venerdì 30 settembre 2011

IL TAR DI LECCE HA ACCOLTO LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA PRESENTATA COL RICORSO "QUOTE ROSA COMUNE DI ORIA"

......
Nella mattinata di ieri si è tenuta presso il Tar di Lecce l'udienza per discutere la richiesta di "ordinanza cautelare" (sospensiva) di cui al ricorso contro la decisione del sindaco di Oria di non nominare nessuna donna in Giunta.
Con ordinanza n°0676 di oggi il Tar ha accolto detta richiesta. Ricordo a me stesso di essere stato il primo, in qualità di Coordinatore del Movimento Politico Persone Indipendenti Libere Unite per Oria, a credere in questo risultato e di aver preannunciato un ricorso all'indomani della costituzione della Giunta. In attesa di leggere il contenuto di detto provvedimento collegiale ringrazio pubblicamente la d/ssa Serenella Molendini, Consigliera Regionale di Pari Opportunità, per aver sposato la causa delle tre donne oritane che hanno avuto il coraggio di esporsi personalmente sottoscrivendo il ricorso, pur nella consapevolezza di poter scatenare becere reazioni da parte di qualche interessato, tipiche di un modo di fare politica aggressivo ed intimidatorio. Basti pensare che nella memoria difensiva dell'attuale intera Giunta è evidenziato che "le tre ricorrenti oritane non potevano essere nominate assessori in quanto oltre a non essersi proposte, avevano una palesata incompatibilità politica ed una totale carenza di rapporto fiduciario essendosi apertamente espresse negativamente in campagna elettorale su diversi blog nei confronti del sindaco e degli altri componenti della coalizione". Parole che non meritano nessun commento, non foss'altro per quel minimo di rispetto verso le istituzioni che queste persone rappresentano.
Un ringraziamento particolare mi corre l'obbligo di esternare all'avv. Carlo Caniglia, per l'alta professionalità, per l'impegno profuso nello studio della problematica e per l'intensa attività di ricerca che gli ha consentito di ottenere questo primo risultato, in attesa che il ricorso venga discusso nel merito.

EMILIO IURLARO A PROPOSITO DI SCUOLA: PERCHE' DIAVOLO I LIBRI NON LI SCRIVONO I PROFESSORI?

.....
[Caro Franco,
di getto Ti invio queste poche note di riflessione...
Mia moglie è appena rientrata, sconfortata, del fatto che 'i libri non arrivano', come gli è stato comunicato dalla libreria incaricata... E così lei, come tanti genitori, nuovamente a ritornare, chiedere, fare la fila... come somari.
Ma io mi chiedo e propongo. Visto che i professori si lamentano che lo stipendio è poco... che non sono giustamente remunerate le loro (non eccelse a parer mio) competenze. Perchè diavolo non li scrivono loro i libri? Anche sotto forma di dispense, trimestrali, da distribuire ai ragazzi in formato Pdf/A (possibilmente) ? Penso che abbiano tutte le competenze per farlo... anche collegialmente (per chi non sa ancora usare il computer... e sono tanti). Se io devo spendere 35 euro per un libro scritto da uno sconosciuto, del quale il Professore in aula fa il riassunto e dice ai ragazzi imparatelo... Sarei ben lieto di darne 15 al docente che certamente sarà più motivato, sia sul piano economico che personale (volutamente messi in questo ordine di importanza). Così i professori farebbero un po' di più i professori, senza occuparsi a nero di altre attività, acquisirebbero certamente più competenze, da poter trasmettere ai lodo discepoli, e ultimo, ma non meno importante, avrebbero un po più di soldini in tasca! Addidittura si potrebbe mettere su un sito, dove i professori 'uploadano' le lezioni (del mese) e gli alunni 'downloadano' i testi... Con notevole risparmio di tempi, costi, carta, trasporti, ecc., ecc.. Perchè non fare l'esperienza con il Liceo di Oria ? Per il prossimo anno scolastico ?

Emilio Jurlaro]
-------------------------------------
Ringrazio tantissimo l'amico Emilio per questo suo prezioso contributo che mi ha portato a pensare al progetto "Book in Progress"

Ne ha parlato finanche il programma Superquark di Piero Angela.

Il “Book in Progress” è un’eccellente iniziativa scolastica pensata e portata avanti dall’istituto “Ettore Majorana” di Brindisi, il cui Preside è il prof. Salvatore Giuliano, latianese (nella foto di www.brindisireport.it), eccellente persona ..... molti oritani lo ricordano quando oltre dieci anni fa frequentava la nostra Oria, in qualità di attore teatrale dilettante.

EMMA STASI INTERVIENE A PROPOSITO DELLA POLEMICA "CHIUSURA SCUOLE PER MANCANZA DI ACQUA"

.....
Poco fa mi ha telefonato la sig.ra Emma Stasi pregandomi di scrivere quanto segue a sua firma:
"Ho letto poco fa sulla Gazzetta del Mezzogiorno un articolo riguardante una polemica circa la decisione del sindaco di Oria (comunicata tardivamente) di chiudere le scuole nella giornata di ieri a causa di mancanza di acqua. Mi chiedo e chiedo a tutti gli oritani se ciò è normale oppure c'è da vergognarsi del fatto che nessun sindaco ha finora pensato di dotare le singole scuole di adeguato serbatoio di riserva idrica con annesso impianto di autoclave."

INTERVENTO DI UN GENITORE A PROPOSITO DELLA CHIUSURA SCUOLE PER MANCANZA DI ACQUA E PER PROBLEMI ALL'ORA DI ENTRATA ED USCITA.

.....
Ciao Franco,
la tua domanda nell'articolo di ieri "se quanto accaduto stamattina sia normale", io da genitore di un bambino di prima media dico che quanto accaduto è assurdo. Mia moglie come tutte le mattine lascia mio figlio all'incrocio del municipio per poi recarsi presso la scuola elementare per accompagnare il più piccolo che frequenta la seconda (dopo ti parlerò di quest'altro problema). Ieri mattina se non fosse stato per la premura di un altra mamma che ha avvisato telefonicamente mia moglie, mio figlio sarebbe sceso dall'auto e mia moglie sarebbe andata via, tranquilla che nostro figlio avrebbe trascorso la mattinata a scuola, come al solito. Posso anche capire l'emergenza, l'impossibilità ad avvisare in tempo le direzioni scolastiche posso... posso capire tutto, ma pur sforzandomi non riesco a passare oltre al pensiero che il tutto è stato gestito nel peggiore dei modi. Non sono certo una persona adatta ad amministrare una città, ma sicuramente chi ne ha le capacità e le responsabilità poteva trovare una soluzione idonea a gestire l'emergenza... e meno male che si è trattato solo (diciamo così, va) di un piccolo problema, figuriamoci in situazioni più difficili allora. Vedendo l'andazzo mi aspettavo prima o poi qualcosa di più serio, come quanto accaduto ieri mattina... (per l'andazzo mi riferisco alla poca comunicazione fra amministratori e cittadini), come se tale comunicazione fosse solo un optional... da un pò di tempo vicino alla Scuola Camillo Monaco ci sono in corso degli esperimenti di viabilità mentre i genitori subiscono e non sanno... una volta trovi tutto transennato da ambo le direzioni, un'altra volta trovi tutto libero, un'altra volta divieto solo in un senso di marcia, alcune volte alle 7,50 trovi le transenne per cui anticipi alle 7,45 per accompagnare il bambino (che ancora ha 7 anni e lo si deve accompagnare fino al salone d'ingresso) ma quest'altra volta hanno anticipato le transenne... c'è da uscire pazzi!!!, ma nessuno comunica ai cittadini ciò che è stato deciso, ciò che devono fare e, sicuramente chiedo troppo, cosa secondo i cittadini interessati nel problema è opportuno fare. Scusa dei lamenti, ma avevo bisogno di uno sfogo. Dio ti benedica, Angelo Santese.

giovedì 29 settembre 2011

STRANO MA VERO! IL COMUNE HA DOVUTO SPENDERE MOLTI NOSTRI SOLDINI PER.......

.....
Vi sembrerà strano, ma vi assicuro che è tutto vero!
Nei giorni scorsi il Comune di Oria ha dovuto sborsare la modica cifra di 2.280,00 (duemiladuecentoottanta/00) euro ad una ditta locale per lavori di pulizia straordinaria, disinfestazione e taglio erbacce presso l'abitazione di una persona che vive sola, indigente e con problemi di varia natura che non posso qui elencare per motivi di ovvia riservatezza.

Pur ritenendo a prima vista esoso detto importo, non ho elementi per dubitare della bontà dell'operazione e dell'ammontare del compenso liquidato alla ditta, ma mi sia consentita la libertà di porre a me stesso delle domande:

- per raggiungere un tale livello di degrado, nonchè di incredibile insudiciamento, da quanto tempo era abbandonata a se stessa detta persona?
- questa persona ha parenti (anche se di 4° o 5° grado) ed in caso di risposta affermativa cosa hanno fatto finora?
- i Servizi Sociali del Comune erano a conoscenza dell'esistenza di detta situazione? Ed in caso affermativo perchè hanno atteso tanto prima di intervenire?
- se detta persona non è autosufficiente a vivere da sola, esistono strumenti di legge e strutture idonee ad accoglierla?
- esistono forse in Oria altre situazioni simili, bisognose di altrettanto efficace e costoso intervento da parte dei Servizi Sociali? In caso di risposta affermativa auspico che l'assessore al ramo e rispettivi uffici intervengano immediatamente, anche al fine di evitare pettegolezzi del tipo "non tutti hanno certe parentele e/o santi in Paradiso come il signor D.C., per il quale sono stati spesi 2.280,00 euro di denaro pubblico per lavori di pulizia straordinaria, disinfestazione e taglio erbacce nella sua abitazione!"

ORIA: E' NORMALE CHE ACCADA QUESTO?

......
Image and video hosting by TinyPic
Mi viene riferito che stamattina gli alunni delle varie scuole di Oria con grande meraviglia e sorpresa hanno trovato i cancelli chiusi a causa di un'ordinanza notturna del sindaco, il quale avrebbe preso tal decisione a seguito della preannunciata interruzione di fornitura di acqua da parte dell'AQP, per la giornata di oggi.
Che dire di questa azione amministrativa? A me non è piaciuta affatto! La decisione doveva essere presa ieri e comunicata in tempo ai vari dirigenti scolastici prima dell'orario di fine lezioni.

OGGI SI FESTEGGIA SAN MICHELE ARCANGELO AL QUALE RIVOLGO UNA SUPPLICA.

..............
Oh Grande Guerriero Celeste, Angelo-Guerriero di Dio, che da sempre combatti contro le forze del male che operano nel genere umano, illumina chi stamattina deve decidere in una certa aula della Giustizia Amministrativa, affinché rigetti le richieste di una "certa parte" che ha presentato una memoria difensiva ********* (mi autocensuro...... capisciammè???).

mercoledì 28 settembre 2011

IL SANTUARIO DI MONTE PAPALUCIO DI ORIA AL MUSEO STORICO ARCHEOLOGICO DI LECCE. VIDEO.

.....
L'immagine seguente è relativa al pannello (ubicato all'interno del museo) raffigurante la scena delle offerte alla dea Demetra nel Santuario di Monte Papalucio ad Oria.
Quando sarà possibile vedere valorizzato detto importante nostro Bene Culturale, quasi unico al mondo nel suo genere?

martedì 27 settembre 2011

DA IERI 26 SETTEMBRE SONO STATE RIMOSSE LE BANDIERE COI COLORI DI ORIA AL CASTELLO.

...
Inserisci linkChe dire? Tempo scaduto! Terminato il periodo UN CASTELLO DA RACCONTARE e .... via le bandiere. Il castello era stato imbandierato il 31 luglio scorso, in concomitanza con l'attivazione dell'illuminazione esterna a spese del Comune e quindi dei cittadini di Oria.

Forse sono state tolte perchè si stavano usurando esposte alle varie intemperie? Bohhh ???

Dovrebbe essere anche scaduto il programma di visite guidate al castello con relativi orari e giorni stabiliti.
Domanda: "quando sarà possibile conoscere il nuovo programma? Domenica saranno in Oria 150 turisti provenienti da Gioia del Colle e da Bari, potranno visitare il castello ... se lo desiderano?"

ORIA -ECCO LA NUOVA UBICAZIONE DEI PARCHEGGI A PAGAMENTO. FINANCHE AL CIMITERO «di NON particolare rilevanza urbanistica» DOVRA' PAGARSI ! SCANDALOSO!

......
1. Via Erodoto di Alicarnasso: dal civico n. 5 al n. 31 (stalli n. 19 ca.);
2. Via Epitaffio: dal civico n. 43 al civico n. 49 (stalli n. 5 ca.);
3. Piazza Lama: n. 27 stalli ca.;
4. Via Latiano: dal civico n. 01 al civico n. 233 (stalli n. 100 ca.);
5. Viale Regina Margherita: dal civico n. 05 al civico n. 49 (stalli n. 13);
6. Via Giacinto D’Oria: lato dx da Piazza Lama – dal civico n. 90 al civico n. 89
(stalli n. 16 ca.); lato sx da Piazza Lama – dal civico n. 89 al civico n. 213 (stalli n.
48 ca.);
7. Via Dragonetti Bonifacio: dal civico n. 154 al civico n. 2 (stalli n. 86 ca.);
8. Via Torre S.S.: lato sx da Piazza Lorch – dal civico n. 2 al civico n. 3 (stalli n. 16
ca.); lato dx da Piazza Lorch – dal civico n. 34 al civico n. 224 (n. 90 stalli ca.);
9. Via Annibale Maria di Francia: dal civico n. 3 al civico n. 29 (stalli n. 15 ca.);
10. Via Alessandro Manzoni: dal civico n. 2 al civico n. 96 (stalli n. 70 ca.);
11. Via Isonzo: dal civico n. 80 al civico n. 36 (stalli n. 20 ca.);
12. Via Manduria: lato dx da Piazza Lorch – dal civico n. 2 al civico n. 22 (stalli n. 12
ca.); lato sx da Piazza Lorch – dal civico n. 57 al civico n. 113 (stalli n. 35 ca.);
13. Piazza Lorch: n. 25 stalli ca.;
14. Via Mario Pagano: lato sx da Piazza Lorch – dal civico n. 2 al civico n. 161 (stalli
n. 64 ca.);
15. Via Francavilla: lato sx da Piazza Donnolo - dal civico n. 1 al civico n. 49 (stalli n.
12 ca.); lato dx da Piazza Donnolo – dal civico n. 42 al civico n. 88 (stalli n. 25
ca.);
16. Piazza Ippocrate: n. 24 stalli ca.;
17. Via Frascata: dal civico n. 22 al civico n. 4 (stalli n. 59 ca.);
18. Viale delle Rimembranze: stalli n. 34 ca. (a ridosso della recinzione del Cimitero
vecchia struttura);
19. Piazzale Cimitero (recente struttura): stalli n. 160 ca.;
20. Piazza Justino de Jacobis: stalli n. 13 ca.;
21. Piazza Manfredi: stalli n. 8 ca.;
22. Via Strabone: dal civico n. 4 al civico n. 38 (stalli n. 30 ca.);
23. Via Petrarca: stalli n. 16 ca.
Per un totale di n. 1042 stalli ca.

A VOLTE RITORNANO ...... LE STRISCE BLU. IN ATTO RACCOLTA DI FIRME PER RICORRERE AL TAR.

...........
Il sindaco Pomarico e la sua Giunta ieri ha deliberato per "regalarci" la tassa dei parcheggi a pagamento.

Secondo una sentenza del TAR Lazio (cliccare QUI) per considerare legittima la decisione di un'amministrazione comunale nell'istituire delle aree di parcheggio a pagamento, la relativa delibera di G.M. deve chiarire la specifica ragione per la quale una certa zona è stata definita “di particolare rilevanza urbanistica”; la stessa delibera deve essere preceduta da uno studio che dimostri, con dati obiettivi, come (ed in base a quale criterio) il numero dei parcheggi sia stato commisurato al fabbisogno effettivo; ed in che modo le esigenze dei residenti siano state considerate.

Quindi.... ad Oria come siamo messi con le carte?

Fra l'altro proprio ieri sera ho appreso che è in atto una raccolta di firme da parte di residenti nelle zone interessate dalle strisce blu, i quali si sentono sperequati rispetto agli altri oritani per dover pagare una tassa annua di euro 240 (duecentoquaranta-euro) per un posto macchina nelle strisce blu, posto che forse quasi mai riusciranno a trovare libero nelle vicinanze della propria abitazione.
Image and video hosting by TinyPic

Dal 2009 ad oggi ho scritto tantissimi articoli per la problematica "strisce blu ad Oria". Per approfondimenti potete servirvi dei seguenti link: 1 - 2 - 3.

15° CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE. ARRIVANO A CASA I QUESTIONARI E....... A MIO PARERE, LE DOMANDE ANCHE STUPIDE.

............
Sul sito internet del Comune di Oria in un banner è scritto: ACCEDI E SCOPRI I RILEVATORI CHE POTRAI INCONTRARE - LE MODALITA' DI COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO - ED I TEMPI DA RISPETTARE. La domanda nasce spontanea: "Dove potremmo incontrare uno o tutti i 18 rilevatori oritani?"

La grande novità è che dal 9 ottobre sarà possibile compilarlo online.
Il questionario è il fulcro del 15° Censimento. Riceveremo quello indirizzato alla nostra famiglia direttamente nella cassetta della posta. La spedizione è iniziata il 12 settembre e durerà fino al 22 ottobre.
Aiuto per la compilazione: attraverso il sito dedicato.

I Comuni dovrebbero organizzare i Census Point e i Census Tour a partire dal 7 ottobre. Dal I° ottobre si può contattare il numero verde gratuito 800-069-701.

Si può decidere di compilare il questionario online. Sulla prima pagina del questionario, infatti, troveremo una password per accedere all'area del sito dedicata alla compilazione. Sarà attiva dal
9 ottobre. È quella la data ufficiale del Censimento cui occorre fare riferimento quando si risponde alle domande.

lunedì 26 settembre 2011

WWW.LABYCAR.COM : E' DI ORIA IL PRIMO VERO GESTIONALE E AUTO WEB PER PROFESSIONISTI.

.....

LabyCar Technology - Il primo vero Gestionale Auto per Autosalonisti e Concessionarie.

Software specializzato per la completa gestione tecnica, commerciale, contabile e fiscale della concessionaria mono/multimarca, dell'autosalonista e del professionista nel settore automotive.
Sviluppato da professionisti con decenni di esperienza nel settore degli Studi di Consulenza Automobilistica.

Labycar - Gestionale Vendita Auto
Boom delle Vendite OnLine di Veicoli! Gestire con efficacia l’attività per evitare errori e gravi perdite commerciali. Controllare tutte le informazioni sul veicolo, dall’acquisto alla vendita. Stampare con esattezza i documenti necessari alla vendita, storicizzare la movimentazione e gestire documenti per immagini....

Questo ed altro è possibile trovare sul nuovo sito web professionale sviluppato in aspx (la piattaforma Microsoft) dall'oritano Emilio Iurlaro della LabyInformatica. E' altresì presente una "vetrina" di auto usate di occasione.

DYNAMIC SHOOTING - SUCCESSO DELLA SQUADRA ORITANA ALLE FINALI DI NAPOLI DEL 24 E 25 SETTEMBRE (CAMPIONATO NAZIONALE FIAS)

.....
In attesa di conoscere la classifica generale e di apprendere altri utili dettagli, ho il piacere di comunicare che la squadra oritana di questo sport ha conseguito ottimi risultati. In particolare Giancarlo De Simone ha conquistato un primo premio. Felicitazioni da parte mia a questi amici che si impegnano a tenere alto il nome della nostra città.

domenica 25 settembre 2011

TG2 DOSSIER "MA CHE BEL CASTEL" .... SPUNTI DI RIFLESSIONE PER IL CASTELLO DI ORIA. -VIDEO-

......

A mio zio Pasquale Ariano venne imposto quel nome in ricordo della sua nonna (e mia bisnonna)?

Fra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo, è vissuto in Oria un personaggio meritevole di essere ricordato per le sue doti umane e per un aspetto peculiare della sua attività lavorativa. Era un “artiere”, come si diceva allora, ovvero artigiano in quanto esercitava un mestiere (allora arte) di paese. Egli svolgeva non una ma due attività: il barbiere ed il sarto ed in questo era coadiuvato dalla moglie e dai numerosi figli. Mestru Leopoldu Massa, aveva la casa-laboratorio in quell’angolo formato da Piazza Lama e Via San Lorenzo. Egli aveva in sposa Pasqualina Mazza, filatrice, la quale, morta nel novembre 1912 a soli 54 anni, aveva reso padre Mestru Leopoldu per ben 11 volte. Mestru Leopoldu aveva quel minimo di cultura che, a quei tempi, consentiva di saper scrivere ed essere un gradino più su rispetto alla stragrande maggioranza dei compaesani. A lui si rivolgevano in parecchi per chiedere consigli, per farsi scrivere le lettere da mandare ai figli soldati. Mestru Leopoldu, che amava profondamente la sua donna, rimasto vedovo a soli 60 anni, con una numerosa prole da mantenere, accudire ed educare, preferì non unirsi nuovamente con un’altra donna,

sabato 24 settembre 2011

Ciao zio Pasquale. Saremo in molti quaggiù a ricordarti.

.....
Voglio ricordarti così.... con quel tuo sorriso gioviale, quell'espressione serena e solare, col tuo modo di vestire distinto (per anni hai cucito con le tue mani i vestiti che indossavi).
Voglio ricordarti con le chiavi in mano della tua vecchia Renault 4 (prima blu e poi da te fatta riverniciare di beige, forse per renderla più giovane), con la quale ti abbiamo visto circolare fino a pochi mesi fa, nei tuoi giri in città per le spese quotidiane, oppure per recarti nella tua campagna in contrada Pupini, sulla prov/le per Latiano.
Voglio continuare a ricordarti orgoglioso di tutti i tuoi parenti, verso ognuno dei quali hai sempre avuto parole di grande stima e considerazione.
Eri l'ultimo rimasto della famiglia Ariano-Massa (soprannome LA PIZZENTI). Ci hai lasciato alla veneranda età di 91 anni, ma continuerai a vivere in noi fin quando anche noi saremo su questa terra.

Chi non conosceva Pasquale Ariano? Sarto prima e bidello poi nella scuola media Fermi per moltissimi anni.
Da sempre amico dei padri Rogazionisti di Oria, presso il cui istituto era stato ospite durante qualche anno della sua fanciullezza, all'epoca in cui (fine anni '20) fu costituita la Fanfara Giovanile della GIL, di cui fece parte (suonava il basso).

Oria. «Caro nonno, hanno venduto il "tuo" amato castello»

........
“Caro nonno ti scrivo ....... Spero che nel futuro non si debba riflettere sull’uso della pubblica illuminazione o sui tanti vincoli urbanistici che derivano agli Oritani dalla presenza del Castello!»

Cosimo Mazza -presidente dell'associazione Nuovi Orizzonti, preside in pensione, ma anche ex sindaco, ex presidente della Pro Loco e già componente il consiglio nazionale della Pubblica istruzione - ha scritto una lettera al defunto nonno paterno, che è rivolta a tutti i cittadini di Oria e che riguarda una delle vicende che più hanno appassionato la comunità negli ultimi anni: la vendita del castello svevo.

«Ricordi, timori, speranze e proposte» è il titolo della lettera aperta al nonno (nato nel 1878 e morto nel 1948) che «con fedeltà e onestà ha servito la famiglia Martini Carrissimo, conti di Castel d'Oria». Continua...... QUI.

venerdì 23 settembre 2011

NOVITA' DEL BLOG: CONTENUTI NELLA COLONNA SINISTRA (Politica ed altro)

Vi informo che nella colonna sinistra di questo sito, nella sezione Oria.News, potete leggere vari comunicati stampa, nonché comunicazioni dei Consiglieri Comunali circa l'attività istituzionale.

Nell'occasione chiedo cortesemente di inviarmi esclusivamente documenti in formato testo (word o .pdf, editabile e non formato immagine). Grazie.

ELENCO ORITANI INSIGNITI DELL'ONORIFICENZA "CAVALIERE DELL'ORDINE DI VITTORIO VENETO"

.....
Ricordate, fino a qualche anno fa ... quando moriva qualche nonnino avanti con gli anni, sul manifesto, sotto il nome, appariva la scritta CAVALIERE DI VITTORIO VENETO?
Erano ex combattenti, decorati con medaglia d'oro, che avevano prestato servizio militare per almeno sei mesi nelle forze armate italiane durante la guerra 1914-18 o durante le guerre precedenti.
Da tre anni ormai ciò non accade più perché tutti gli italiani insigniti di tale onorificenza sono deceduti, appunto nel 2008.
Per saperne di più su questo Ordine di Cavalieri cliccare QUI.

Per consultare l'elenco dei 331 Cavalieri di Vittorio Veneto, residenti ad Oria al momento della domanda, cliccare: QUI. E' stato possibile avere detto documento grazie all'interessamento di Tommaso Ferretti, nativo di Oria, da anni residente a Roma, Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

OGGI PARLIAMO DI PERSEGUITATI POLITICI AD ORIA, AI TEMPI DEL FASCISMO

.....
Tante volte vi ho parlato del sindaco Pasquale Galiano (nella foto una sua statua nella cappella ove è sepolto, presso il cimitero di Oria), a cui ritengo andrebbe intitolata una via a perenne memoria, oggi voglio mettere in luce i nomi di altri suoi contemporanei che vennero perseguitati dal regime fascista.
Lo faccio copiando-incollando una pagina presente sul sito www.anpibrindisi.it.

[ Dagli inediti fascicoli redatti nel 1932 dai Carabinieri emergono storie personali, episodi giudiziari, scelte politiche. Abbiamo scelto, suddividendole per comune, di pubblicare le sole schede che riguardano le persone ritenute “pericolose” per i loro trascorsi politici.

Oltre gli apparati di polizia del Ministero degli Interni, anche i Reali Carabinieri avevano il loro apparato di controllo. La Legione Territoriale dei Carabinieri di Bari, divisione di Brindisi, ad esempio, compila un registro, preciso e puntuale, delle “persone pericolose in linea politica” della nostra provincia. Il 30 settembre del 1932 il Maggiore Comandante della divisione, Giuseppe de Vita, invia alla Prefettura di Brindisi le schede personali di individui “politicamente pericolosi”, affinché siano iscritte negli elenchi delle persone da arrestarsi in determinate contingenze. Alcuni dei nomi che di seguito citiamo sono riportati anche nelle schede della Massara, di altri invece scopriamo l’esistenza per la prima volta. [..]

Oria

Delli Santi Cosimo fu Francesco e di Monaco Addolorala, nato in Oria l’11/2/1876, ivi domiciliato, contadino. Appartenente al Partito Socialista fece parte dell’Amministrazione rossa in Oria col sindaco Galiano Pasquale rendendosi in tale circostanza responsabile di reati di tentata truffa, di falso e di appropriazione indebita. Ha sempre fiancheggiato l’azione del Galiano tutta tesa alla violenza, alla sobillazione delle masse ed a creare disordini. Allorquando il Galiano fu dimesso dalle carceri nel febbraio del 1931 prese con lui contatto, collaborando nella campagna subdola del Galiano stesso intrapresa per generare disordini in Oria. Fu per tale motivo arrestato il 4 maggio 1931 e nei suoi riflessi fu adottato il provvedimento dell’ammonizione per motivi politici. Dato il suo passato e le sue non sopite tendenze sovversive lo si ritiene capace di organizzare, dirigere e prendere parte ad azioni delittuose collettive sovversive.

Mingolla Salvatore fu Barsanofio e di Iannini Eufrasia, nato in Oria il 15 maggio 1891, ivi domiciliato, bracciante. Già tesserato del Partito Socialista Italiano, sezione di Oria, fu uno dei più fedeli seguaci di Galiano Pasquale, partecipando ad ogni manifestazione sovversiva ed incutendo timore per il suo carattere aggressivo e prepotente. Si mantenne fedele al Galiano anche quando questi, stroncato nella sua attività, fu condannato a cinque anni e sette mesi di detenzione ed allorché questi fu dimesso dalle carceri fu tra i primi a riprendere contatto finanche portandosi allo scalo ferroviario per riceverlo. Seguendo le direttive del Galiano nell’aprile del 1921 si insinuò tra le masse dei contadini per gettarvi il seme del disordine e per sobillarne gli animi traendo spunto dal momentaneo disagio economico. Arrestato unitamente al Galiano fu sottoposto al provvedimento dell’ammonizione per motivi politici. Ciò malgrado non si mostra domato e, se non svolge alcuna attività perche strettamente sorvegliato, si fa notare sempre in compagnia di pregiudicati di dubbia condotta politica. Il 24/8/1931 fu arrestato dall’Arma di Oria perché sorpreso in stato di manifesta e molesta ubriachezza in località remota in compagnia del vigilato speciale e sovversivo Galiano Giuseppe fratello del noto confinato politico Galiano Pasquale. Pregiudicato anche per reati contro la persona, tra l’altro risulta denunziato il 17 novembre 1924 per grida sediziose. Lo si ritiene capace di organizzare, dirigere e prendere parte ad azioni delittuose collettive sovversive.


Oggiano Luigi di Leonzio e di De Stradis Concetta, nato in Oria il 18/8/1877, ivi domiciliato, contadino. Già appartenente al Partito Socialista ha sempre nutrito e nutre tuttora idee sovversive e di nella avversione al Regime. Seguace fedele del noto capo lega Galiano Pasquale e da lui educato alla scuola della violenza fu arrestato il 3 maggio 1905 per associazione a delinquere ed esplosione di bombe ed il 26/8/1924 per sparo di bomba. Il 2/6/1931 fu sottoposto ai vincoli dell’ammonizione per motivi polititi perche associatosi al Galiano nello svolgere azione occulta per sobillare gli animi dei contadini ed indurli alla perpetrazione di disordini. Uomo d’azione, capace di svolgere propaganda sovversiva, temibile per il fanatismo nutrito per la sua idea, per quanto precede lo si ritiene capace di organizzare, dirigere e prendere parte ad attività delittuose collettive sovversive.]

video

giovedì 22 settembre 2011

LO SAPEVATE CHE ........ ???

..........
La grave crisi economica in atto si sa, sta costringendo i vari enti locali ad operare dei tagli nella spesa pubblica.
A Milano, per esempio, è stato deciso di lasciare a piedi i vigili urbani del "Nucleo a cavallo". Cliccare QUI per approfondimenti.
I cavalli per gli otto vigili erano forniti dal Centro Ippico La Meriggia di Milano, di proprietà della famiglia Galiano originaria di Oria (soprannome PITOCCO).
Stefano ed Elisa Galiano (figli di Giuseppe, nonchè nipoti di Vincenzo Galiano, cl. 1925, sarto oritano, emigrato a Milano tanti anni fa), dirigono il Centro e sono entrambi istruttori.

ORIA - SAPETE DIRMI COME SI CHIAMA QUESTO ANTICO PALAZZO?

.......

CENTRO STORICO DI ORIA: LO CONOSCIAMO ABBASTANZA?

....
Osservate questa foto e ditemi a quale angolo della nostra Oria si riferisce. Se poi riuscite a dirmi chi sono le persone immortalate per caso ed il motivo della loro presenza in quel posto ..... potete considerarvi dei maghi!

mercoledì 21 settembre 2011

SAN PANCRAZIO SAL/NO - 24.9.2011 "IL CONTRIBUTO DI TERRA D'OTRANTO ALL'UNITA' D'ITALIA: IL CASO DI FRANCESCO TRINCHERA"

.....
Lions Club Erchie - San Pancrazio Sal. "Terra dei Messapi"
e Società Storia Patria per la Puglia, sezione di Oria,
il 24 settembre, con inizio alle ore 19:00, in San Pancrazio Sal/no,nella Sala Vizzi Largo Castello, 21, presentano l'evento culturale dal titolo:
"Il contributo di Terra d'Otranto all'Unità d'Italia: il caso di Francesco Trinchera"

ORIA - QUALCUNO CHE SI SENTE MAMMASANTISSIMA DELLA CULTURA E DELLA PROMOZIONE DEL TERRITORIO DOVREBBE CHIEDERE PUBBLICAMENTE SCUSA AI CONCITTADINI.

.....
Non vi tolgo il piacere di assaporare personalmente questa "perla" tutta oritana, che mi piace paragonare al finale della favola il VESTITO NUOVO DELL'IMPERATORE e vi invito a leggere il seguente articolo sul blog www.oritano.it, il cui gestore, a mio parere, va elogiato per questo flash importante su una vicenda tutta oritana, della quale qualcuno (che sapeva e sa certe cose) dovrebbe vergognarsi e chiedere scusa a tutti gli oritani!

martedì 20 settembre 2011

ORIA - CIMITERO NUOVO, ZONA DI RISPETTO. MA QUANDO MAI? LA SOLITA QUESTIONE DA PORCI!

.....
Questa foto l'ho scattata stamattina nei pressi del cimitero nuovo di Oria a seguito di una telefonata ricevuta da una signora che, in possesso di chiave per aprire lo sportello di quel marchingegno, dopo essersi avvicinata (ovviamente in apnea) per conferire i propri rifiuti non riciclabili, è stata assalita da numerose api che l'hanno costretta ad allontanarsi in tutta fretta. Per fortuna non è allergica alle punture di quegli insetti, perché la signora è stata anche punta da un'ape.
Sono convinto che chi di competenza interverrà nel modo più appropriato e farà di tutto per multare qualche oritano suino.

ORIA - IL 12 SETTEMBRE E' INIZIATO L'ANNO SCOLASTICO ED IL 24 SETT. CHIUSURA PER DERATTIZZAZIONE. E' NORMALE? A ORIA PUO' ACCADERE QUESTO ED ALTRO.

Prot. n. 19486/2011
DISPOSIZIONE SINDACALE N. 36/2011
IL SINDACO

PREMESSO che in data 24 settembre 2011 si dovrà effettuare una disinfestazione programmata in tutti i plessi scolastici facenti capo alla Direzione Didattica Statale 1° Circolo “De Amicis”, alla Direzione Didattica Statale 2° Circolo “Camillo Monaco”, alla Scuola Secondaria di Primo Grado “Milizia-Fermi”;

RITENUTO dunque di dover disporre la chiusura dei plessi indicati al fine di poter procedere alla derattizzazione e alla disinfestazione dei locali scolastici;

VISTO l’art. 50 del D.Lgs. n. 267 del 18 agosto 2000;

ORDINA

per le motivazioni indicate in premessa e qui richiamate, la sospensione delle attività didattiche e la chiusura al pubblico il giorno 24 settembre 2011 degli edifici scolastici facenti capo alla Direzione Didattica Statale 1° Circolo “De Amicis”, alla Direzione Didattica Statale 2° Circolo “Camillo Monaco”, alla Scuola Secondaria di Primo Grado “Milizia Fermi”

DISPONE

• che i Responsabili del 4° Settore e del 2° Settore adottino tutti gli atti necessari e conseguenti al presente provvedimento per quanto di rispettiva competenza;
• di notificare il presente provvedimento alle Direzione Didattiche competenti;
• di pubblicare il presente provvedimento all’albo pretorio on line.
Oria, lì 20 settembre 2011
IL SINDACO (Cosimo POMARICO)

INTERVALLO..................

........

ORIA - "Alto di Gamma" al Castello e “Purpette e Brasciole” a casa mia. (A cura di Angelo Lippolis)

Ricevo e pubblico:

[Caro Franco, è scandaloso.
Rispondo al tuo lettore De Castro e a te che mi tiri per la giacchetta con quelle sottolineature in rosso.

Il risultato della petizione da me sollecitata fu che la Dottoressa Iaculli, all’epoca Commissario Prefettizio, inviò una lettera alla Borgo Ducale Srl ed alla Soprintendenza chiedendo che si rendesse fruibile la visita del castello non solo nel rispetto dei regolamenti e delle leggi vigenti, ma anche e soprattutto in virtù dell’obbligazione assunta dal Compratore nell’atto di permuta/compravendita del Castello del 1933. Con tale lettera il Commissario chiedeva al Proprietario e al Soprintendente che si concordassero le modalità di visita e le comunicassero al Comune di Oria.

Non so se accordo ci sia mai stato e se la comunicazione al comune di Oria sia stata fatta. Ho dei dubbi. Come tutti sanno il castello è stato riaperto. Costo del biglietto di 5,00 o 7,00 €. Più o meno quanto si paga ai Musei Vaticani.

Scandaloso. Scandaloso per me e per molti dei turisti passati per la città di Oria, come molti oritani hanno potuto leggere sull’ultima edizione dello Strillone.

Riguardo al Castello che ospita “Feste Private” o finti matrimoni? Ancora più scandaloso.

Un paio di sabati addietro giunsero da Conversano al Castello di Oria, Luigi e Marica. Lei vestita di bianco e Lui in abito da cerimonia. Al seguito un centinaio di auto, molte supercar, molte di queste con dei nastrini bianchi legati alle antenne e due autobus messi a disposizione dalla coppia, uno partito da Gravina e l’altro da Conversano. Il tutto testimoniato dalla stessa coppia sul proprio wed-site (sito wedding=sito del matrimonio), immediatamente modificato a seguito di un’interrogazione in Consiglio Comunale da parte del consigliere Mazza.
Qualcuno ha però salvato il vecchio sito e mi ha inviato la versione che testimoniava l’evento al Castello con i tavoli sistemati nella Piazza d’Armi e relativi invitati. Ma guai a chiamare la cosa matrimonio.
“E’ stata una Festa Privata e poteva partecipare solo chi aveva un invito scritto”, sembra abbia dichiarato il proprietario del Castello, o almeno così hanno riportato alcuni organi di stampa.

Che si sia trattato di Festa Privata non ho dubbi. Ho serie difficoltà ad immaginare un Matrimonio Pubblico. Personalmente non sapevo che ne esistessero, fermo restando che al prossimo matrimonio che mi passa davanti lo seguirò e proverò a mangiarci gratuitamente sostenendo che gli sposi non avevano specificato che si trattasse di una Festa Privata.

Forse Festa Privata sta a significare che il Castello, in assenza di licenza di tipo A, non somministra gli alimenti e le bevande? Quindi significa che il signore che è stato visto andare al Castello in Porche era l’addetto alle consegne della società di catering commissionata dagli sposi oppure era si uno degli invitati, ma munito di invito e di colazione al sacco? Tutto questo è da intendersi che ad Oria chiunque, anche se non munito di Licenza, con l’escamotage della dicitura Festa Privata, può organizzare matrimoni? L’ escamotage adottato dal Castello vale per chiunque possegga ad Oria un qualunque spazio?

Mi sembra geniale. Oria potrebbe trasformarsi nel primo Borgo d’Italia specializzato in matrimoni, anzi in wedding. Alto di Gamma al Castello e “Purpette e Brasciole” a casa mia.
A me, cittadino di Oria, interessa poco che si sia trattato di Festa Privata o di Matrimonio. Fermo restando che ho l’impressione che tale forma di attività sia una forma di concorrenza sleale nei confronti di chi opera con licenza nello stesso settore.

A me cittadino di Oria interessa che uno sciame di auto private non invadano il centro storico di Oria, per tentare di parcheggiare nelle vicinanze del Castello, e che due autobus turistici non arrechino problemi alla già caotica viabilità.
Il primo evento organizzato al Castello ha evidenziato che non è solo un problema di Licenza o dell’eventuale modifica dello Strumento Urbanistico. Il primo Matrimonio al Castello ha dimostrato che vi è un problema di viabilità, di vivibilità dei cittadini e soprattutto di parcheggi di cui il Castello deve dotarsi, anche se non so in che modo in assenza di aree disponibili e con specifica destinazione d’uso. E quindi penso che, al momento, organizzare un Matrimonio al Castello sia un abuso e come tale vada sanzionato.

Caro Franco, sperando di aver soddisfatto le curiosità tue e del tuo lettore, volevo chiederti se, secondo te, un Matrimonio con destinazione Festa Privata possa essere annullato davanti alla Sacra Rota.

Cari saluti.
20 settembre 2011
Angelo Lippolis]

Ringrazio Angelo Lippolis per questo suo contributo. Circa la parte finale, penso che per la risposta dovremmo interpellare un esperto in Diritto Canonico.

lunedì 19 settembre 2011

A PROPOSITO DEL CASTELLO DI ORIA E DELLE MODALITA' DI VISITA (a cura di Calò De Castro, giovane laureando in Beni Culturali).

........
Ricevo e pubblico:
[Gentile signor Arpa,
non sono oritano, ma ho molti amici oritani che spesso vengo a trovare ad Oria.
Grazie al video che Lei ha pubblicato in un precedente articolo di oggi ho avuto modo di apprendere della petizione popolare organizzata dal signor Lippolis con lo scopo di obbligare gli attuali proprietari del castello a consentire sempre le visite nella zona museale dell'antico maniero.
Premesso quanto sopra ritengo che la querelle può essere definitivamente risolta grazie al Dlgs n. 42/2004 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137) , il quale così recita:
Art. 104. Fruizione di beni culturali di proprietà privata.
1. Possono essere assoggettati a visita da parte del pubblico per scopi culturali:
a) i beni culturali immobili indicati all’articolo 10, comma 3, lettere a) e d), che rivestono interesse eccezionale;
b) le collezioni dichiarate ai sensi dell’articolo 13.

2. L’interesse eccezionale degli immobili indicati al comma 1, lettera a), è dichiarato con atto del Ministero, sentito il proprietario.

3. Le modalità di visita sono concordate tra il proprietario e il soprintendente, che ne dà comunicazione al comune e alla città metropolitana nel cui territorio si trovano i beni. (comma così modificato dall'articolo 2 del d.lgs. n. 62 del 2008).

Ritengo che potrebbe farsi promotore di detta azione lo stesso signor Lippolis attraverso l'associazione onlus ArcheoclubItalia, cui risulta essere socio in base a quanto dichiarato dal giornalista di Telerama nel servizio TG.

Mi piacerebbe sapere inoltre cosa ne pensa il signor Lippolis in ordine a quanto si è scritto e detto ultimamente a proposito delle intenzioni della Borgo Ducale di far diventare il castello una location per matrimoni d'alto livello.

Grazie.
Distinti saluti.
Firmato: Calò De Castro, giovane laureando in Beni Culturali]

ATTUALITA': IL CASO "GIOVIN CRONISTA" o "GIORNALISTI PER CASO"

........
In questi giorni si è sviluppato un gran dibattito a seguito di un articolo apparso su brindisireport.it, a firma di Vittorio Bruno Stamerra, ex direttore del Quotidiano di Puglia. A mio parere vale la pena leggere i vari interventi, cliccando QUI.

Nel video seguente invece protagonista un cronista di Francavilla Fontana.

ORIA - IL CONSIGLIO COMUNALE SARA' CHIAMATO AD APPROVARE LA DELIBERA PER L'ISTITUZIONE DELLA REGIONE SALENTO E L'INDIZIONE DEL REFERENDUM CONSULTIVO?

....
Fonte notizia QUI.

domenica 18 settembre 2011

ORIA - CHE DEGRADO E SPORCIZIA IN VIA TORRE! PER QUANTO SI PUO' TOLLERARE ANCORA?

....
Alla cortese attenzione:
- del sindaco di Oria;
- dell'assessore all'ambiente e igiene pubblica del Comune di Oria;
- della Monteco srl;
- del Dr. Beppe D'Andria Ufficio Igiene ASL Oria
(Mi risparmio di fare comunicazione ufficiale, in considerazione del fatto che ho motivo di ritenere che leggete questo mio blog)

Potrei scrivere tantissimo per descriverVi lo stato di schifosissimo e puzzolente degrado, ormai cronico (da tutti i punti di vista), esistente in Via Torre, all'altezza di Via Tiziano. Mi limito a dirVi poche cose: certamente molte responsabilità ce l'hanno quei porci di oritani che buttano di tutto e di più nei pressi di quei contenitori per vetro, ma è innegabile che molte responsabilità vanno addossate anche agli organi preposti alla problematica (organi politici, amministrativi e tecnici), che non fanno il proprio dovere in modo impeccabile.
La problematica oltre a creare problemi di igiene e sicurezza fra i cittadini residenti, offre un cattivo biglietto da visita alla città, se si considera anche che nei pressi parcheggiano il proprio veicolo molti forestieri che si servono del vicino ristorante.

Suggerisco molto sommessamente di:
- eliminare quelle erbacce e bonificare, disinfettare/disinfestare tutto il sito (infestato da pulci, zecche, zanzare, scarafaggi e ratti agevolati dalla presenza di un attiguo terreno incolto);
- spostare quei bidoni in altro sito periferico (esempio dopo le case popolari in quella strada con illuminazione -alias cattedrale nel deserto-;
- in alternativa al precedente punto, pulire e disinfettare accuratamente quei bidoni (ed il pavimento su cui poggiano) con cadenza almeno settimanale. E' arcinoto che le bottiglie vengono conferite sporche e contenenti liquidi di ogni genere, che alterandosi emanano un olezzo nauseabondo;
- inventarsi ogni possibile espediente utile per l'impiego di forze di polizia al fine di multare quanti più porci possibile! Della serie multarne uno per educarne 10, 100.
Confido in un celere intervento da parte delle SS.LL., ognuno per la parte di propria competenza.
Grazie a nome di tutti gli oritani che amano la propria città.

LA SQUADRA "ASS. TIRO ALLA FUNE CITTA' DI ORIA" SI AGGIUDICA IL PRIMO TROFEO "TIRO ALLA FUNE". FOTO E VIDEO.

.....
Manifestazione riuscitissima che è piaciuta a tutti gli spettatori e ciò fa pensare che avremo altre edizioni in futuro. Un grazie quindi agli organizzatori, agli sponsor ed agli atleti che si sono cimentati in questa gara, che un tempo si svolgeva anche all'interno del Torneo dei Rioni.
Questa la classifica finale:
1)- Associazione tiro alla fune citta di Oria;
2)- Associazione tiro alla fune Faggiano;
3)- Rione Lama;
4)- Rione Giudea.

Pubblico una foto dell'evento, in attesa di poter pubblicare altre foto ed un video amatoriale da me realizzato.

IL SINDACO DI ORIA, CON LE SUE LINEE PROGRAMMATICHE EVITA DI PRENDERE IN GIRO GLI AGRICOLTORI, MA FIRMA CON LA C.I.A. DI BRINDISI LA CARTA DI M.....

.....
In un precedente articolo vi ho accennato a qualche "perla" delle linee programmatiche del sindaco di Oria.
In questo articolo voglio commentare un passaggio della discussione in aula in occasione dell'ultimo Consiglio Comunale. Il Dr. Angelo Mazza, Consigliere di "Io amo Oria" contestava al sindaco il fatto di non aver dedicato una sola parola all'agricoltura, sia nella stesura del documento sia nel corso dell'intervento in aula.
Alla contestazione di Mazza il sindaco ha replicato con toni alquanto accesi, giustificandosi più o meno così: "A me vieni a parlare di agricoltura? Proprio a me? Cosa dovevo scrivere per l'agricoltura? Dovevo forse prendere in giro gli agricoltori? Dopo anni di politica sbagliata nei loro confronti da parte del governo centrale? Etc. etc...."

Al posto del Dr. Mazza avrei posto la stessa domanda, in considerazione del fatto che

ORIA - 18.9.2011: SEMIFINALE E FINALE PRIMO TROFEO "TIRO ALLA FUNE".

......
Si è svolta ieri sera, nel piazzale dell’Istituto Antoniano Maschile (San Pasquale), via A. Maria di Francia, Oria, la prima serata del PRIMO TROFEO CITTADINO TIRO ALLA FUNE. L'evento è stato molto gradito dai numerosi spettatori.

Questa sera con inizio alle ore 19,30 potremo assistere alla semifinale e finale.

sabato 17 settembre 2011

LA SUPERIORA DELLE SUORE DEL DIVINO ZELO SMENTISCE L'IPOTESI DI VENDITA DEL CONVENTO DI "SAN BENEDETTO"

......
Gentilissimo Sig. Franco ARPA,
a proposito dell’articolo del 13 settembre 2011
[RUMORS: IL CONVENTO DELLE MONACHE BENEDETTINE DI ORIA A BREVE POTREBBE DIVENTARE ALBERGO PERTINENZA DEL CASTELLO.]
Devo congratularmi per la ricchezza di fantasia ma devo smentire quanto scritto perché mai da parte della Comunità Religiosa vi è stata la volontà o la richiesta di vendere.

Preciso che le Monache Benedettine mancano da Oria da un secolo e le Suore Figlie del Divino Zelo che attualmente gestiscono la struttura sono presenti dal 1909, da quando Sant’Annibale Maria Di Francia l’acquistò per le orfane scampate al terribile terremoto del 28 dicembre 1908 a Messina.

Da allora noi Suore, pur tra tante difficoltà, abbiamo accolto, curato ed educato tanti bambini/e e non abbiamo interrotta l’attività mai, neanche per un giorno.

La struttura attualmente si configura come Comunità Educativa per Minori, in questo momento accoglie pochi minori ma è sempre aperta e disponibile ad accoglierne altri in situazione di disagio inviati dai Tribunali Minorili o dai Servizi Sociali.

L’Equipe socio-educativa anche quest’anno è al servizio dei minori affidati nelle due Comunità “Gardenia e Nazarena”, mentre sta lavorando per la prossima apertura di un Gruppo Appartamento “madre-bambino” per il quale si è in attesa delle autorizzazioni da parte degli Organi Competenti.

A tale scopo si è resa disponibile la struttura ad accogliere gestanti e madri con figli a carico in difficoltà con l’obiettivo di rispondere sia ai bisogni materiali immediati che a quelli psico-educativi tanto delle giovani madri che dei minori.

Consapevole di questa responsabilità, la Comunità Religiosa “Suore Figlie del Divino Zelo” e l’“equipe tecnica” hanno promosso il 16 maggio u.s. all’interno della propria struttura, un convegno, patrocinato dagli Enti Locali e accreditato dall’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Puglia, sul tema: “La metodologia di rete nella progettazione dei piani d’intervento sui minori”.
Destinatari sono stati - oltre le comunità delle Figlie del Divino Zelo e dei Padri Rogazionisti di Oria - gli assistenti sociali e gli educatori che operano nelle Province di Brindisi, Taranto e Lecce.
Il programma si è avvalso di relatori responsabili delle Istituzioni: il Presidente dell’Ambito Territoriale n.3, il Sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Taranto, il Giudice del Tribunale per i Minorenni di Lecce, un esperto in politiche di Welfare–Coordinatore dell’Osservatorio Sociale di Brindisi–Coordinatore del Centro Risorse per la famiglia, uno psicoterapeuta – Dottore di ricerca in scienze dell’educazione, un docente di Metodologie e tecniche della progettazione sociale- Giudice onorario del Tribunale per i Minorenni di Taranto.
Alto è stato l’interesse dei partecipanti, oltre 130, entusiasta l’accoglienza, occasione di conoscenza ed apprezzamento per il C.E.M.: “Comunità Educative per Minori: Nazarena, Gardenia, Perla”, Oria (BR) Via Castello 28.

Per quanto su menzionato e prima di diffondere notizie, che non corrispondono a verità, la prego Sig. Franco Arpa di aggiornarvi e colgo l’occasione per porgerLe cordiali saluti.

SUORE FIGLIE DEL DIVINO ZELO
Via Castello, 28 Oria (Br)
La Superiora Suor Delia Urso
-------------------------------------------------------------------
Ringrazio Suor Delia Urso per questo Suo prezioso contributo. Tengo comunque a precisare che la mia non era notizia bensì "rumors" (equivalente di voci non confermate, pettegolezzi), alimentate, probabilmente, da qualcuno che ha appreso che il mese scorso un'educatrice, con contratto a tempo indeterminato, dopo cinque anni di lavoro, ha ricevuto una lettera di licenziamento, motivata dalla mancanza di lavoro dovuta all'assenza di bambini nell'istituto. Inoltre, non può essere considerata pura fantasia la circostanza che per la sua ubicazione il convento può essere entrato nei progetti di qualche imprenditore, al fine di realizzare una struttura ricettiva di una certa portata, di cui la città è priva.

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...