenza di ordine e l'estinzione di ogni gerarchia ha mai raggiunto vette così alte. Il Pd è ormai molto prossimo alla trionfale instaurazione dell'anarchia! Manca solo l'ingresso di una componente quacchera e di una nudista, ma ci stiamo lavorando".]
Ci state chiedendo che c'azzecca il discorso sugli anarchici? La risposta è semplice: Sul profilo Facebook del dr. Perrucci si legge testualmente [orientamento politico: anarchico di sinistra.]

E di palo in frasca vi riportiamo un passaggio dell'Enciclopedia online TRECCANI alla voce ANARCHISMO: Gli anarchici in realtà hanno preso più alla lettera e applicato in modo più completo di qualsiasi altro suo lettore la famosa massima dello storico inglese, lord J. Acton: -Nel potere è il germe della corruzione, e nel potere assoluto v'è corruzione assoluta".


Lasciamo gli anarchici e facciamo un passo indietro nei secoli ..... fino ad arrivare a Giulio Cesare.
Sul web (fonte) abbiamo pescato una cosa carina circa la famosa storiella sulla MOGLIE DI CESARE.
[Plutarco, nel decimo capitolo della Vita di Giulio Cesare, ci informa che durante un festino dedicato alla dea BONA (ehehehe), riservato a sole donne, la moglie di Cesare invitò al festino un suo amante, Publio Clodio, travestito da suonatrice; anche se all'epoca non c'erano fotoreporter  i graffiti sui muri avevano la funzione di Novella Duemila e di Verissimo, la cosa,  quindi, fece ugualmente scalpore con tanto di Clodio trascinato in Tribunale. Cesare fu citato come teste nel processo e al P.M. disse "nulla saccio e nulla vidi",  sollecitato dal P.M.  a maggiore chiarezza pronunciò la famosa frase: "la moglie di Cesare DEVE essere al di sopra di ogni sospetto"; ribadendo l'intoccabilità dei potenti e di chi è loro "affine" o collaterale e ricordando al giudice e non solo a lui, quale è la funzione vera della LEGGE: sanzionare soltanto i sottoposti al potere politico ed economico.]

Riteniamo che quanto sopra possa avere un pò di attinenza col caso in esame.

Concludiamo con alcuni spunti di riflessione:
- il Perrucci avrebbe fatto meglio a dimettersi da segretario di un partito di maggioranza, prima ancora di essere assunto da detta Coop?
- se in epoca diversa (diciamo... ai tempi dell'amministrazione Ferretti)  fosse stato assunto per detto lavoro altro giovane, con gli stessi titoli del Perrucci, il Perrucci medesimo avrebbe taciuto?
- il Perrucci nel suo affannarsi nel botta e risposta con Sorrento è stato sempre sincero? Ha detto involontariamente qualche imprecisione? (all'uopo vi invitiamo a leggere un saggio filosofico di un autore americano contemporaneo. Cliccare QUI.);
- se in politica il NUOVO è questo (insieme a Francesco Biasi & C.) quale sarà il futuro di Oria?

Cordialmente. ........................................... IL N.A.S.O.

ORIA - ALESSANDRO PERRUCCI CONTESTA A GIANFRANCO SORRENTO DI GETTARE NELL'AGONE DEL TRITACARNE POLITICO......



IL RUGGITO DEL CONIGLIO
A differenza del Dott. Sorrento, è mia consuetudine scrivere un articolo che poi dovrà essere pubblicato, rivolgendomi ai lettori, e non a chi vorrei colpire con quell’articolo medesimo: fu il primo insegnamento impartitomi dal mio ex Professore di Linguistica italiana, studioso molto pignolo e competente in materia. Dunque, grave errore da parte di un laureato in Scienze della Comunicazione scrivere un articolo rivolgendosi al proprio interlocutore come se fosse in un’aula di tribunale. Questione di stile!!!

ORIA - ULTIM'ORA: PINO MALVA SI E' DIMESSO DA ASSESSORE. CONSEGUENZA DELLA FUORIUSCITA DEL MOV. POL. "ORIA E'" DALLA MAGGIORANZA.

In verità  alla fine di gennaio scorso Malva si era autosospeso. Leggere QUI.

ORIA - CONSIGLIO COMUNALE DI IERI SERA. RINVIATA DISCUSSIONE E RICONOSCIMENTO DEBITO FUORI BILANCIO VICENDA "RISARCIMENTO GEOM. ANTONINI"

All'odg. del consiglio comunale di ieri era stato aggiunto un argomento: =RICONOSCIMENTO DEBITO FUORI BILANCIO VICENDA "RISARCIMENTO GEOM. ANTONINI"=

L'argomento, inserito in coda agli altri, è stato rinviato a successiva seduta, in quanto dopo che per circa mezzora l'assessore Assanti, su invito del presidente Metrangolo, si era letteralmente spilittatu l'anima per illustrare, seppur in modo sintetico, la vicenda lunga di anni ed anni di contenzioso, il consigliere Tommaso Carone si ricordava di prendere la parola per dichiarare che era costretto ad uscire dall'aula in quanto non riteneva valida l'aggiunta di detto argomento, a causa di un difetto di notifica, avendo egli ricevuto tardivamente la relativa documentazione.
Tale comportamento veniva pesantemente censurato dal consigliere Mimino Ferretti, il quale avrebbe preferito sentir pronunciare dette parole al Carone nel momento in cui il presidente aveva aperto la discussione sull'argomento. Metrangolo aggiungeva che era stata data comunicazione ai consiglieri in data 24 maggio.
L'argomento che non potrebbe essere discusso in seconda convocazione è rinviato a data da destinarsi.
Ciò premesso, intravedo il rischio che il geom. Antonini nelle prossime ore possa muovere energici passi contro il Comune se il pagamento di quanto di sua spettanza non sarà eseguito entro  i 120 giorni dalla data di notifica della sentenza della Cassazione, notifica che sarebbe avvenuta alla fine di gennaio u.s..

lunedì 27 maggio 2013

ORIA - IL DR.PAGANO AL PROF. PERRUCCI: "PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE" IO TITOLATO, TU NO".



UNA LEZIONE DI “INDIGNAZIONE” CHE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI

Dando un’occhiata sui vari social network, mi si presenta ai miei occhi un articolo scritto da un Prof. di Lettere e Storia Contemporanea  “non faccio nome per pudore”, il quale è invitato da parte mia e su ciò che mi riguarda, a informarsi prima di poter proferire parola. Seppure in Democrazia, dove dovrebbe regnare la libertà di pensiero, credo che chiunque debba criticare sulla verità e non su ciò che gli fa comodo, incappando su alcuni “scivoloni”, che potrebbero andare a sfavore degli stessi (sciu pi fottiri e s’acchiou futtutu) e non mi soffermo su ciò.

Nel suddetto articolo, il nostro Prof.   riferiva l’attuale sua occupazione lavorativa, e gettava fango su quel ragazzo “stimabile e rispettabile”, che poi sarei io, del quale non voleva far nome; (come si diceva da piccoli?  << non facciamo nomi ma guardiamoci in faccia! >>).

Ma ora vorrei tornare indietro di qualche anno, quando ebbi l’onore di conoscere colui che mi definisce “figura non titolata caldeggiata da persona ics”.

ORIA - CONSIGLIO COMUNALE ALL'UNANIMITÁ CONCEDE CITTADINANZA BENEMERITA AL DR. DONATO PALAZZO.

ORIA - CONSIGLIO COMUNALE. IL "MOVIMENTO ORIA E'" ESCE DALLA MAGGIORANZA.

 Tommaso Carone dopo il voto al consuntivo si dichiara fuori dalla maggioranza.


ORIA - PRESUNTE IRREGOLARITA' ASSUNZIONI: ALESSANDRO PERRUCCI SI DIFENDE ATTACCANDO SORRENTO, IL QUALE A SUA VOLTA CONTROREPLICA.

 Cliccare QUI e QUI per leggere i due documenti. 
Immagine tratta dal web

ORIA - MI CREDETE SE VI DICO CHE STANNO PER SPENDERE BEN 47MILA EURO più IVA ......

Immagine tratta dal sito web del Comune di Oria
...... per rifare l'illuminazione esterna alla Basilica Cattedrale e relativo campanile?

Se volete saperne di più cliccate QUI.

Questo articolo è strettamente correlato con   precedenti  articoli di cui ai seguenti link: A - B

domenica 26 maggio 2013

IL MINISTERO DELL'INTERNO VENDE ALL'ASTA UN TERRENO IN AGRO DI ORIA APPARTENENTE AL "FONDO EDIFICI DI CULTO"

Chi intende partecipare all'asta deve far pervenire  la propria offerta entro e non oltre le ore 12:00 del 28.5.2013.
Per consultare il bando cliccare QUI.

Il terreno è ubicato nel Comune di Oria (BR) contrada Patri a circa 6 Km dal Comune, ed è distinto al catasto al fg. 62 p.lla 1 classe 3 qualità seminativo per una estensione di 8.194 metri quadrati. Si presenta in forma quadrangolare irregolare con fronte di 85 m. circa su strada non asfaltata, con due lati delimitati da muri a secco ed è allo stato, incolto. L’immobile sopra descritto ricade nella variante al P.d.F., approvata con Decreto del Presidente della Giunta Regionale n.54 del 18.01.1978, nella zona omogenea “E2” con le seguenti prescrizioni: • Lotto minimo m.q. 4.000; • Indice fondiario 0.03 m.cubi/m.quadri; • Altezza massima dei fabbricati 8,00 metri; numero massimo dei piani 2; • Distacchi minimi dai confini e dagli edifici 10,00 metri. Il prezzo dell’asta pubblica è di Euro 4.100,00 (quattromilacento/00); Il deposito a garanzia è di Euro 410,00 (quattrocentodieci/00).

sabato 25 maggio 2013

ORIA - DOPO L'APPROVAZIONE DEL CONTO CONSUNTIVO 2012 SI PREVEDONO MAL DI PANCIA NELLA MAGGIORANZA.


Tutti ne parlano (finanche le chianche) ma nessuno osa scrivere qualcosa (sia su giornali telematici che cartacei). Non è una novità! Ad Oria è sempre stato così! Siccome da tempo vesto i panni del cacacazzen, della voce fuori dal coro, dell'oritano anomalo che si rifiuta di omologarsi alla stragrande maggioranza dei concittadini, voglio raccontarvi di alcune voci pervenute a Radio_Chianca nei giorni scorsi.

Orbene, pare che nella maggiornaza da un pò di giorni stanno volando stracci in faccia (e pure bagnati).

Non pochi i motivi di discordia: dalla gestione in genere di importanti problematiche locali (castello chiuso, zoo chiuso, macello chiuso) alla spartizione di incarichi (legali e tecnici); alla bocciatura del progetto per il Servizio Civile Nazionale, alla strana vicenda del soggiorno termale degli anziani anno 2012 (soggiorno che quest'anno potrebbe saltare), allo scalpore creato dal consigliere Gianfranco Sorrento che ha pubblicamente denunciato presunte irregolarità circa l'assunzione, nell'ambito dell'assistenza scolastica integrata, nonchè in quella domiciliare, di alcune persone riconducibili fra l'altro ad autorevoli esponenti politici della maggioranza.

Nel PD vi è ormai una spaccatura conclamata fra il gruppo che fa capo al consigliere D'Ippolito e quello che fa capo al cons. Emilio Pinto, il quale da mesi sta scaldando i muscoli per entrare in Giunta .... al posto dell'attuale vicesindaco, ma con deleghe diverse (pare preferirebbe quelle al Turismo e Spettacolo). Il Pinto è appoggiato in questa sua ambizione dal segretario cittadino del PD Alessandro Perrucci, il quale comunque non sta navigando in buone acque se si considera che Sorrento nella sua pubblica denuncia ha testualmente scritto: ".....Situazione analoga sarebbe avvenuta per il servizio di Educativa Domiciliare, per il quale la normativa regionale (Art. 46 Reg. Reg. n. 4/2007), il capitolato d’appalto e la Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi di Ambito del Piano di Zona 2010 – 2012, prevedono l’impiego esclusivo di psicologi, pedagogisti e laureati in Scienze dell’Educazione, mentre la cooperativa affidataria pare invece stia utilizzando in tale servizio un laureato in lettere, nella persona del Dott. Alessandro Perrucci, attualmente segretario cittadino della sez. oritana del P.D., partito di maggioranza al Comune." Di detto dettaglio potrebbe approfittarne la fazione che fa capo al vicesindaco per chiedere le dimissioni del Perrucci dalla carica di segretario e quindi ridimensionare "i numeri" di Emilio Pinto.
Nelle scorse settimane il movimento politico "Oria è" che fa capo al consigliere Tommaso Carone aveva direttamente chiesto al primo cittadino un inversione di rotta. Risposta: una beata minchia direbbe il buon Cetto Laqualunque! Di ciò non è certamente soddisfatto Tommaso Carone ed i suoi sodali, intenti, in questi giorni, a discutere al loro interno se è opportuno o meno lunedì prossimo votare il conto consuntivo 2012. 
La voce più quotata al momento, giunta a Radio_Chianca, pare essere quella che lunedì Tommaso Carone si presenterà in aula e voterà il rendiconto di gestione per poi accusare subito dopo dei forti mal di pancia.
 La causa del malessere avrebbe origine nella mancata concessione all'associazione Oratorio.Sing di alcuni locali nel ristrutturando ex Ospedale Martini; nella scelta non condivisa circa l'allocazione della statua di Federico II nel piazzale del Municipio (e rischio che ne arrivi una seconda -da dedicare alle vittime della strada- al centro del rondò); nel disappunto circa la scelta di un certo avvocato a cui è stato affidato incarico legale per alcune migliaia di euro; discordie legate ad un recente bando di gara di appalto per l'affidamento dei servizi cimiteriali (essendo scaduto il periodo di 4 mesi di gestione da parte della Coop. Ariete di Modugno).
 E' stato altresì riferito a Radio_Chianca che nei giorni scorsi si è verificato uno dei tanti accesi scambi di opinione fra dirigenti del Movimento Politico "Oria è" ed altri politici della maggioranza, coi quali sono arrivati a "rinfacciarsi" pesantemente l'equivalente in denaro di alcuni incarichi ad avvocati e tecnici. 
A margine di tutto, ma non per questo meno importante, vi è la questione "strisce blu", il cui servizio dovrebbe essere ridimensionato di almeno 400 stalli e conseguente licenziamento di 4-5 ausiliari, così come chiesto nelle scorse settimane dalla Coop. Koinè. Pare che nei giorni scorsi è stata individuata una soluzione per tutelare entrambe le parti e che nei prossimi giorni si metterà nero su bianco. Perchè nei prossimi giorni? Semplice..... il sindaco prima che la Koinè proceda al licenziamento di metà ausiliari, vuole "incassare" il voto di tutta la maggioranza in occasione del consiglio di lunedì sul conto consuntivo, in quanto qualcuno fra i licenziati potrebbe essere -casualmente- legato da rapporto di amicizia con qualche consigliere..... e ..... capisciammè???

E, dulcis in fundo, come se non bastasse, è arrivata una richiesta di accesso agli atti da parte di Mimino Ferretti il quale vuol vederci chiaro nell'appalto per lavori PIRP (piazza cattedrale ... videosorveglianza ZTL, etc.) e in due collegati subappalti a ditte locali, per lavori pari a circa il 50% del costo complessivo, in contrasto, forse, con il limite massimo del 30% indicato dalla ditta appaltatrice, in sede di offerta.

 Qualcuno di voi sta pensando che ho scritto castronerie? Libero di pensare questo ed altro.

venerdì 24 maggio 2013

ORIA - MIMINO FERRETTI, CONS. COM/LE DI MINORANZA, FA "RICHIESTA DI ACCESSO ATTI" ALLE CARTE RIGUARDANTI L'APPALTO ED I SUBAPPALTI DEI LAVORI IN PIAZZA CATTEDRALE E VIDEOSORVEGLIANZA.



RICHIESTA DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI
(LEGGI N.241/90, 15/2005 E D.P.R. N. 184/2006)

Al Resp. del Settore Affari Generali del Comune di Oria Dott.ssa Amelia Di Pompo

       Il sottoscritto Cosimo Ferretti, nella sua qualità di Consigliere Comunale, ai sensi dell’art. 43 del D.Lgs. 267/2000 e dell’art. 25 dello Statuto del Comune di Oria, esclusivamente in relazione all’espletamento del proprio mandato elettivo,
CHIEDE:
-copia dei seguenti atti e documenti amministrativi, completi di tutti gli allegati, relativi ai lavori di attuazione del PIRP:

ORIA - FOTO FESTA TRICOLORE 2013.


Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...