venerdì 16 settembre 2011

ORIA - PROBLEMATICA "GREMBIULE NERO PER LE FEMMINUCCE" DELLE SCUOLE MEDIE.

.....
Come ho già scritto in precedenza, in questi giorni si è sollevato l'ennesimo polverone per questa vicenda che, a mio modesto parere, ha dei risvolti che non sono del tutto chiari e mi piacerebbe ricevere dei contributi da genitori con tanto di identità certa.
Approfittando del fatto che la Gazzetta del Mezzogiorno non ha blindato sul sito internet i seguenti articoli, faccio un copia-incolla al fine di avere una base su cui riflettere e poter fare delle considerazioni. I due articoli, datati rispettivamente 14 e 16 c.m., li troverete in calce a questo articolo.

Orbene, ho avuto modo di apprendere da alcune "zanzare" che il preside avrebbe deciso di autorizzare provvisoriamente le alunne a NON indossare il grembiule, in considerazione delle alte temperature di questi giorni ed in attesa che si effettuino apposite votazioni fra tutti i genitori, che saranno chiamati a pronunciarsi su FAVOREVOLE o CONTRARIO all'uso del grembiule per le femminucce.
Analoga votazione avvenne l'anno scorso e la maggioranza optò per il SI all'uso del grembiule. In democrazia, dicesi, conta la maggioranza e la minoranza si deve adeguare.
Corre voce che in nome della non discriminazione i genitori contrari all'uso del grembiule per le femminucce vorrebbero imporre ai maschietti analogo obbligo, ossia l'adozione di una "uniforme d'istituto" differenziata per l'uno e per l'altro sesso (del tipo: gonna per le femmine e pantaloni per i maschi).
Sempre secondo una vox populi pare che alcuni genitori avrebbero richiesto dei preventivi a negozi specializzati e la spesa per un completo si aggirerebbe su sessanta euro circa e quindi 120 euro per due completi se si considera che può rendersi necessario un ricambio.
Come sempre accade in casi del genere è difficile mettere d'accordo tutti.
Le motivazioni pro e contro il grembiule sono tante ed io, sinceramente, non ho nessuna voglia di prendere posizione.
Al fine di creare un dibattito, civile e democratico, mi dichiaro comunque disponibile ad ospitare in questo mio spazio scritti con tanto di firma, provenienti da persone reali.


ARTICOLI DELLA GAZZETTA:
http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=455706&IDCategoria=1
16.9.2011


Oria, le studentesse non indosseranno il grembiule nero.

ORIA - Acqua sul fuoco. È quella che ha gettato il dirigente scolastico Vincenzo Sportillo all’indomani delle ennesime proteste per quel grembiule nero (eredità di una scuola ormai lontana) che le ragazze della media Milizia-Fermi erano costrette ad indossare. Solo le ragazzine, peraltro, perchè gli studenti maschi potevano vestire a piacere. «Erano» perchè qualcosa è cambiato da quest’anno, anche se il preside non ha voluto replicare alle accuse di alcune mamme, giustificate dal fatto che non sapevano ancora che le loro figlie non rischiano più provvedimenti se si presentano in classe senza il contestato grembiule.
«Considerate le numerose richieste e le autorizzazioni verbali già concesse - ha scritto il preside nel sito internet della scuola - le alunne possono non indossare il grembiule durante le attività didattiche». Sembra che alcune ragazze, il primo giorno di scuola, abbiano chiesto al dirigente di togliere il grembiule per il gran caldo di questi giorni. Il preside ha subito autorizzato ma - sotto sotto - forse ha colto la palla al balzo per poi scrivere sul sito che tutti possono essere autorizzati a «non indossare il grembiule». Tuttavia, sempre nel sito, è scritto: «Si coglie l’occasione per raccomandare a tutti gli alunni l’uso di un abbigliamento adeguato e rispettoso della Scuola».
Una frase - fanno sapere dall’istituto - che non si riferisce solo alle ragazze ma anche agli alunni di sesso maschile.
Niente grembiule, insomma, ma doveroso decoro. Tra le mamme la notizia del cambiamento «epocale» per questa scuola si sta diffondendo in questi giorni. Di certo, la protesta ha avuto i suoi effetti ed è arrivata questa autorizzazione da parte del preside che tutto avrebbe voluto tranne far sollevare il polverone che comunque è riuscito a dare una certa notorietà alla «media» oritana.

---------------
http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=455270

Oria, grembiule nero solo per le ragazze e i genitori protestano.
14.9.2011

ORIA - Anno (scolastico) nuovo, problema sempre uguale. «Come da regolamento», verrebbe da dire. Con l’attuale crisi, non sarà dei più rilevanti da un punto di vista economico, ma - esattamente come accadde un anno addietro - le protagoniste (e le loro famiglie) non l’hanno proprio mandato giù. Il grembiule nero, infatti, uniformerà pure le fattezze e renderà tutte
uguali, ma insomma... Insomma come esattamente un anno addietro - era il 14-15 settembre 2010 - anche in queste ore c’è chi dice alla scuola media «Milizia-Fermi» che «quel grembiule nero riporta indietro nel tempo».
Lo scorso anno un genitore fece istanza al dirigente perchè fosse abolito l’obbligo del grembiule. Se la questione si ripropone, evidentemente, le cose sono rimaste esattamente come un anno fa. L’anno scorso, nella lettera indirizzata al dirigente scolastico si scriveva: «Anche quest'anno il primo giorno di Scuola delle Medie Inferiori si è aperto con la sfilata di camici neri. Il regolamento della scuola media di Oria prevede che le ragazze debbano indossare il grembiule nero mentre i maschietti sono esonerati da questa triste regola, sfoggiando abiti di ogni marca, colore, stile e gusto come è giusto che sia». «Anche quest’anno» indicherebbe proprio la continuità del regolamento, che vige ancora benchè lo scorso anno, col cambio del dirigente, si pensava davvero ad una svolta che poi non c’è stata. E allora? «Allora nulla...» diceva ieri mattina uno dei genitori, dopo aver accompagnato la figliola a scuola.
Lo scorso anno i genitori fecero chiaramente intendere che non intendevano «recedere», annunciando il loro «dissenso in tutti i modi nel rispetto dei docenti di tutta la scuola. Questa esigenza nasce dal volere sostenere l'uguaglianza tra i ragazzi senza nessuna descriminazione iniziando dal camice nero. Il grembiule - aggiungevano - è umiliante per le ragazze e fortifica nel ragazzo il concetto di inferiorità femminile». E quest’anno cosa accadrà? C’è chi propone di rivolgersi ad un avvocato amministrativista, chi intende coinvolgere quante negli organismi degli enti sono deputate alle questioni della «parità di genere». «E se accadesse - sospettava un genitore ieri mattina - che in nome della non discriminazione impongono il grembiule anche ai maschietti?».

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...