mercoledì 30 maggio 2012

SCEMPI AI BENI ARCHEOLOGICI: L'EX SOPRINTENDENTE, GIUSEPPE ANDREASSI, E' STATO CONDANNATO A UN ANNO PER FALSO IN ATTO PUBBLICO.

Fonte notizia QUI e QUI.
Già proprio così, a seguito di processo col rito abbreviato (patteggiamento su richiesta dell'imputato).
Chi è questo signore? Era il responsabile della Soprintendenza ai beni Archeologici della Puglia, con sede a Taranto, ai tempi della distruzione della necropoli messapica distrutta ad Oria.
In pratica fu la persona che fornì la pezza di appoggio all'amministrazione comunale di Oria di allora (e precisamente all'allora comandante della P.M. Emilio Guido) affinchè si insabbiasse l'indagine che poteva partire grazie ad una lettera anonima pervenuta nel 2005 a varie autorità, Procura della Repubblica di Brindisi compresa. La pezza di appoggio consisteva nel fatto che il Dr. Andreassi comunicò (sempre nel 2005 ... sic!) che le tombe vennero distrutte a seguito di disposizioni verbali (sic!) impartite a personale della Curia Vescovile dall'archeologa D.ssa G.A. Maruggi, la quale, nel frattempo, era prematuramente deceduta a causa di un male incurabile.

E, cosa strana ed interessante, la Giunta Pomarico intende nominarlo Direttore Scientifico Onorario dell'istituendo Museo Archeologico Messapico con sede in Oria presso Palazzo Martini (cliccare QUI)

Intanto ho saputo che domani su un quotidiano di questa provincia potremo apprendere delle novità interessanti sul versante necropoli messapica distrutta ad Oria nel 2002.

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...