sabato 8 giugno 2013

ORIA - DOMANI 9 GIUGNO MANIFESTAZIONE DELLA "PRESA PER I FONDELLI" NEI PRESSI DEL MUNICIPIO.


Per chi non lo sapesse domani vedrà la luce la statua raffigurante Federico II, frutto di una "perla di idea" del sindaco Pomarico .... e mi fermo qui! Perchè "perla"? Per tanti motivi. Primo fra tutti il modo in cui si è deciso di installare lì detta statua senza aver interpellato la Consulta delle Associazioni prevista dall'art. 63 dello Statuto Comunale; non aver coinvolto tutti gli artisti attraverso un concorso di idee; aver deciso di accettare in dono detta statua realizzata da tale C. Marinò, definito "maestro" nel manifesto, ma sconosciuto al 99% degli oritani, senza aver consultato una commissione di esperti. 

In questi giorni ho ricevuto varie mail e telefonate di persone che mi chiedevano se tale C. Marinò è parente dei cugini consiglieri comunali Mauro e Giancarlo Marinò. A tutti ho risposto: NON LO SO. 
Sono stato anche io preso dalla curiosità di scoprire qualcosa di più circa l'identità di tal "maestro" e attraverso una ricerca su internet ho scoperto un comunicato stampa pubblicato il 03/12/2007 sul sito brundisium.net, nel quale si legge che all'interno dell'Università Popolare di Oria sarebbe stato attivo un LABORATORIO DI SCULTURA: diretto dal Prof. COSIMO MARINO’; alla pagina web http://www.noipegaso.it/opere_pittura/327.jpg ho trovato un'opera d'arte di  tale Cosimo Marinò; consultando le pagine bianche ho trovato un Cosimo Marinò residente in Oria alla Via Tommaso D'Oria; ho interrogato un oritano che "la sa lunga" e mi ha riferito che probabilmente si tratta di un professore conosciuto "sott'alla chiazzedda" come "Miminu ti Cunsulazzioni" (la madre aveva nome Consolazione) e che, molto probabilmente, non ha alcun legame di parentela con i due summezionati geometri e consiglieri comunali (imparentati fra l'altro con il presidente del consiglio comunale Metrangolo)

 Ciò premesso, voglio evidenziare che non conosco questa persona e ciò che ho finora scritto a proposito della statua in argomento e/o che scriverò in seguito, non può e non deve essere strumentalizzato da chicchessia come un attacco alle qualità umane, morali, professionali ed artistiche di detta persona, che, ripeto, non conosco.

 Adesso passo a dirvi di un'altra grande stranezza collegata a questo evento. Osservate bene il manifesto: il sindaco ci prende letteralmente per i fondelli dicendoci che la statua serve per "celebrare il 40° anniversario del gemellaggio con Lorch". Ma quando mai!?!?!? 
Ha forse dimenticato il sindaco di aver  già celebrato l'anno scorso detta ricorrenza???? 
Devo aggiungere ancora qualcosa?
 Solo una cosa: voglio pensare che l'evento di domani sarà per celebrare il DIVORZIO COL CASTELLO DI FEDERICO II di casa nostra, visto che il sindaco non è riuscito ad ottenere l'antico maniero in giudiziale custodia dalla Procura della Repubblica.

Non aggiungo altro ... perchè sarebbe come sparare sulla croce rossa!
Quello che fa riflettere è che la maggior parte degli oritani non se ne sbatte una beata minchia di queste performance del sindaco. 
Solo il vescovo ha avuto il coraggio di suonargliele di santa ragione! Forse perchè non è oritano? Forse perchè è un "potente"?

 A proposito di anniversari del gemellaggio con Lorch, ricordo a me stesso che il 30° anniversario non venne celebrato nel 2002, bensì nel 2003 e nell'occasione Poste Italiane SpA dedicò uno speciale annullo filatelico.

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...