domenica 14 ottobre 2012

LETTIRA DI CALABBO' AL PRISIDENTI MARIEMMONTI.

Foto: http://dantealighierifrancavilla.blogspot.it/
Grazie al Giuseppe Bruno, francavillese, che l'ha pubblicata su Facebook, ho potuto poco fa bearmi leggendo una  "lettira di Calabbò".

 Lettera di Calabbò
Al Prisidente del Conziglio dell’Itaglia
di Roma

Esigno Prisidente Mariemmonti

Quando la Signorina vostra hai stato nominato Capo del Coverno dal Principinu, come lo chiamamo noi, io mi nni ho presciato tutto, che ho detto mò sini! Ca custu è unu che è capaci cu ndrizza la situazzioni!
Mènchia cumpa’, mi essa infuocato una jamma! Allo strènciri dei sàccori, m’innàcchio pintito! Ca comu sta ffani tu, caro Mari e Monti, era stato bbueno di fare pure io ca non so’ pruissore della ucconi ti Milano! Tàgghi a muèrtu e rraffi turnisi addove si ponno rraffare subbutu subbutu, cio è alli pinzionati com’ammè, alli statali, all’operai e a tutti quelli ca tennu lu stipendio vascio, piccipiccìnno, ma sicuro. Li fìgghi di puttana che si fòttono la manica cu tuttu lu ggiaccu e che fanno i dritti e i faioni, quiddi no lli hai toccato filo!
È vero che quel citrùlo ca stava prima di te nn’era pròpia purtatu allu pricipìzzio e nni aveva fatto addiventare puru la barzelletta del mondo della terra, lui co tutta quella squatra di facci di fammirìtiri com’a iddu: lu russu, lu scagghiola, lu scarparu, la gerzumina, la scrafagna, l’ùtero, la santacoccodè, la rubbinetti, la mprestagiàcchi, ecc. ecc., che nni hanno combinati di tutti i colori e hannu munciùto la vacca a crepapànza. Ma pure tu no nci schièrzi! La differenza eti che il citrùlo di prima nni l’è calatu colla risella del dentifricio durbanz e colla barzelletta, mentri tu, ca sinti cristiano serio, nni la sta cali senza rìtiri. Meh, questo è tutto?
Il cardancàpo (pe no ddiri il cazzancùlo) eti sempri lu nuèsciu, che nni la pigghiamu in quel posto a ci vai vai allu coverno! Lu puirieddu sempri sconta li piccati degli altri!
Abbata, uè Mariemmo’, ca ci la iaddina la cciti, poi uova fresche no nne hai chiù! No lla sai quedda ti lu ciùccio ? No? Com’è, ca cquà la sanno tutti! Ma già lei sei di Milano e a Milano non ci stanno li ciùcci, stanno li latri, che colla scusa che fanno li affari di prenditori si frècono Fulìppu e lu panaru! Comunque mò ti la conto io sùbbito sùbbito. Nino di Seppuronzu, aveva un ciùccio e lu facia fatià come una bbestia ti la matina alla sera e la sera lu ncurdava cu nna bella manciata di biai. Per la canna dello sparagno Nino è ziccatu a tagghià la bbiai, e ogni sera nni tava sempre di meno alla povirabbèstia. Era contento ca lu ciucciu li faceva la stessa fatìa cu picca mancià, anzign’acché nna bella matina no l’àcchiò stinnicchiatu muèrtu. Pillàààà, tissi Ninu, mò che si sta mparava cu no nci mancia, è pigliato ed è morto!
 E mò? E mò fattila a mmanu, sorta ti fessa! Dissi la mugghieri.
Mariemmo’ hai capito la murali?
In data di osci
Tuo risp.tmo
Calabbò
 --------------------------------------------------------------------------------------------------------
Chi chi è il signor Calabbò?
Ve lo spiego con le parole di Maria Angelotti (Fonte: http://www.ilbrindisino.it/download/ilbrindisino06.pdf)



[Sinteticamente si potrebbe rispondere così: «Un personaggio che, con le sue denunce mira a sensibilizzare coloro che amministrano la cosa pubblica». Calabbò è sì questo, ma non solo questo. Personaggio letterario, Calabbò, nasce dalla brillante e geniale penna del professore Vincenzo Garganese,figura di spicco del mondo della cultura francavillese e non solo. Nel dargli vita, Garganese si è però inspirato, anni orsono, ad un personaggio realmente esistito negli anni settanta, tale Pasquale Raduso.
Questi era un uomo ormai in là negli anni, vecchio forse nel corpo ma non certo nello spirito; sempre attento alle questioni sociali, alla politica, al progresso. Il Calabbò di Garganese (le cui lettere sono raccolte in più volumi editi tutti da Montanaro Editore), si esprime in una lingua tutta sua, in cui dialetto e italiano si confondono, si sovrappongono, si contaminano dando origine ad un linguaggio dal grande effetto comico. Un linguaggio che genera il riso, per l’originalissima sintassi e per le tante storpiature grammaticali, ma anche amare riflessioni per via del suo contenuto. Attraverso le sue lettere, divenute famosissime, Calabbò, con sguardo assai critico, offre ai destinatari delle stesse, (quelli indicati nelle stesse ma soprattutto a tutti i lettori), un’analisi straordinariamente lucida della realtà. E lo fa con i suoi mugugni, le sue proteste, il suo dissenso, la sua non rassegnazione; Calabbò si indigna, denuncia, si arrabbia con la classe politica e con la società civile.]

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...