giovedì 1 marzo 2012

POLEMICA TAPPA PENISOLA DEL TESORO. ARRIVA ANCHE IL COMUNICATO DEL PD E DELL'UDC.

COMUNICATO STAMPA PD: TOURING CLUB E DINTORNI…
In merito alla querelle scoppiata in seguito alla giornata del 26 febbraio e, in particolare, alla responsabilità dell’amministrazione, rea di presunti “indirizzi culinari” a vantaggio di precisi ristoranti locali, anche il Partito Democratico di Oria intende esporre la propria posizione con chiarezza e decisione; il tutto, però, non prima di aver descritto minuziosamente i fatti, nella maniera più aderente possibile alla realtà. È stata scelta questa linea perché crediamo che le persone coinvolte (in primis l’Assessore alla Cultura Pino Malva) non abbiano bisogno di “avvocati d’ufficio”, né di apologie o panegirici adulatrici, men che meno di lacchè al loro servizio; crediamo, invece, che una corretta esposizione dei fatti possa essere lo strumento più idoneo per prendere contezza di quanto avvenuto, dimostrando come, in questo caso, l’amministrazione comunale e, nello specifico, l’Assessore al ramo, non siano corresponsabili per ciò che riguarda la protesta dei ristoratori.
In occasione dell’iniziativa legata al conferimento della bandiera arancione al nostro paese, tutti i ristoratori della città sono stati convocati in Comune per chiedere loro un menù turistico che sarebbe poi stato consegnato al Touring Club, il referente principale dei turisti che hanno visitato Oria. Per rigor di informazione, è bene precisare che l’Assessore Malva si è recato personalmente in quei ristoranti che non avevano potuto prendere parte all’incontro presso il Palazzo di Città: questo per garantire a tutti i proprietari dei ristoranti la giusta visibilità e la dovuta informazione sull’evento, affinché tutti, ma proprio tutti potessero prepararsi al meglio per ospitare eventuali affluenze di turisti nei rispettivi locali. Inoltre, è bene chiarire immediatamente che alcun tipo di pressione o di suggerimenti sono stati formulati da parte dell’amministrazione ai turisti in merito alle loro “scelte culinarie”. Pertanto, è stato il Touring Club, nella figura di uno dei suoi responsabili provinciali, a contattare direttamente uno dei maggiori ristoratori locali che, per ragioni logistici, ha dirottato 179 persone verso Parco Laurito. È chiaro poi che ben pochi sono stati i turisti rimasti ad affollare gli altri locali; dunque, profondo rammarico e rispetto per quei ristoratori che non si sono visti riconoscere le attese nate per un’iniziativa che ha portato almeno 300 persone nella nostra cittadina.
Sarebbe opportuno, inoltre, che si registrassero alcuni fatti positivi: gli apprezzamenti fatti dai numerosi turisti ad Oria e alle sue bellezze storiche, la scomparsa delle orrende scritte che deturpavano le mura degli edifici presenti nel centro storico, la statua di Costantino ripulita e dotata della mano che gli era stata “mozzata”, il piazzale del belvedere, sempre sulla cattedrale, ripulito e messo a disposizione dei turisti affinché potessero ammirare lo splendido panorama che si può ammirare da quella postazione.
Un’altra questione annosa che ha creato numerose critiche è stata quella relativa alla mappa turistica che, a detta di molti, sarebbe stata finanziata con denaro pubblico: è una notizia falsa e priva di fondamento, dal momento che il Sign. Giulio Caforio ha usato i soldi raccolti da quei ristoranti che hanno liberamente scelto di offrire il loro contributo, ottenendo in cambio un ritorno d’immagine dal punto di vista promozionale. Quanto alla correttezza di quella cartina, risponderà il sign. Caforio, l’unico che può rispondere a questa critica.
Infine arriviamo alle “cattedre” da cui sono partite le critiche, in particolare quella del Sign. Cosimo Ferretti e quella della Confartigianato. Quest’ultima probabilmente dovrebbe dotarsi di maggiori informazioni prima di proferire verbo e, se possibile, invitare tutti gli esercenti a contribuire alla realizzazione degli eventi estivi che si tengono nel nostro paese: questo per evitare una perniciosa pubblicizzazione degli investimenti e una privatizzazione dei profitti che, guarda caso, diventano più voluminosi proprio quando si realizzano determinate iniziative estive. Un’altra cattedra prestigiosa da cui è partita una feroce critica con connessa richiesta di dimissioni dell’Assessore Malva è stata quella su cui siede l’ex Sindaco Cosimo Ferretti: sul suo conto basti dire che durante la sua amministrazione ha assunto come modello culturale per i giovani di Oria una certa signorina Cipriani de La pupa e il secchione, il cui unico “volume ridondante” è quello del seno. Si potrebbe proseguire con il buio culturale che ha contraddistinto i precedenti cinque anni ma occorrerebbe più di un comunicato stampa per questo tema.
Infine, per obiettività e per completezza di opinione, diciamo anche che probabilmente si è ecceduto nell’aver illuso quei ristoratori che credevano di aumentare i loro introiti nella giornata di domenica scorsa a prescindere; probabilmente non si sono coinvolte tutte le associazioni turistiche nella giusta misura; probabilmente sarà stato commesso qualche errore di valutazione. Tuttavia, nessuna responsabilità per ciò che concerne il motivo della protesta può essere attribuita all’amministrazione e all’Assessore alla Cultura. Il Partito Democratico di Oria si impegnerà come sempre in una maggiore collaborazione con tutti gli organismi sociali del paese per tradurre in una collegiale azione amministrativa le soluzioni migliori per la collettività. A disposizione per ogni dibattito e aperti a ogni critica costruttiva, porgiamo i nostri saluti a tutti i cittadini.

Alessandro Perrucci, Segretario politico del Partito Democratico di Oria

---------------------------------

Oggetto: UDC - comunicato stampa.

Dopo aver preso visione del comunicato stampa dei consiglieri provinciali Ferretti e Fistetti del 28/02/2012 sulla manifestazione nazionale del Touring Club in Oria, come Presidente e Coordinatore locale dell’UDC, sento il diritto-dovere di esprimere il mio punto di vista sulla vicenda.
Non l’avrei fatto se a scrivere fosse stato il solo Ferretti, a cui riconosco il diritto di cogliere ogni occasione, sia pure banale, per criticare l’attuale Amministrazione, allo scopo di prepararsi la strada per un suo ritorno alla guida della città, dopo che, nelle ultime elezioni, era stato messo ”alla gogna” dal suo “mentore”, clamorosamente bocciato dall’elettorato oritano.
Mi meraviglia, invece, l’intervento del prof. Fistetti, una persona che io stimo moltissimo per la sua profonda cultura, equilibrio, la capacità di mediazione e la indiscussa conoscenza dei problemi reali del territorio.
Si è voluto “montare” un caso, che nulla ha a che fare con la crescita sociale, economica e culturale del nostro paese.
Affermo questo per una serie di motivi.
1. I problemi della nostra città, ce ne sono tanti e gravi, non si risolvono privilegiando questo o quel ristorante; l’importante è che ci si rivolga a strutture esistenti in loco magari attuando una corretta rotazione.
2. Io ho partecipato, in passato, a diverse manifestazioni simili del Touring Club, in altre città, e il programma e la scelta del ristorante sono compito esclusivo della direzione del Touring che fa capo al Gen. Genchi e il contributo per il pranzo va versato personalmente in anticipo da tutti i partecipanti.
3. Il prof. Malva, persona correttissima, innamorato della sua città e particolarmente operativo, va invece apprezzato per aver indirizzato verso Oria una manifestazione nazionale così importante che ha consentito a persone provenienti da ogni parte d’Italia di conoscere la nostra città e di apprezzarla, creando così le premesse per un loro ritorno, con tutte le ricadute socio-economiche sul territorio che si possono immaginare.
4. Da quanto mi risulta, ci sono stati soddisfazione e apprezzamento da parte di tutti i partecipanti per l’accoglienza ricevuta. Basta con le polemiche !
Cerchiamo, invece, di fare squadra tutti indipendentemente dal colore politico, per affrontare e risolvere quei problemi che possono veramente far crescere la nostra città.
Citiamo, ad esempio, lo sviluppo urbanistico, i servizi, l’occupazione, la valorizzazione dell’ingente e importantissimo patrimonio storico-culturale che ci privilegia rispetto ai paesi vicini.

Solo in questo modo si faranno gli interessi di tutti i cittadini e l’economia del paese potrà crescere in maniera esponenziale, ponendoci come importante punto di riferimento per tutti coloro che, da ogni parte d’Italia, vorranno visitare la nostra città.

Tutto l’UDC, nelle persone del Coordinatore, dei Consiglieri comunali e dell’Assessore, esprime all'Assessore Pino Malva tutta la solidarietà e piena fiducia politica per il suo operato.

Prof. Cosimo MORETTO - Presidente e Coordinatore UDC - Oria

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...