martedì 17 aprile 2012

"Mi llavu li mani e lu culu"

Un tempo ad Oria, quando ancora non esistevano le caffettiere, il caffè si faceva bollire in una cioccolatiera e prima di servirlo si doveva colare. Una volta accadde che in una casa signorile arrivò un ospite di riguardo. Allora il padrone di casa chiamò la domestica per ordinarle di servire il caffè. Al chè la povera donna rispose al padrone: "Subito dottò, mi llavu li mani e lu culu". Ovviamente intendeva dire che doveva colare il caffè.
N.B.: questa chicca del passato è stata donata dall'amico Tonino Italiano, oritano residente da anni in provincia di Trieste.

Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...