giovedì 12 aprile 2012

A ORRIA NO SI CAPISCI PIU' NIENTE SE AVETE ARRIVATI A DARE RETTA PURO ALLI ....... ( Lettera di 'Ntunuccio Ntramalonga)

A Franco Alpa
L' amicu mia ti
72024 Orria ti Brindisi

Caro Franco,
ti scrivo per farti sapere che in famillia abbiamo quarche cazzanculo, come speriamo puro di te. Da cuasi un anno che non ci vetiamo. Ti scrivo queste tre richi per addomandarti che cazzatora sta succedendo a Orria urtimamente, che dove la quale una persona di acquà mi ha contato che è saputu che il nuovo vescovo Pisa Nello vuole cambiare li usanzi de le processioni.

Canatuma Roccu è cercato di spiecarmi che Mansignori Pisa Nello vuole mettere in pratica una legge fatta dai pastori della Pullia nel 98.
Allora io sono detto ca alla tàvero a Orria no si capisci più niente se avete arrivati a dare retta puro alli picurari. E' vero ca è vero allora ca Papatoturu sintenziò "arriverà un giorno ca Orria sarrà guvirnata ti li puerci".

Caro Franco, ho rimasto assai mortifigato che non ho potuto venire a Orria per vetere il Torneo dei quattro lioni listate scorza. Da quando mi ho 'nzurato e abbito a Cellie Mesapico, il paese di moglierima, sono perduto il piacere di vetere tante belli cosi ca si fanno a Orria nostra, spicialmenti in mesi di agosto: la festa ti Santu Larienzu, dove la quale nna vota spaccaumu li muluni sarginischi ca nnucia ti Brindisi cumparima Damianu iammabella; la festa ti la Matonna ti iaddana dove la quale nna vota si facia la curcagna.

Come tu sai ogn’anno teniamo l’usanza a passare la simana Santa a Orria, ma cuest’anno non abbiamo potuto venire pecché Rosetta la nostra mula da un giorno all'altro si deve sgravare e non la possiamo sforzare cu nno ssia si sbortisce. Tra l'altro stiamo tutti preoccupati pecché quanno è piovuto si ha bagnata e se mmalata ti ciamuerru.

A proposito ti li festi ti Orria sono saputo ch’enceti un orriatano ca si chiama Franco Boccuccia ca è organizzato teatro in indialetto, dove la quale mi sarebbe piaciuto vederle. E cossì pinzando mi ho ricordato caro Franco quannu io e te e tanti atri beddi amici rricitaumu all'azzioni cattolica ti la chiesa matri. La recita cchiu bella era la Passioni. Ti ricuerdi? Quant'anni hannu passato. Matò!! Ci penzu tremulu cu lli contu. Turnaumu della fatia e sci sbariaumu la sera sera a fari la parti a ci ti Cristu, a ci del apòstulu, a ci del fariseo e a ci di Sottaponzio Pilato.
Il riggista era la buonanima di Donnalfonsu ca si ncapunia cu nni faci rricitari comu l'artisti veri del teatro, ma che nne voleva di noi! Noi èromo quello che èromo e iddu s'era ccuntintari.
Mi ricordo ca nn'annu ccappò nnu Cristu un poco caputuestu, che anforza er'a ffari come li diceva la capu sua. Alla scena di quando arria il sordato romano ca llu rresta, stu Cristu, tuttu mafiusu faci anfacci a cuddu: "Uelà, chi sei tu?" - "Io sono il Centoleoni. E tu sei Gesù Nazzareno?" - rispose l'altro - "Ssèh!" e si menti li mani alla cinta come pi diri: “avviciniti, ci tieni curaggiu, meh!". "Noni noni, -critava Donnalfonsu,- non si fa daccossì questa scena!" Macché, non c'era versu, cussi l'era a ffari. Allora Donnalfonsu li llevò la parti. Ngià!
E alla scena di l'ùrtima cena, ah! Quando piglia, mestru Zangoni, ca facia la parti di Ggiuta, rria alli provi all’addasciùnu, ca pi la pressa non cera manco passato di casa pi mangiari. Appena smirciò sulla bbanca la pagnotta dell'ultima cena, a una vutata di uecchi si la sculuppiò sana sana. Allu megghiu di la scena, che Cristu disse datimi il pane, foi la risa! Nisciuno di noi fiatava, ca nisciuno sapeva nienzi cce fine era fatto la pagnotta. Allora Cristu nn'atra vota faci: "Uè, apostuli, datimi il pane" - "Maestro, arreto lo dici?" Disse l'apostulu Giuanni cu pigghia tiempu.
"Arreto, Arreto!" E siccome la pagnotta no nci assìa, Cristu feci un trebbocchetto e disse: "A chi si mangia un pizzetto di quel pane nchiana un gradino della scala del Paratiso.” Subbutu Ggiuta disse: "Allora Maestro iu stou alla cima cima della scala che me lò mangiato tutto io"— "Ca poca tu hai stato, lazzaroni! Atru ca Paratisu! Tu ha sciri to' voti all’Infierno, primo che sei Ggiuta traditori, secondu ca t'ha fricatu la pagnotta” Bè Donnalfonsu lassiunu i lacrimi alli uecchi, ci sapi, o pi la risa o pi la dispirazzioni e cudd'atru.... Premiu Cicaledda, ah Frà, cce ti lu ricuerdi? Facia la parti del Mmalilatroni e si scurdava ogni vota i palori del cupioni! Alla scena della Croggifissioni tuccava a iddu ccu parla e inveci si stava zittu. Donnalfonsu lu spingia: "Non taceri Premiu; quanno nno ti sovviene la battuta parla lo stesso, di una cosa, la prima ca ti veni ancapu!” Allora quello, ppinnutu alla croci, tuttu sanguinatu, si ggira al Bonlatroni e li dici ""Emmènchia cumpà, cce cazzanculu ti Pasca sta passamu uannu!""
Ccussini nni divirtiumu nui quann'èrumu vierdi, cu nienzi, cu lu piaceri ti schirzari e di stari a ccumpagnia. Atru ca mmoni Ah Frà! ? Bbè statti buenu, saluti mia e di moglierima, in data di osci alli dudici ti aprili dolci dòrmiri.
Tuo defecatissimo amico Ntunucciu Ntramalonga

Posto Stribolo: Mi avrebbe alla veramenti piaciuto vétiri li Misteri a Orria, sono saputo ca cuestanno hanno rientrato subbuto pecchè Mansignori Pisa Nello doveva andare annatra parte.
Canatuma Roccu venerdia sera mi è detto pò darsi ca li Misteri si potano veteri sobbra INTRANIENTI cu li strimigni, como latro anno a Orria. Sssé! Daccossì mi è detto, propia daccossì, ma io alla tavero Frà, non sono capito unamatamenchia, ma pé non fare ficura ho stato zitto, cuanno ci vetiamo me lo conti. Atà essiri nna cosa nova penzo, a Orria siti mbravi pi li cosi nuevi.
......

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...