mercoledì 24 luglio 2013

ORIA - ACCADE DAVVERO QUESTO IN PIAZZA MANFREDI LA SERA TARDI ?

Immagine da archivio.
Mi viene riferito da fonte degna di fede che in piazza Manfredi oltre alle risse fra cani (cliccare QUI), in tarda serata capita di assistere a delle scene non proprio normali, quasi della serie  "di tutto di più".
 Un esempio? Eccolo: la sera del martedì, prima della mezzanotte, qualcuno mette in scena una specie di quizzone per far sollazzare i piazzaioli amanti della movida.
 E fin qui diciamo .... tutto normale .....o quasi!

Pare che questo specialista dell'intrattenimento, senza alcun motivo si mette ad urlare a squarciagola, contento (come dallo stesso sbandierato ai quattro venti), del fatto che ad Oria gli è consentito farlo mentre a Francavilla no.

Ecco spiegato perchè il cavalier sindaco di Oria (che abitava in Piazza Manfredi) da qualche anno ha deciso di dimorare in contrada Preti per 12 mesi all'anno. Stessa decisione ha preso anni addietro Bruno Viapiana, già consigliere comunale e presidente del consiglio.
Il tutto della serie: "chi comanda non è in grado di fare una beata minchia per risolvere il problema e decide di cambiare aria". Giusto tutto ciò?

(Fonte: LoStrillonenews). FRANCAVILLA FONTANA - Stop alla musica dopo la mezzanotte e giro di vite anche sull’alcol, al bando le bottiglie: il commissario prefettizio preferisce quiete e ordine pubblico, ma attenta alla celeberrima “movida”, fenomeno che porta in città, e in particolare in piazza Umberto I, centinaia di giovani da ogni dove. Fa discutere e scontenta pubblici esercenti e viveur l’ordinanza con cui Mariarita Iaculli ha regolamentato le notti francavillesi dal primo maggio al 30 settembre. Saranno soddisfatti, invece, i residenti in centro che, già mesi fa, avevano presentato prima un esposto in Comune, poi una denuncia ai carabinieri per schiamazzi notturni e disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone. Si tratta di un provvedimento che un’amministrazione politica non avrebbe mai adottato: troppi – a detta degli interessati – attrattività e consensi garantiti dai bar a suon di musica e di cocktail. Con riferimento alla “movida”, in premessa dell’ordinanza si legge che «Tale fenomeno comporta l’assembramento di giovani davanti ai locali che effettuano la somministrazione di bevande alcoliche ed il successivo consumo delle stesse in strada, in violazione delle ... regole di comportamento, quali ad esempio il disturbo della quiete pubblica, l’abbandono sulla sede stradale di contenitori di vetro sino ad episodi più gravi di violenza individuale o di gruppo dovuti all’uso dell’alcol, in alcuni casi degeneranti in risse e violente discussioni». E poi ancora che «L’impatto acustico dovuto alla diffusione di musica all’esterno dei locali di somministrazione ed all’ef fettuazione di concertini in spazi aperti..., unitamente all’assembramento di un notevole numero di avventori, crea una situazione di notevole disturbo della pubblica quiete dei residenti». Di qui, i diktat: musica possibile, dal vivo e no, dalle 19 alle 24, con obbligo di abbassare il volume a partire dalle 23; obbligatorio per i titolari dei pubblici esercizi di «presentare documentazione di previsione di impatto acustico» con frequenza quindicinale; durata massima dei concerti musicali di tre ore, che siano comprese tra le 19 e le 24; obbligo per il titolare di comunicare settimanalmente gli eventi previsti, anche se l’amministrazione «potrà modificare il giorno previsto, qualora sia necessario per ridurre l’impatto acustico nei confronti dei residenti, in presenza di più esercizi di una stessa area urbana che intendano organizzare trattenimenti periodici o ricorrenti»; musica in ogni caso non superiore ai 55 decibel dalle 19 alle 21, ai 45 decibel dalle 21 alle 24; obbligo di versare le bevande nei bicchieri. Niente più bottiglie quindi. Alle forze dell’ordine, in primis ai vigili urbani, il compito di far rispettare l’ordinanza. Violarla costa tra i 516 e i 3.089 euro. Ma non era una città turistica e orgogliosamente mondana, specie d’estate? [Eliseo Zanzarelli]

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...