sabato 24 novembre 2012

ORIA - OGGI E' INIZIATA LA REPRESSIONE DA PARTE DEI VIGILI NEI CONFRONTI DI CHI PARCHEGGIA FUORI DALLE STRISCE BLU. SIAMO PROPRIO DEI COGLIONAZZI???

 Ricordate un mio post datato 7 ottobre 2012  nel quale vi parlavo della bella idea di qualche "sapientone" di casa nostra di abbellire le vie cittadine con delle strisce bianche continue o discontinue laddove sono state realizzate le strisce blu?

  Oggi scopriamo il motivo di tale furbata. Mi è stato riferito che stamattina  i vigili urbani, collaborati da personale della coop Koinè che gestisce le strisce blu, hanno provveduto a far spostare le auto parcheggiate sul lato opposto a quello delle strisce blu, pena una salata  multa e due punti di decurtazione sulla patente.  Inutile dire che molti oritani si sono meravigliati, in considerazione del fatto che non è stato installato alcun divieto di sosta e che per decenni è stato consentito in alcune vie di parcheggiare su ambo i lati (esempio Via Torre).
Che dire? Tantissimo vorrei dirvi,  ma devo fare attenzione a non intaccare la suscettibilità di qualche soggeto interessato, avente la querela facile.
 Per il momento vi copio incollo due articoli del Codice della Strada e lancio un appello a tutti: "Smettiamola di comportarci come dei grandi coglionazzi e costituiamo un serio COMITATO STRISCE BLU al fine di studiare ogni singolo dettaglio ed agire di conseguenza".

Articolo 40 - CdS: Art. 40. Segnali orizzontali 
1.  I segnali orizzontali, tracciati sulla strada, servono per regolare la circolazione, per guidare gli utenti e per fornire prescrizioni od utili indicazioni per particolari comportamenti da seguire.
 2. I segnali orizzontali si dividono in: a) strisce longitudinali; b) strisce trasversali; c) attraversamenti pedonali o ciclabili; d) frecce direzionali; e) iscrizioni e simboli; f) strisce di delimitazione degli stalli di sosta o per la sosta riservata; g) isole di traffico o di presegnalamento di ostacoli entro la carreggiata; h) strisce di delimitazione della fermata dei veicoli in servizio di trasporto pubblico di linea; i) altri segnali stabiliti dal regolamento. 
3. Le strisce longitudinali possono essere continue o discontinue. Le continue, ad eccezione di quelle che delimitano le corsie di emergenza, indicano il limite invalicabile di una corsia di marcia o della carreggiata; le discontinue delimitano le corsie di marcia o la carreggiata. 
4. Una striscia longitudinale continua può affiancarne un'altra discontinua; in tal caso esse indicano ai conducenti, marcianti alla destra di quella discontinua, la possibilità di oltrepassarle. 
 5. Una striscia trasversale continua indica il limite prima del quale il conducente ha l'obbligo di arrestare il veicolo per rispettare le prescrizioni semaforiche o il segnale di "fermarsi e dare precedenza" o il segnale di "passaggio a livello" ovvero un segnale manuale del personale che espleta servizio di polizia stradale. 
 6. Una striscia trasversale discontinua indica il limite prima del quale il conducente ha l'obbligo di arrestare il veicolo, se necessario, per rispettare il segnale "dare precedenza". 
7. Nel regolamento sono stabilite norme per le forme, le dimensioni, i colori, i simboli e le caratteristiche dei segnali stradali orizzontali, nonchè le loro modalità di applicazione.
 8. Le strisce longitudinali continue non devono essere oltrepassate, le discontinue possono essere oltrepassate sempre che siano rispettate tutte le altre norme di circolazione. È vietato valicare le strisce longitudinali continue, tranne che dalla parte dove è eventualmente affiancata una discontinua. 
9. Le strisce di margine continue possono essere oltrepassate solo dai veicoli in attività di servizio di pubblico interesse e dai veicoli che debbono effettuare una sosta di emergenza. 
10. È vietata: a) la sosta sulle carreggiate i cui margini sono evidenziati da una striscia continua; b) la circolazione sopra le strisce longitudinali, salvo che per il cambio di corsia; c) la circolazione dei veicoli non autorizzati sulle corsie riservate.
 11. In corrispondenza degli attraversamenti pedonali i conducenti dei veicoli devono dare la precedenza ai pedoni che hanno iniziato l'attraversamento; analogo comportamento devono tenere i conducenti dei veicoli nei confronti dei ciclisti in corrispondenza degli attraversamenti ciclabili. Gli attraversamenti pedonali devono essere sempre accessibili anche alle persone non deambulanti su sedie a ruote; a tutela dei non vedenti possono essere collocati segnali a pavimento o altri segnali di pericolo in prossimità degli attraversamenti stessi. 

SANZIONE AMMINISTRATIVA E DECURTAZIONE DUE PUNTI SULLA PATENTE previsti dall'art. 146 del CdS.

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...