giovedì 18 ottobre 2018

ORIA - CONSEGUENZE DELL'ASSENZA DI SPAZZAMENTO DELLE STRADE E DEL DISERBO

Piazza Ippocrate
Ufficio Postale
Preliminarmente devo precisare che le foto pubblicate nel post precedente risalgono al 07.10.2018, giorno in cui le ho pubblicate su Facebook in risposta a dei commenti del giornalista oritano Claudio Matarrelli. Aver pubblicato  dette foto forse è servito a sollecitare qualche signore del palazzo a dare il via ad una ripulita in quel sito, dopo alcuni mesi di totale abbandono. Operazione che è avvenuta 3-4 giorni addietro.
Averle pubblicate in questo blog nella giornata di ieri (pochi minuti dopo aver appreso dalla Monteco certi dettagli) è stato un modo per mettere in evidenza gli effetti, a mio parere disastrosi, derivanti dalla eventuale decisione   presa da qualche sindaco (di sesso maschile) o commissaria prefettizia, di ridimensionare il servizio di spazzamento ed azzerare il servizio di diserbo, previsti dal capitolato d'appalto e dalla proposta tecnica progettuale di detto gestore. Non mi risultano proteste da parte di politici di minoranza allorquando è stata adottata tale decisione. Ho sottolineato eventuale decisione per il semplice fatto di volermi cautelare da eventuali smentite ad opera di soggetti interessati.
Comunque, ritengo che nessuno può smentirmi se affermo che molte vie e piazze continuano ad essere sporche e ammorbate da erbacce. A comprova di ciò pubblico un po' di foto scattate stasera in Via Francavilla, Piazza Ippocrate, Ufficio Postale Via Frascata, Viale Ippocrate, Piazza della Libertà, Via Indipendenza, Via Strabone, Via dei Messapi, Via Manduria, Via Attilio Regolo, Via dei Saliconi.
Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate


Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Piazza Ippocrate

Viale Ippocrate

Via della Costituzione

Cortile Ufficio Postale Via Frascata

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà

Piazza della Libertà

Via Indipendenza

Via Francavilla

Via dei Saliconi

Via Attilio Regolo

Via Manduria

Via dei Messapi

Via Strabone

mercoledì 17 ottobre 2018

ORIA - LA CITTA' E' SPORCA E PIENA DI ERBACCE LUNGO LE STRADE E NELLE PIAZZE DI PERIFERIA.

Già, proprio così! Le strade della città non vengono spazzate e lavate; le erbacce lungo le strade cittadine e nelle piazze di periferia non vengono rimosse. Sapete il motivo? Non lo sapete?
Ve lo spiego io per averlo appreso casualmente stasera a seguito di un commento scritto sul social network Facebook da un portavoce del gestore di raccolta rifiuti Monteco.
Ecco il testo del commento: "... le unità destinate allo spazzamento sono state ridotte per poter effettuare senza costi aggiuntivi per il Comune la raccolta porta a porta nell'agro, inizialmente non prevista dal capitolato d'appalto. Inoltre, né il diserbo né lo sfalcio delle erbacce sono di competenza di Monteco, ma affidate dal Comune ad altra ditta."
Possiedo copia del Capitolato Prestazionale e Disciplinare di Oneri relativo alla gara di appalto del servizio, nonché la Proposta Tecnica Progettuale dell'associazione temporanea d'impresa MONTECO - COGEIR, composta da ben 171 pagine. Alla pagina 145, dal titolo DISERBO STRADALE, è scritto quanto segue: "Si tratta del servizio effettuato con le ordinarie operazioni di spazzamento limitatamente alla asportazione dell'erba nascente negli interstizi della pavimentazione stradale, dei marciapiedi e dei muri prospicienti le vie pubbliche. Integrazione sarà effettuata istituendo un servizio specifico (come previsto dall'art.10, lett. H del capitolato d'appalto) che di seguito si inquadra e si definisce nei contorni attuativi. Le piante spontanee provocano nell'ambiente cittadino inconvenienti di immediata percezione da parte dell'opinione pubblica e problemi…….".
Per non rischiare di diventare prolisso, concludo col dire che la problematica andrebbe approfondita da noi cittadini contribuenti, sedendoci attorno ad un tavolo insieme ad amministratori comunali e dirigenti Monteco e verificare, carte alla mano, se tutti i servizi previsti dal contratto vengono regolarmente eseguiti.


Le seguenti foto risalgono al 7 ottobre 2018 (data in cui le ho pubblicate su Facebook) e sono a titolo dimostrativo. In quel sito è stata fatta pulizia 3-4 giorni addietro. I problemi segnalati permangono: http://www.arpa-oria.com/2018/10/oria-conseguenze-dellassenza-di.html  AGGIORNAMENTO POST alle ore 22,16 del 18.10.2018.




ORIA - AREA MERCATO ORTOFRUTTICOLO. (senza parole)





martedì 16 ottobre 2018

ORIA - L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE A PROPOSITO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA.

Le utenze domestiche e quelle commerciali hanno gli stessi obblighi circa gli orari e le modalità di conferimento dei rifiuti, ragion per cui sui marciapiedi non dovremmo vedere bidoni di esercizi pubblici, posizionati in modo permanente!!!!!!
CITTA' DI ORIA
ASSESSORATO ALL'AMBIENTE
  In data 12 ottobre c.a., a seguito di segnalazione della Ditta Monteco circa il mancato ritiro di sacchetti contenenti rifiuti indifferenziati, si è proceduto ad una verifica a campione del contenuto delle buste abbandonate per strada o nei pressi di abitazioni, nonché del contenuto di buste conferite nei cassonetti posti nelle vicinanze di attività commerciali, a cui ne spettava l’esclusivo uso, ciò alla presenza di funzionari della Ditta Monteco, del Sindaco e di un vigile urbano. I risultati sono stati tutt’altro che incoraggianti. In tutti i bustoni aperti sono stati trovati rifiuti di varia natura (carta, organico, plastica, vetro, metallo).
 Non si è proceduto all’applicazione di sanzioni ritenendo di dover far precedere tale adempimento da un ulteriore avviso alla popolazione, un richiamo al senso del dovere, al rispetto delle norme del vivere civile e soprattutto per ricordare a tutti che, in merito all’argomento, è stata emanata dal Commissario Prefettizio, in data 5 aprile 2018, un’ordinanza a tutt’oggi vigente, a cui tutti i cittadini devono attenersi pena l’applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie.
Si comunica, quindi, che a decorrere da lunedì 22 ottobre 2018, di concerto con i funzionari della Ditta Monteco, si procederà ad una verifica, per zone, dei rifiuti conferiti dai singoli utenti e, qualora si riscontrino irregolarità, si applicheranno le sanzioni previste nella citata Ordinanza del Commissario.
 Si raccomanda di osservare attentamente le istruzioni fornite a suo tempo dalla Società Monteco, al fine di non incorrere in sanzioni che vanno da € 100 ad € 500 a seconda della violazione.
Con l’occasione si comunica che per eventuali dubbi o richieste in merito al corretto conferimento dei rifiuti scaricare l'app Monteco e consultare la sezione “rifiutologo”, consultare il sito internet Monteco o chiamare il numero verde 800.80.10.20

domenica 14 ottobre 2018

ORIA - 12 ANNI ADDIETRO.......

sabato 13 ottobre 2018

ORIA E I GRAVI PROBLEMI DERIVANTI DAL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI.

Nella zona del mercato settimanale del mercoledì (ed in particolare Piazza Ippocrate, Via Frascata e  Via Fleming) in questi giorni si è verificato il problema della mancata raccolta di rifiuti (contenuti in dei bustoni) da parte del gestore Monteco.
Da informazioni da me raccolte è emerso che quei bustoni, contenenti rifiuti indifferenziati, erano stati depositati sulla pubblica via da ignoti, in ore antecedenti il mercato del mercoledì. Pare che la Monteco abbia impartito ordini ai propri operatori di non prelevare, come in passato, detti rifiuti indifferenziati, che di fatto sono rimasti sui marciapiedi fino alla mattinata odierna. Il prelievo è stato possibile grazie all'interessamento dell'amministrazione comunale. Infatti nella serata di ieri, venerdì, alcuni componenti della Giunta hanno effettuato un sopralluogo nella zona interessata ed hanno rassicurato alcuni residenti che nell'immediato saranno  prese importanti decisioni in merito e che "la musica cambierà". Lo spero proprio, anche se sono curioso circa la natura dei provvedimenti che saranno adottati. Una cosa è certa: non viene esercitata nessuna vigilanza, sia nei confronti degli incivili che abbandonano i rifiuti, sia nei confronti del gestore Monteco per il rispetto del capitolato d'appalto, se si considera che i residenti della zona lamentano una scarsa pulizia delle strade (in particolare nella giornata del mercoledì) dovuta anche al fatto che gli operatori ecologici non aspettano che tutti i commercianti liberino la sede stradale.
La Monteco, inoltre, pare non rispetti il capitolato d'appalto circa l'obbligo di eliminare l'erba spontanea lungo le  strade ed i marciapiedi.
Vedremo…. disse il cieco!!!









venerdì 5 ottobre 2018

ORIA - RITIRATO ARGOMENTO DA PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE.

In relazione al mio precedente post, vi informo che in data odierna ai consiglieri comunali è stata notificata una comunicazione a firma del presidente del consiglio comunale, concernente la decisione di aver ritirato dall'odg del prossimo consiglio comunale l'argomento n.8 "Approvazione bilancio consolidato esercizio 2017", con la seguente motivazione: "....gli uffici Finanziari hanno comunicato per le vie brevi che non sarà possibile acquisire il prescritto parere dei revisori dei conti in tempo utile per consentire di affrontare la discussione dell'argomento nel prossimo Consiglio Comunale".
Ciò premesso, a mio parere, la relazione dei revisori dei conti doveva essere inviata ai consiglieri comunali insieme alla convocazione ed ai documenti contabili.
Resta il dubbio se la convocazione doveva essere recapitata ai consiglieri in un termine non inferiore a 20 giorni rispetto alla data del Consiglio. Potremo verificarlo in occasione della prossima convocazione per discutere ed approvare detto argomento.


giovedì 4 ottobre 2018

ORIA - COMUNE: APPROVAZIONE BILANCIO CONSOLIDATO, IRREGOLARE CONVOCAZIONE CONSIGLIO COMUNALE?

Il giorno 28.9.2018 il presidente del Consiglio Comunale ha convocato il Consiglio Comunale per il giorno 8 ottobre. Fra i punti all'odg vi è l'Approvazione del Bilancio Consolidato esercizio 2017.
Ho motivo di ritenere che detta incombenza aveva scadenza 30 settembre e che la relativa documentazione, unitamente alla convocazione, doveva essere recapitata ai consiglieri in un termine non inferiore a 20 giorni rispetto alla data del Consiglio. Se non erro  è lo stesso TUEL a stabilire che il rendiconto di gestione è messo a disposizione dei consiglieri comunali entro un termine non inferiore a 20 giorni.


Per ingrandire cliccare sull'immagine

mercoledì 26 settembre 2018

ORIA - CHE FINE HA FATTO IL PROMESSO FINANZIAMENTO REGIONALE DI 900mila euro?

(a mezzo PEC)
Al Presidente Regione Puglia - Bari
All'Assessore Regionale Turismo e Cultura - Bari
Al Consigliere Regionale Fabiano Amati - Bari
Alla Sindaca del Comune di Oria
^^^^^^ Da cittadino oritano, chiedo cortesemente alle SS.LL. illustrissime se ha avuto seguito il comunicato stampa qui riportato, datato 18.5.2016, a firma del consigliere regionale Fabiano Amati, presidente commissione bilancio e programmazione.
Al Comune di Oria, stando alle dichiarazioni del dr. Fabiano Amati, doveva essere erogato un finanziamento di 900mila euro per restaurare l'antico fondo librario.
In attesa di cortese riscontro, porgo cordiali saluti.
F/to: Francesco ARPA
 --------------------
Patto per il Sud, il Consigliere regionale Fabiano Amati: “7 milioni per i beni culturali della provincia di Brindisi”
18.5.2016 -  “Brindisi, Carovigno, Cisternino, Fasano, Ostuni, San Vito dei Normanni. Sono alcune delle città del brindisino che potrebbero presto godere di un importante finanziamento per il recupero e la valorizzazione di beni immobili di particolare importanza culturale grazie al Patto per il sud, un elenco di proposte presentate dalla Regione Puglia a favore dei beni culturali della provincia di Brindisi”.
Lo dichiara il presidente della Commissione bilancio e programmazione della Regione Puglia Fabiano Amati. “Circa sette milioni di euro per i beni culturali di questa provincia previsti nel Patto per il sud.
Questi gli interventi e i comuni interessati:
– Comune Brindisi: 1 milione di euro per la valorizzazione e la fruizione delle torri costiere ‘Torre Testa e Torre Punta Penne’;
– Comune di Ostuni: 1 milione di euro per interventi di recupero e restauro del complesso monastico di San Francesco finalizzato alla fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale;
– Comune di Celle di San Vito: 415 mila euro per il recupero, il restauro e la valorizzazione della chiesa di San Vito e connessi edifici storici;
– Comune di Carovigno: 676.563,10 euro per interventi di recupero, restauro e valorizzazione del chiostro e prospetto principale del Convento del Carmine Maggiore;
– Comune di Cisternino: 112 mila euro per interventi di recupero e consolidamento della Torre dell’orologio;
– Comune di Erchie, 588.601,73 euro per lavori di restauro e ripristino della biblioteca comunale di Erchie e conversione in spazi polivalenti;
– Comune di Ceglie Messapica: 904.192,48 euro per interventi di restauro, valorizzazione e fruizione del Castello Ducale;
– Comune di Oria: 900 mila euro per il fondo storico librario;
– Comune di Fasano: 965 mila euro per il recupero, restauro e la valorizzazione dell’ex asilo ‘Ignazio Ciaia’ del Chiostro dei minori osservanti in corso Vittorio Emanuele;
– Provincia di Brindisi: 317.300,00 euro per il Museo esperenziale con Spin-off dell’innovazione e della cultura;
– Comune di Mesagne: 959 mila euro per l’adeguamento a norme, valorizzazione e fruizione del castello di Mesagne”.
“Il piano degli interventi – conclude Amati – sarebbe quindi importante soprattutto perché si andrebbe a valorizzare un patrimonio immobiliare di rilevanza culturale e storica per il territorio“. Fonte: https://www.ostuninotizie.it/news/politica/2016/05/18/patto-per-il-sud-il-consigliere-regionale-fabiano-amati-7-milioni-per-i-beni-culturali-della-provincia-di-brindisi/

sabato 22 settembre 2018

ORIA - ALLA PRO LOCO NON SI POTRA' PIU' VOTARE PER DELEGA (finalmente)

Al signor Andrea Almiento, presidente p.t. della Pro Loco di Oria (a mezzo mail info@torneodeirionioria.it)
e, per competenza: al Presidente della Regione Puglia - Bari - (a mezzo PEC)
All'Assessore Regionale al Turismo - Bari - (a mezzo PEC)
e, p.c.: Al sindaco della città di Oria (a mezzo PEC)


Preg/mo Signor Andrea Almiento,
nell'augurarle buon lavoro quale nuovo presidente della Pro Loco, in qualità di socio di detto sodalizio, la invito a prendere formalmente atto delle seguenti comunicazioni:
-essendo socio da circa un ventennio, nelle varie assemblee a cui ho partecipato ho sempre fatto presente al presidente di turno, l'illegittimità di riscuotere le quote sociali a fine anno, se si considera che il pagamento della quota sociale è condizione indispensabile per partecipare alle assemblee e poter votare.
E' arcinoto che all'inizio di anno si svolge l'assemblea ordinaria dei soci per l'approvazione del bilancio consuntivo per l'anno precedente e che in detta occasione nessuno dei partecipanti è in regola col pagamento della quota sociale.
Negli anni scorsi, in occasione del rinnovo del consiglio di amministrazione si è addirittura consentito di votare a coloro che non avevano pagato la quota sociale per l'anno precedente, consentendo di farlo all'atto del voto, nonostante lo Statuto tipo delle Associazioni Pro Loco della Puglia di cui alla L.R. 1990, n.27 (Deliberazione di Giunta Regionale Puglia n°4504 del 24.7.1990) prevedeva che la quota sociale doveva essere versata improrogabilmente entro il 31 gennaio di ogni anno (art.4).


All'inizio dell'anno 2007, l'allora Presidente Emilio Pinto, al fine di modificare lo statuto ed il relativo regolamento, con lo scopo di armonizzarli con le esigenze locali, nel rispetto delle linee guida di cui alla L.R. n.27/1990, nominò una speciale commissione che era così composta: Dr. Emilio Pinto, Prof. Ennio Suma, Avv. Cosimo Iacovazzi, Prof. Cosimo Mazza, Ins. Dino Attanasio Danese, sig.ra Emma Stasi (Segretaria). I lavori della commissione terminarono all'inizio dell'estate 2007. Il Presidente disse che avrebbe fatto stampare il numero di copie occorrenti per poi firmarle e sottoporre la bozza all'attenzione dell'assemblea generale dei soci di fine anno. L'impegno non fu mantenuto e a tutt'oggi la situazione è rimasta tale.
Ciò premesso, la invito formalmente a costituire immediatamente una commissione col compito di modificare statuto e regolamento al fine di renderli conformi (prima ancora della prossima assemblea dei soci, prevista per novembre) alla nuova normativa regionale che disciplina le Pro Loco (L.R. 11.6.2018, n.25, BURP n.80 del 15.6.2018), la quale, oltre a ribadire che all'Assemblea prendono parte tutti i soci in regola con la quota sociale dell'anno in corso (art. 9, comma 3), ha eliminato la possibilità del voto per delega (tanto abusato finora, col risultato che nel 2005, in occasione delle votazioni per il rinnovo delle cariche sociali, su 270 votanti ben 91 erano per delega - la precedente normativa consentiva sino a due deleghe-).
In attesa di riscontro, porgo cordiali saluti.
Oria, lì 22.9.2018
F/to: Francesco ARPA -  72024 ORIA

giovedì 20 settembre 2018

ORIA - ASILO NIDO COMUNALE ANCORA CHIUSO?

È normale che l'asilo nido comunale di Oria non è ancora operativo?
Un mio amico ama ripetere " Ad Oria tutto è possibile!".

mercoledì 19 settembre 2018

ORIA - ALTRO CONTENZIOSO IN ARRIVO?

Ricordate un mio POST relativo alla costruzione di un CENTRO DIURNO PER SOGGETTI AFFETTI DA DEMENZA?
I lavori sono ancora fermi in quanto qualcuno ha dato ordine in tal senso. Chi ha dato l'ordine e per quale motivo?
Ho motivo di ritenere che siamo in presenza di un contenzioso fra il Comune e la ditta appaltatrice. Speriamo bene.

martedì 18 settembre 2018

ORIA - L'ESTATE STA FINENDO.......E LE PROBLEMATICHE?

ORIA - Una vecchia canzone recita "l'estate sta finendooooo".
Con l'evento di ieri "pedibus - giornata dell'accoglienza a scuola" sono terminati gli appuntamenti previsti dal cartellone dell'estate oritana, che oltre a sollazzare popolazione  stanziale e migratoria è servita come strategia di distrazione dai tanti problemi da risolvere (chiusura castello; buche stradali; abbandono rifiuti; rimborso TARI gonfiata 2014-2017; parcheggi a pagamento; carenza vigili urbani; contenzioso con ACOS srl; lavori fermi per costruzione Struttura per trattamento dementi alle spalle caserma CC; mancato rispetto regolamento dehors da parte esercizi pubblici; problema randagismo e insozzamento marciapiedi ad opera di cani con microchip; bagni pubblici in piazza, nonché nelle aree mercatali; gestione beni culturali; nomina direttore del museo; gestione seria dell'area ex polveriera; unificazione dei due mercati settimanali poiché  quello del mercoledì  è  ormai ridotto al lumicino; etc......etc....)

martedì 11 settembre 2018

ORIA - UN ACCENNO AD UN PASTROCCHIO IN DANNO DELLE CASSE COMUNALI.

Ebbene si, pastrocchio in danno delle casse comunali, le cui responsabilità vanno ricercate fra commissaria prefettizia, amministratori comunali e tecnici (a tempo indeterminato e determinato) che si sono succeduti dall'inizio del 2015 al 31.5.2018. Discorso a parte va fatto per i consiglieri comunali che hanno fatto come le famose tre scimmie!
Quello che pian piano cercherò di spiegarvi è strettamente correlato a un precedente POST. Il tutto è relativo a degli alloggi per utenze differenziate che dovrebbero essere realizzati in Vico G. De Marzo, con fondi regionali.
Ho scaricato dall'albo pretorio online del Comune di Oria tutti gli atti che sono stati pubblicati e sto procedendo ad attenta lettura, affinché possa realizzare un dossier ed un racconto sintetico in grado di essere facilmente compreso…...da chi ha voglia di informarsi.
Vi preannuncio che di cose curiose, strane ed interessanti ne sto scoprendo una dietro l'altra, esempio:
 - un'architetto (dell'UTC) progettista che sbaglia il cosiddetto Quadro Tecnico Economico;
- una gara per affidamento lavori vinta ed aggiudicata da una ditta di Formia (LT), la quale, in  presenza del silenzio del Comune in ordine alla conclusione del procedimento con la stipulazione del contratto di appalto, ricorre al TAR di Lecce che, accogliendo il ricorso, obbliga il Comune ad adempiere entro 60 gg. dalla data della pubblicazione della sentenza;
- nell'occasione, con delibera della commissaria prefettizia il Comune si era costituito in giudizio -per perdere una causa…...persa in partenza- e rimetterci oltre14mila euro per incarico ad un legale di Bari, per la prima volta difensore dell'Ente oritano;
 - allo stesso principe del foro barese, specialista in diritto amministrativo, la responsabile dell'Ufficio Contenzioso con determina n.680 del 5.6.2018 affida un incarico per ottenere un parere utile a fare uscire l'Ente dalle sabbie mobili ed allontanare il rischio di perdere il finanziamento regionale -oltre un Unmilione di euro-.
Salvo mie sviste, il Comune ha già speso circa 100mila euro fra spese di progettazione (leggasi incarichi vari a professionisti esterni), bando di gara e spese legali (oltre 18mila euro).
Gli atti pubblicati nell'albo pretorio online si fermano al 5 giugno u.s. e al momento non ho altre notizie.
Ripeto: molte cose strane, curiose ed interessanti sto riscontrando e che mi fanno sorgere delle domande, esempio:
- visto che è scaduto il termine di cui alla sentenza del TAR di Lecce, il contratto con la società ACOS è stato stipulato durante il decorso estate, oppure è stato nominato un commissario ad acta?
chi ha suggerito all'ufficio Contenzioso il nome dell'avvocato barese? Sarebbe bastata una piccola ricerca attraverso il web per scoprire che le sue parcelle sono salatissime, se si considera che ha chiesto al Comune di Termoli la modica cifra di  9.180.000,00 per n. 98 cause che gli erano state affidate in via fiduciaria dall’ente comunale (mica bruscolini…. parliamo di una media di 93.673,00 a causa!!!);
- è sbagliato pensare che  la ACOS srl possa essere già stata contattata da referenti di ditte locali per ottenere lavori in subappalto?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...