giovedì 5 luglio 2012

ORIA - "MUZZICARI LI FAI" - ANCHE QUESTA E' CULTURA, OVVERO USANZE E TRADIZIONI CHE RESISTONO NEL TEMPO.

Sono ancora tanti gli oritani (e salentini in genere) che in casa, oppure sul marciapiedi davanti al proprio uscio, o in campagna all'ombra di un albero, amano dedicarsi in questo periodo dell'anno a questa antica pratica. Mi riferisco a quel che in dialetto locale è definito col "MUZZICARI LI FAI", ovvero, "sgusciare le fave secche".

In questo post rispolvero anche una poesia in vernacolo di Tina Massa, pertinente all'argomento.

LA PETRA TI MUZZICARI

La petra pi mmuzzica' li fai
si trasformava e ddivintava via
quann'una la scapava 'ntra quidd'atri
e sintinziava “Quesht'è lla petra mia”.

No vvi pinzati ch'era zzinzamientu:
s'era ttruari maneggevuli e sicura,
né granni e né piccinna, a piacimentu,
e llu musu adattu alla muzzicatura.

La taratura gghiushta si capìa,
pi lla crishtiana ca l'era zziccari,
ti comu li scìa a mmanu....
'nna speci ti scarpa ca s'er'a mmisurari!

E subbutu la petra la scunnivi
pircè nisciunu ormai l'era tuccari,
era la tua e lier'a ffa sunari
quannu puru a contròra, 'ncerti voti,

zziccaunu lu concertu mammi e fili,
la zzia cu lla cummari e llu nipoti,
mmienz'alla shtrata... nna catena suttili...
E la musica aumentava a mmanu a mmanu....

La petra ddivintava nnu violinu,
e ccuminzava lu corteggiamentu:
sobbr'alla galeotta chianca bianca,
petra e fai... musu cu mmusu....

suggellaunu l'nnamoramentu!
La petra,mo la uardu, e nni capimu:
quannu non c'è nnisciunu, mi la pighiu
e fazzu finta ca mozzucu li fai.....

quantu bbelli cosi nni ticiumu,
comu nna mamma cu llu figghiu...
ca Oria mia no mmi la scordu mai.
Tina Massa

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...