martedì 30 agosto 2011

NEI SECOLI SCORSI SAN BARSANOFIO VENIVA IMPLORATO PER SECCARE I FICHI. POESIA DEL '700.

......


Poesia tratta dal libro "Barsanofio di Gaza. Prima splendor dell'Asia e poi di Oria." del prof. Luigi Neglia.
Ssò stancu, benimia, di chiù sintiri
A gloria di lu santu Prutittori,
Ca pi nù Giustinianu Impiratori
Reticu Nisturianu a cunvirtiri.
Ssì mmurtalou. E ccè mi si po' ddiri?
Cca nnù Lioni ci faccia tirrori,
Lu guariu, lu mmansiu, e poi di fori
Caricu cu lli 'ncini a trasiri.
Ccù tuttu questu, cieddi s'è 'mpignatu,
Ccupprea stù santu nuestru, ci vidimu
Trubata l'aria, lu Cielu nnuvulatu.
Ci chiovi, mara nnui, cce scià facimu?
Marsanofriu ti preu ngiunicchiatu:
Fà siccari li Fichi a quanti simu.

TESTO IN ITALIANO
Sono stanco, dolcezza mia, di sentire ancora,
a gloria del santo Protettore,
che per un Giustiniano imperatore
eretico nestoriano a convertire,
Si immortalò. E che mi si può dire?
Che un leone che incuteva terrore
lo guarì, lo ammansì, e poi da fuori
carico dì uncini dovette entrare.
Con tutto questo, nessuno si è impegnato
a pregare questo nostro santo, se vediamo
l'aria turbata, il ciclo rannuvolato.
Se piove, poveri noi, che andiamo a fare?
Barsanofio, ti prego ora in ginocchio:
fai seccare i fichi a quanti siamo.

Image and video hosting by TinyPic

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...