lunedì 29 ottobre 2012

ORIA - UN SINDACO CHE SI RISPETTI DOVREBBE SPIEGARCI PERCHE' NON HA MANTENUTO LA PROMESSA DI CANCELLARE LE STRISCE BLU IN PIAZZA MANFREDI.

Strisce gialle, strisce blu, in Piazza Manfredi

[Per un mero malinteso tra la Società aggiudicataria della gara dei parcheggi a pagamento e la Ditta che sta eseguendo i lavori di tracciatura degli spazi sono state compiute delle anomalie che saranno immediatamente rimosse. In particolare In Piazza Manfredi saranno eliminate a regola d’arte e senza lasciare alcuna traccia le strisce blu sostituendole con appositi evidenziatori come previsto dalla legge per i centri storici. Anche per quanto riguarda il numero degli stalli già tracciati saranno ridimensionati tenendo conto di alcune anomalie compiute dalla stessa Ditta. Il numero dei parcheggi a pagamento, che riteniamo indispensabili per eliminare l’alto livello di anarchia, di disordine e di sosta selvaggia con gravissimi danni alla vivibilità delle persone ed alla immagine della Città, saranno realizzati sempre nel rispetto e nelle percentuali previste dalla legge. Oria, lì 27 luglio 2012- Sindaco Cosimo Pomarico]

Non solo le strisce blu sono ancora in Piazza Manfredi, ma, come documenta la foto qui pubblicata (di proprietà di un utente Facebook), stamattina sono state realizzate anche quelle gialle. E' inutile darvi che trattasi di un vero e proprio scempio ai Beni Culturali.
Ricordo a me stesso che secondo la Corte di Cassazione se un politico non mantiene le promesse fatte ai propri elettori, non attuando cio' che si era proposto di fare durante il suo mandato, non e' reato additarlo come un 'buffone'.
Non si tratta, infatti, di critiche alla persona ma al suo operato politico-amministrativo. La Cassazione ha annullato cosi' con rinvio una sentenza di condanna per ingiuria, del tribunale di Poggio Mirteto, per un cittadino che durante un'assemblea pubblica, aveva interrotto il discorso del sindaco chiamandolo 'ridicolo e buffone'. Gli ermellini infatti, nella sentenza 4129, hanno sottolineato l'esigenza di porre dei limiti alla 'continenza verbale' che un cittadino deve mantenere per non offendere una persona e compiere reato. Nel caso in esame, il signor Franco, imputato di ingiuria aveva chiamato il suo sindaco buffone, in un'assemblea convocata dallo stesso presso l'universita' locale, al fine di ''chiarire gli equivoci sorti in merito ad una scelta amministrativa''. Nella sentenza della Quinta Sezione penale, si ricorda che: ''l'incontro era stato determinato dal clima di forte contrapposizione politica venutosi a creare tra l'amministrazione comunale e gli abitanti di una frazione a causa della mancata autorizzazione del sindaco alla chiusura della strada provinciale per lo svolgimento di alcune manifestazioni culturali''. Il sindaco aveva indetto l'assemblea per dare una spiegazione delle sue scelte, e diversi cittadini tra cui l'imputato lo avevano offeso con parole non dirette al sindaco in quanto persona, ma alla sua attivita' politica. La Corte ha annullato la sentenza spiegando il rinvio con l'esigenza di specificare il significato della differenza che a volte alcune frasi assumono se rivolte a chi esercita pubblico potere in rappresentanza del popolo. Ricordano infatti gli ermellini che: ''Il limite di continenza puo' ritenersi per se' superato, solo se il contesto si dimostra adottato dall'autore del fatto come pretesto per l'offesa alla persona, e di fatto dimostrando quel contesto, attraverso un'analisi compiuta, tale da consentire di ritenere superato il limite della continenza e giustificare in appello la riforma della sentenza assolutoria, che ha dato conto in dettaglio dell'accaduto'' (Fonte: ANSA, 28.01.08)

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...