venerdì 6 gennaio 2012

LETTERA APERTA ALL'AMICO MINO RECCHIA, COORDINATORE CITTADINO DEL MOV/TO POL/CO "LA PUGLIA PRIMA DI TUTTO"

Caro Mino,
preferisco scriverti una lettera aperta e non un messaggio privato per dirti alcune cosette che è bene che sappiano anche tutti i lettori di questo blog.
Preliminarmente ti spiego perchè non ho pubblicato il volantino che mi hai inviato ieri e che altri blog e/o organi di informazione (che tu hai ringraziato attraverso Facebook) hanno invece deciso di pubblicare in piena autonomia e libertà.

Non ho pubblicato per il semplice motivo che non ritengo di poter condividere la tua tesi secondo la quale è definitiva la sentenza del Tar di Lecce che recentemente ha ridimensionato il numero dei consiglieri della maggioranza.

Se non ho capito male il 31 di questo mese vi sarà presso il Consiglio di Stato l'udienza collegiale per decidere sulla richiesta di "domanda cautelare" (cd: sospensiva). Infatti in data 30.12.2011, con decreto N. 05712/2011 REG.PROV.CAU. un Consigliere delegato del Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di misura cautelare provvisoria richiesta al Presidente, in via d'urgenza per gravi motivi, ai sensi dell'art. 56 del C.P.A., avanzata da Pomarico & C.
Il decreto di diniego era così motivato: "Ritenuto che in ogni caso il consiglio comunale di Oria può comunque funzionare e che la procrastinazione degli effetti della sentenza impugnata sino alle determinazioni collegiali non conduce a lesioni gravi ed irreversibili; Considerato perciò che non sussistono quelle condizioni di estrema gravità ed urgenza che sole giustificano la concessione della misura cautelare richiesta;"

Mi chiedo e ti chiedo se il motivo principale di tale volantino a tua firma non sia stato quello di far sapere alla città che il consigliere comunale Lino Spina in quota a "La Puglia Prima di Tutto" non parteciperà all'eventuale "mercato delle vacche", del quale si vocifera fra piazzaioli. Eh ... già ... proprio così! Si vocifera in giro che Pomarico & C. sono comunque tranquilli, in quanto sperano nel "banderuola", nello "zompafosso", nel "voltagabbana", nel "raffreddato" .... di turno! D'altronde agli attenti osservatori come me, e (spero) come te, non è passato inosservato il comportamento ambiguo di un consigliere dell'attuale minoranza.

Dopo questa premessa, sommessamente voglio rivolgere una pubblica preghiera a te ed agli amici de La Puglia Prima di Tutto.
Come ben sai da tempo sono sparite le Sezioni Provinciali di Controllo della Corte dei Conti, ragion per cui per un corretto controllo dell'attività amministrativa è di fondamentale importanza l'attività extraconsiliare dei consiglieri comunali, i quali non possono e non devono limitare il proprio compito alla partecipazione nei consigli comunali e nelle commissioni.
Un consigliere di minoranza, facendosi eventualmente coadiuvare da collaboratori, ha il DOVERE di impegnare parte del proprio tempo libero anche allo studio delle varie delibere di Giunta e Determine dirigenziali pubblicate.
Fino ad oggi solo due forze politiche di minoranza (Amo_Oria ed Impegno Sociale) stanno assolvendo a questo obbligo, attraverso i consiglieri Angelo Mazza e Pino Carbone.

Proprio ieri un amico su Facebook mi inviava il seguente messaggio privato: "quiddi purieddi.. cu lla scusa ti l'ignoranza sta fannu li cazzi loru!". Cosa voleva dire? A ci capesci .... capesci!

Caro Mino, ti faccio tre esempi di "carte" da controllare:
1)- In data 30.11.2011 il Responsabile del Servizio Tecnico ha firmato la determina n.827/Reg. Gen. con la quale si impegnava la somma complessiva di euro 2.904,00 da corrispondere alla ditta Proto Giuseppe, s.a.s., per lavori di potatura e svellimento alberi. Lavori eseguiti presso l'asilo nido in via Latiano, in viale Delle Rimembranze, Piazza Donnolo e Ufficio Sanitario, tutte zone ricomprese nell'appalto del servizio di manutenzione del verde, affidato allo stesso Proto [CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO-SERVIZIO DI GESTIONE E DI MANUTENZIONE ORDINARIA delle aree elencate nell’Allegato “A” ELENCO DEGLI SPAZI VERDI del presente Capitolato. Detto servizio comprende, con la periodicità e le modalità dettagliate nei successivi capi, le seguenti operazioni:
- pulizia periodica delle aiuole e zone verdi, per quanto non rientrante nel servizio di igiene e nettezza urbana.
- raccolta periodica delle foglie e degli aghi di pino dalle aiuole, dagli stradelli e dalle strade, per quanto non rientrante nel servizio di igiene e nettezza urbana;
- lavorazioni periodiche del terreno;
- irrigazioni ordinarie e di soccorso;
- concimazioni in copertura;
- potatura di formazione e/o d’allevamento delle alberate;
- potature e sagomature periodiche degli arbusti;
- espianto e rinnovo piante morte
- sfalcio e scerbatura periodica dei prati;
- eventuale rigenerazione e risemina dei prati ornamentali;
- difesa dalla vegetazione infestante delle aiuole e delle zone a terreno nudo;
- controllo e rinnovo dei tutori;
- ripristino della verticalità delle piante;
- controllo dei parassiti e delle fitopatie in genere;
- mantenimento delle fioriere e delle aiuole stagionali;
- mantenimento degli stradelli e delle strade su cui si affacciano o sono inserite le aiuole o le zone a verde
- raccolta, trasporto e smaltimento del materiale di risulta dichiarato infetto o, comunque, avente rilevanza per le norme di salvaguardia fitosanitaria, ai sensi delle norme medesime.]

2)- lo stesso giorno, il medesimo Dirigente firmava la determina n.826/Reg.Gen. con la quale si liquidava la somma complessiva di euro 1375,60 alla ditta Sole Verde di Oria per abbattimento e smaltimento di n.4 palme infette da punteruolo. Nell'atto si richiama la determina 1148 del 25.11.2009 con la quale detta ditta si aggiudicava i lavori di abbattimento e smaltimento delle palme infestate esistenti sul territorio di Oria.
Domanda ovvia: siamo sicuri che le palme infestate non possono essere abbattute e smaltite in economia dalla suddetta ditta Proto Giuseppe sas?

3)- il giorno 14.12.2011, il suddetto Dirigente con determina Reg.Gen. n.867 affidava il servizio di apertura, chiusura, pulizia e custodia dei bagni pubblici comunali di Via Frascata, Piazza Senatore Carissimo e Via Torre Santa Susanna alla società cooperativa Il Sole d'Europa con sede in Oria in via G. Doria, 73.
Domanda ovvia: il lavaggio e disinfezione dei servizi igienici dovrebbero essere a carico del gestore raccolta rifiuti Monteco-Cogeir (vedere a pag.139 del PROGETTO ESECUZIONE DEI SERVIZI - Relazione Tecnica Generale - elaborato F), ragion per cui con detta determina oltre a causare un danno erariale all'Ente si favorisce un illecito arricchimento da parte del gestore raccolta rifiuti.

P.S.: Dimenticavo di farmi un'ultima domanda "Chissà se l'ex staffista del sindaco Pomarico (che per sua stessa ammissione ha curato fino al 31.12.2011 le deleghe che aveva da assessore, ovvero anche il VERDE PUBBLICO) si è mai posto le suddette domande, anche per una certa QUESTIONE MORALE, in considerazione anche del fatto che Proto Giuseppe è un suo consuocero!

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...