mercoledì 28 dicembre 2011

ORIA - ANTENNE TELEFONIA MOBILE - PROBLEMI MAI RISOLTI E SEMPRE ATTUALI. CI SCRIVE L'AVV. DAMIANO MATARRELLI

.....
Caro Franco,

l'essermi imbattuto nell'ennesimo post che hai pubblicato sul tuo blog qualche giorno addietro sul problema dell'inquinamento elettromagnetico in Oria (che, dopo aver più volte tentato di sottoporre all'attenzione delle svariate amministrazioni comunali che sono succedute nel corso degli anni e non avendo riscontrato altro se non un imponente e assordante silenzio, pensavo che ormai fosse soltanto una mia “fisima” priva di qualsiasi interesse per i cittadini di Oria) mi ha indotto a rinnovare al nostro attuale primo concittadino (anche in considerazione delle istanze presupposte dalla manifestazione “Oria, tra presente e futuro”) l'invito, già inutilmente rivolto al suo predecessore con la mia di pari argomento che tu avesti la bontà di pubblicare cica un anno fa, di far conoscere all'intera cittadinanza, più che a me solo, quali determinazioni abbia adottato o vorrà adottare l'Amministrazione Comunale in merito a quanto previsto dall'art. 5 del Regolamento Comunale per le installazioni di impianti per telecomunicazioni e audiotelevisivi, approvato dal Consiglio Comunale di Oria con Deliberazione n.07 del 18.03.2008, secondo cui, in fase di redazione del primo Piano di Localizzazione Comunale, da realizzarsi entro novanta giorni dall'approvazione del Regolamento, andavano adottati di interventi di delocalizzazione degli impianti già esistenti.

Allego pertanto la richiesta di che trattasi, inoltrata via e-mail all'indirizzo di posta elettronica del Comune di Oria, perchè – se lo ritieni opportuno - possa essere resa di pubblico dominio.

Ti saluto cordialmente.

Avv. Damiano Matarrelli
---------------------------------------
[Preg.mo sig. Sindaco di Oria,
stante l'intendimento perseguito da codesta Amministrazione Comunale con l'organizzazione della manifestazione “Oria, tra presente e futuro” e ritenendo ancora a tutt'oggi che non ci si possa rassegnare all'idea di dover passivamente subire le poco piacevoli conseguenze della presenza in Oria di numerose antenne per telefonia cellulare (quella della Telecom che troneggia in via E. Toti ne è solo un esempio), mi sia consentito rinnovare a Lei, tramite la presente, l'invito, già inutilmente rivolto al suo predecessore mediante pubblicazione circa un anno fa sul sito “arpa-oria.com” di precedente mia di pari argomento, di far conoscere all'intera cittadinanza, più che a me solo, mediante il mezzo che riterrà più opportuno, quali determinazioni abbia adottato o vorrà adottare l'Amministrazione Comunale in merito a quanto previsto dall'art. 5 del Regolamento Comunale per le installazioni di impianti per telecomunicazioni e audiotelevisivi, approvato dal Consiglio Comunale di Oria con Deliberazione n.07 del 18.03.2008, secondo cui, in fase di redazione del primo Piano di Localizzazione Comunale, da realizzarsi entro novanta giorni dall'approvazione del Regolamento, andavano adottati di interventi di delocalizzazione degli impianti già esistenti.
Nella certezza che Ella vorrà dare evasione a tale mia richiesta, al riguardo conoscendo la Sua disponibilità verso la risoluzione del problema dell'inquinamento elettromagnetico in Oria (tant'è che, se non ricordo male, vi era qualcosa a tal proposito nel Suo programma elettorale), porgo distinti saluti.
Avv. Damiano Matarrelli]
----------------------------------------

Chissà se l'avvocato Matarrelli sarà più fortunato di me a ricevere una risposta dal sindaco Pomarico. Per la stessa problematica ho inviato una mail con PEC in data 25.10.2011 ...... son passati due mesi e nessuno si è degnato di rispondermi. Stesso trattamento hanno avuto tante altre mie mail inviate al medesimo sindaco e per conoscenza al Prefetto. Solo ed unicamente per rispetto delle Istituzioni mi astengo dal dire cose penso di questo atteggiamento.

AL SIGNOR SINDACO di Oria
e, per conoscenza:
al Signor Prefetto della provincia di Brindisi

ISTANZA AL SINDACO
art. 70 ter dello Statuto del Comune di Oria

Il sottoscritto ARPA Francesco, titolare dei diritti di partecipazione previsti nello Statuto del Comune di Oria e, segnatamente, nell'art. 70 ter,

PREMESSO CHE:

- da cittadino oritano ho apprezzato la Sua sensibilità per la salute dei cittadini,avendo sollecitato la Telecom a rimuovere lo stato di pericolo dovuto alla mancanza di segnalazione luminosa notturna sul traliccio della telefonia mobile posta in Via Toti;

- sono pienamente convinto (anche sulla scorta di diverse ricerche scientifiche mai pienamente confutate e che attestano la nocività dell'inquinamento eletromagnetico, con effetti a lungo termine sull'organismo umano) che la presenza di tale sciagurata antenna in via E. Toti, oltre a rappresentare un vero e proprio vulnus per la città dal punto di vista paesaggistico e ambientale, costituisce un serio fattore di rischio per la
salute di tutti coloro che risiedono in quei pressi;

CONSIDERATO CHE:

-il tuttora vigente art. 5 del Regolamento Comunale per le installazioni di impianti per telecomunicazioni e audiotelevisivi, approvato dal Consiglio Comunale di Oria con Deliberazione n.07 del 18.03.2008, prevede, in fase di redazione del primo Piano di Localizzazione Comunale, da realizzarsi entro novanta giorni dall'approvazione del Regolamento, l'adozione di interventi di delocalizzazione degli impianti già esistenti fra cui va naturalmente annoverata l'antenna Telecom di Via Toti;

CHIEDE:
-di sapere se si è dato corso a quanto previsto dall'art. 5 sopra citato e/o, in caso negativo, quali siano state le ragioni impeditive e quali siano gli intendimenti di codesta Amministrazione Comunale in merito.

Nel ringraziare porgo distinti saluti.

Francesco Arpa

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...