mercoledì 7 dicembre 2016

ORIA - TERZA EDIZIONE DEL PREMIO DI PITTURA, SCULTURA E POESIA “SANT’ANNIBALE MARIA DI FRANCIA”

L'Associazione "Ex Allievi Rog Oria e Amici di Padre Annibale Maria Di Francia" in collaborazione con l’Istituto Antoniano Maschile di Oria (BR) ed il patrocinio del Comune di Oria, organizzano la terza edizione del premio di pittura, scultura e poesia intitolato a Sant’Annibale Maria Di Francia.
“Lusingati ed incoraggiati dagli apprezzamenti degli artisti che hanno partecipato e dalla critica,con molta umiltà e spirito di sacrificio, ci accingiamo a dar vita alla terza edizione, dice Alessandro Candida, presidente dell'associazione organizzatrice, spinti  dal desiderio di rendere omaggio al Santo dei poveri, degli orfani e dei diseredati perché per primo, intese promuovere tra essi, al fine della loro redenzione umana e spirituale, l’apprendimento delle arti e dei mestieri a scopo culturale, sociale ed economico. Egli stesso fu insigne e prolifico poeta su argomenti di carattere religioso”
“Il Premio a carattere nazionale, spiega ancora Alessandro Candida, ha come obbiettivo la promozione della cultura e delle belle arti sul territorio a fine educativo e promozionale per le nuove generazioni.
La partecipazione è aperta a scultori, pittori e poeti italiani e stranieri di qualsiasi tendenza espressiva  e tema libero purché portatori  di messaggi positivi ed educativi. Le opere dovranno essere consegnate entro il 09/12/2016 e saranno esposte presso il salone delle riunioni dell’Istituto Antoniano Maschile di Oria dal 22/12/2016 al 07/01/2017 giorno della premiazione dei vincitori. Ulteriori informazioni sulla partecipazione potranno essere richieste al numero tel. 3208889532 o collegandosi al sito www.exallievirogoria.it da dove sarà possibile scaricare il regolamento ed il modulo di partecipazione dalla pagina "Premio pittura scultura e Poesia".

sabato 3 dicembre 2016

ORIA - Gino Capone controreplica al preside Mazza circa le origini del Torneo dei Rioni e Corteo storico.

 
 

martedì 29 novembre 2016

ORIA - TARGA COMMEMORATIVA DELLE SANZIONI CONTRO L'ITALIA 18.11.1935


Torno a scrivere qualcosa circa la targa commemorativa del 18 novembre 1935 (sanzioni contro l'Italia).
Sul "Giornale di Sicilia" del 3.11.1996 apparve un articolo che raccontava come l'ordine fu diramato tramite i Prefetti a tutti i Podestà d'Italia, corredato di ogni dettaglio: la lapide doveva avere un testo identico per tutti anche nell'impaginazione, avere  dimensioni graduate alla dimensione del Comune; essere di marmo bianco di Carrara; essere affissa tassativamente sulla facciata di ogni municipio ed infine essere scoperta con apposita cerimonia, senza alcun discorso, tassativamente alle ore 17 del giorno 18 novembre 1936, XV dell'era fascista.
Un grande affare per la ditta incaricata (Società Generale Marmi e Pietre d'Italia di Carrara, sezione lavorati di Viareggio), un esoso esborso per i bilanci comunali, una regia ministeriale curata nei dettagli dalla burocrazia del regime.
I formati erano tre:
- mt.1,60 x 0,80 x 0,125 costo lire 850 (riservata ai comuni più piccoli);
- mt. 2 x 1,00 x 0,20 costo lire 1650 (riservata ai comuni grandi);
- mt. 1,80 x 0,90 x 0,15 costo lire 1200 (riservata ai comuni medi).
Prezzi franco camion o franco stazione della località di partenza, restando pertanto a carico dei Comuni la spesa del trasporto a destino).
Sicuramente un costo elevato, che generò un business per i proprietari di cave e delle aziende marmifere: un giro di denari che nell'Italia dei circa 8mila Comuni significò una spesa media di almeno 2mila lire per ogni Comune. Sedici milioni di lire del 1936 che convertiti al valore attuale sarebbero euro 17.157.257,91 (oltre 17milioni di euro).

Orbene, come scritto in altro post alla caduta del regime fascista, quasi tutte le lapidi furono rimosse nelle città italiane. Ne resta ancora qualche esemplare integro (compreso quello di Oria), mentre altri esemplari pur ancora esistenti si presentano illeggibili perché la scritta fu volutamente, scalpellata, abrasa per dannarne la memoria (“damnatio memoriae”). Qualcuna è stata riutilizzata per altri scopi, come quella qui pubblicata, che reca la scritta MUNICIPIO (Comune San Felice del Benaco).

Attraverso la ricerca da me effettuata su internet sono riuscito a rintracciarne circa 55, dei quali solo una Puglia (oltre a quella di Oria). In un prossimo articolo pubblicherò l'elenco.

domenica 27 novembre 2016

PRO LOCO ORIA. TESSERARSI ADESSO PER POTER VOTARE NELLA PRIMAVERA PROSSIMA.

A COLORO I QUALI SONO INTERESSATI DICO DI AFFRETTARSI PERCHE' IL 31 DICEMBRE SCADE TERMINE PER TESSERARSI NELL'ANNO 2016 ED AVERE DIRITTO A VOTARE NELLA PRIMAVERA PROSSIMA.


IN QUALITA' DI SOCIO DELLA PRO LOCO DI ORIA SENTO IL DOVERE DI INFORMARE TUTTI GLI AMICI LETTORI DI QUESTO BLOG CHE ALL'INIZIO DEL NUOVO ANNO  SI DOVRA' VOTARE PER IL RINNOVO DELLE CARICHE SOCIALI DELLA PRO LOCO (consiglio d'amministrazione, collegio dei probiviri e collegio dei revisori dei conti).

CHI VOLESSE EVENTUALMENTE TROVARSI NELLE CONDIZIONI DI VOTARE L'ANNO PROSSIMO  NON DIMENTICHI CHE DEVE TESSERARSI IN QUESTO ANNO.

giovedì 24 novembre 2016

TARGA COMMEMORATIVA: ORIGINI

Sto per completare una ricerca su internet in ordine alla targa commemorativa dei precedenti post, la quale, come avrete capito, si trova "abbandonata" nei pressi dei gabinetti all'interno del vecchio cimitero di Oria.
Purtroppo non sono riuscito a trovare alcun particolare utile nei libri in mio possesso che parlano del VENTENNIO FASCISTA AD ORIA. Ho tentato finanche di trovare qualcosa nelle vecchie carte del Comune, ma ...... ahimè .... con esito negativo... almeno per ora.

Ciò premesso, copio-incollo qualcosa che ho reperito su internet al fine di capire le origini di detta targa. In verità avrei dovuto copiare-incollare un bel po' di cose, ma preferisco  non stancarvi e quindi ho deciso di pubblicare un poco per volta, ragion per cui a questo post ne seguiranno altri nei prossimi giorni.

Testo della targa: 18 NOVEMBRE 1935, XIV (l’anno dell’era fascista, ndr) A RICORDO DELL’ASSEDIO / PERCHE’ RESTI DOCUMENTATA NEI SECOLI / L’ENORME INGIUSTIZIA / CONSUMATA CONTRO L’ITALIA / ALLA QUALE / TANTO DEVE LA CIVILTA’ / DI TUTTI I CONTINENTI.

 Poche persone conoscono la storia di quella lapide misteriosa.
 Ma a quale “assedio” si fa riferimento? E quale terribile “ingiustizia” si era consumata in quella circostanza contro l’Italia? Il 18 novembre del 1935 è la data di inizio di quello che Benito Mussolini aveva definito dal balcone di Piazza Venezia “l’assedio societario delle inique sanzioni”, cui l’Italia venne condannata dalle Società delle Nazioni come “paese aggressore” a seguito dell’invasione dell’Etiopia da parte delle truppe del generale Del Bono, nei primi di ottobre del 1935. Del resto la Carta della Società delle Nazioni (che poi diventarono l’Onu) parlava chiaro: “… se un membro della Lega ricorre alla guerra (…) sarà giudicato ipso facto come se avesse commesso un atto di guerra contri tutti i membri della Lega…”. In quell’anno, l’Italia del regime fascista scriveva una delle pagine nere della nostra storia, invadendo uno stato libero solo per inseguire il sogno utopico di ottenere un proprio impero. L’ Italia che in quella guerra uccise più di 700 mila etiopi tra militari e civili, ricorrendo spesso anche ad armi illecite, come la terribile iprite. Eppure il fascismo denunciò l’iniziativa della Società delle Nazioni come un “perfido piano per soffocare economicamente il popolo italiano” e approfittò dell’occasione per dare vita ad una poderosa azione di propaganda contro quei paesi che cercavano di “strangolare la patria in guerra”. Fu dichiarata l’autarchia: l’Italia avrebbe fatto affidamento solo sulla produzione interna. Ma le sanzioni, tutto sommato, furono poco efficaci.

 Stati Uniti, Germania, Giappone non facevano parte della Società delle Nazioni e garantirono all’Italia alcune forniture (soprattutto petrolio e carbone) particolarmente necessarie alla guerra. E altri Paesi, colonizzatori quanto l’Italia, lasciarono intendere a Mussolini che avrebbero chiuso un occhio.
 
Le conseguenze dell’embargo furono, insomma, esattamente l’opposto di quelle che la Società delle Nazioni aveva sperato di raggiungere, perché suscitarono un’ondata di indignazione che rafforzò il consenso del regime e irrigidì la posizione del governo italiano.
 Ciliegina sulla torta, il Gran Consiglio del Fascismo dispose che ”sulle Case dei Comuni d’Italia” fosse apposta una ”pietra” a memoria delle ”inique sanzioni”, per testimoniare nel tempo l’indignazione contro le ”nazioni plutocratiche” ed esortato, in maniera retorica, all’orgoglio nazionalista. Questa è la storia quantomeno singolare di quella targa di marmo.
 Alla caduta del regime fascista, quasi tutte le lapidi furono rimosse nelle città italiane. Ne resta ancora qualche esemplare...........
Fonte:  http://www.salvoguglielmino.it/commentiArticolo.asp?idArticolo=227

mercoledì 23 novembre 2016

A PROPOSITO DI QUELLA TARGA COMMEMORATIVA......

In ordine al post precedente vi aiuto a capire dove si trova pubblicando due foto. Pubblico altresì un file audio per aiutarvi a capire di cosa si tratta.
video

martedì 22 novembre 2016

ORIA - TARGA COMMEMORATIVA DI COSA? DOVE SI TROVA?

Oggi ho avuto la prova provata che il 99,99 % degli oritani sconosce l'esistenza di questa targa in marmo, ubicata in un luogo pubblico. Fra i pochissimi che sono a conoscenza dell'esistenza si possono contare come le mosche bianche coloro che conoscono il significato e le origini.
Per il momento mi fermo qui, nella consapevolezza che qualcuno  di voi, nelle prossime ore, effettuerà una ricerca su internet.
Nelle prossime ore scriverò qualcosa a beneficio di coloro che non vogliono prendersi tale briga.
Nel frattempo proverò a consultare qualche testo di storia locale per saperne di più.

lunedì 21 novembre 2016

FESTA "VIRGO FIDELIS" PROTETTRICE DEI CARABINIERI. PER LA PRIMA VOLTA A LIVELLO PROVINCIALE SI E' SVOLTA IN TERRITORIO DI ORIA (SANTUARIO SAN COSIMO)

Articolo completo su Lo Strillone: LINK
.....


ORIA - SANTUARIO SAN COSIMO ALLA MACCHIA. PARCHEGGIO AUTO A PAGAMENTO AUTOMATIZZATO???


PRECISAZIONE: Servizio LE IENE "caso Mario De Nuzzo - Oria"

Ieri sera nel programma televisivo LE IENE è andato in onda il servizio relativo al caso "Mario De Nuzzo - Oria"
 
 
nel quale era riportata una mia dichiarazione risalente al marzo 2013, insieme ad altre interviste di allora ad altre persone.
Orbene, nel dirvi che non mi pento di aver rilasciato tale dichiarazione, mi preme evidenziare che oggi mi sarei astenuto, alla luce di atteggiamenti poco chiari e poco leali da parte di taluni soggetti interessati al caso.
Una cosa è certa: questo servizio è servito a far capire con quale sindaco è iniziata l'azione legale che ha portato alla situazione attuale.
Resta da mettere in luce un altro aspetto volutamente tenuto nascosto da chi sa. Mi riferisco all'operato degli avvocati dei De Nuzzo, ante 2012.

sabato 19 novembre 2016

ORIA - BOTTA E RISPOSTA Cosimo MAZZA - Gino CAPONE, circa origini del Torneo dei Rioni.


In relazione al titolo di questo post, pubblico una nota di Cosimo Mazza, il quale controreplica alle dichiarazioni agostane di Gino Capone.
------------

giovedì 17 novembre 2016

ORIA - 18 novembre: Commemorazione della Giornata dei Diritti dell’Infanzia


Una marcia dei Diritti sfilerà il 18 Novembre 2016 percorrendo le strade di Oria (Br).

L'evento è promosso dall'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Oria come  spunto di riflessione e conoscenza dei principali diritti dei bambini, il loro rispetto, la loro tutela, sanciti dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, adottata il 20 novembre 1989 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Pertanto, si intende favorire una riflessione sulle condizioni di vita dei bambini e dei ragazzi e offrire un contributo di solidarietà e tolleranza.

L'Assessore ai Servizi Sociali, dr. Umberto Peluso, nell'ambito di tale finalità, invita gli studenti a sfilare insieme contro ogni tipo di discriminazione.

 Queste azioni di sensibilizzazione e informazione sono un passo verso la tutela e la garanzia dei diritti dei minorenni nel mondo e in Italia.

La giornata rappresenta un lavoro di rete tra il 1 ^ ed il 2^ istituto Comprensivo, le comunità educative, Rondinea e Verso l'infinito e oltre, il Centro Anziani, i 4 rioni.

Il programma della giornata si snoderà nel seguente modo:
 Ore 8,30: gli studenti convoglieranno nel punto ritrovo piazzale antistante Comune di Oria – costituzione della sfilata;
Ore 8,45: avvio della marcia per le vie;
Ore 10,00: Previsto arrivo in piazza Lorch e inizio della Manifestazione.

Collaboreranno nell’organizzazione del progetto i ragazzi del Servizio Civile Nazionale, Prociv Arci Oria, Consultorio familiare, comunità educative per minori “Rondinea” e “Verso l’infinito e oltre", il centro anziani “Sant’Annibale Maria di Francia”, Istituto comm.le per il turismo “G.Calò” e l’Istituto professionale “Francesca Laura Morvillo-Falcone”.

lunedì 7 novembre 2016

ORIA - ASSOCIAZIONE NAZIONALE MARINAI D'ITALIA. INCONTRO CONOSCITIVO


Gli appartenenti ed ex appartenenti alla Marina Militare sono pregati di intervenire ad un incontro conoscitivo con il  C. Amm. Federico Manganiello (Delegato Reg. Puglia Mer.) che si terrà il giorno 17 novembre, alle ore 19:00, presso la sede di Oria dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia, sita in Vico Sedile, n.1.

venerdì 4 novembre 2016

ORIA - A PROPOSITO DEL FANTE GLORIOSO E DELLA GIORNATA DEL 4 NOVEMBRE. VIDEO

Nella giornata odierna in occasione della Commemorazione del 4 novembre l'amministrazione comunale di Oria, collaborata dalla locale Sezione dell'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, ha proceduto ad inaugurare le lapidi contenenti i nomi dei caduti e dispersi oritani delle due guerre mondiali del secolo scorso.
Hanno partecipato rappresentanze di scolaresche di ogni ordine e grado di istituti scolastici ubicati nella città, nonché rappresentanti di varie associazioni d'arme.
Il parroco della chiesa di San Domenico, Don Crocefisso Tanzarella, ha benedetto la corona d'alloro e le lapidi, nonché ha officiato la santa messa, celebrata subito dopo.
 Nell'occasione, si è avuto modo di assistere alla partecipazione attenta e silenziosa di tutti gli studenti.
Il sindaco, Cosimo Ferretti, nel ringraziare tutti i presenti ha manifestato il desiderio di organizzare il rientro ad Oria dei resti mortali dei caduti della seconda guerra mondiale attualmente sepolti in cimiteri stranieri (in collaborazione con i parenti).
Un plauso sincero rivolgo ai giovani del SCN, che stanno prestando la loro opera presso la locale Biblioteca Comunale, per il certosino lavoro di ricerca svolto al fine di realizzare un elenco completo di tutti i nomi dei caduti. Infatti a differenza delle precedenti lapidi quelle attuali contengono i nomi di tutti i caduti (176 della prima guerra e 96 della seconda)
 

mercoledì 2 novembre 2016

ORIA - 4 NOVEMBRE: INAUGURAZIONE LAPIDI STATUA DEL FANTE GLORIOSO


Ultimi articoli

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...